Chi è Carrie Coon, la star di Fargo e The Leftovers

È in tv con due interpretazioni di quelle che non passano inosservate, ma sembra uscita dal nulla. Non è proprio così

 variety

 

“Non sono mai stata dell’idea di diventare famosa. Avevo poco più di 30 anni, vivevo a Chicago, stavo recitando a teatro, facevo qualche doppiaggio, qualche motion capture per i videogame e avevo il mio studio sul lago. Non sono cresciuta in una famiglia materialistica, penso che i miei genitori mi stessero ancora pagando l’assicurazione della macchina, ma potevo permettermi di vivere. Ero serena. Poi è arrivata Honey.”
Carrie Coon da un’intervista al Rolling Stone USA

La Honey di cui parla, è il personaggio che ha interpretato nello spettacolo teatrale Chi ha paura di Virginia Woolf. Grazie ad esso, Carrie Coon ha acquisito notorietà a Chicago ed è approdata a Broadway, il trampolino di lancio verso un futuro non solo teatrale. Per questo ruolo ha vinto un Theatre World Award e ha ricevuto una nomination ai Tony del 2012, gli Oscar del teatro.

 american theatre

 

Quando si è trasferita a New York, Carrie è stata chiamata per due ruoli importanti: al cinema come sorella di Ben Affleck in L’amore bugiardo – Gone Girl di David Fincher e soprattutto come co-protagonista in The Leftovers, la serie tv HBO di Damon Lindelof tratta dal libro di Tom Perrotta.

Lindelof stava cercando attori poco conosciuti, che avessero potuto sposare alla perfezione i ruoli drammatici e grotteschi che aveva in serbo per loro nello show, che ha come incipit la sparizione misteriosa e improvvisa del 2% della popolazione del mondo e la reazione dei sopravvissuti.

Carrie Coon interpreta Nora Durst, una donna forte, testarda e disillusa, che troverà conforto in Kevin Garvey, interpretato da Justin Theroux, ma che sarà tormentata in tutte le tre stagioni della serie dalla scomparsa dei figli e del marito, caso più unico che raro anche durante quella misteriosa sparizione.

 

 tvline.com

 

La sua interpretazione è incredibilmente buona: non risparmia nulla, mette in gioco il suo corpo senza cercare ossessivamente il profilo migliore, utilizza all’estremo la gamma delle sue espressioni, e il suo personaggio nella serie tv riesce a farla spaziare dalla disperazione all’eros, alla tenerezza. Lei è credibile in ogni prova , anche in quelle incredibili e riesce a farti appassionare così tanto alla sua storyline da surclassare quella del protagonista maschile.

Nora è un personaggio molto importante per l’immaginario femminile in tv, è una donna che intimidisce, forte e determinata fino a fare il giro e diventare fragile. Così indipendente da sapere quando è il momento di abbandonarsi all’altro. Una donna cinica e sincera fino alla brutalità, che ama dire di no.

 

 vulture

 

Grazie al suo lavoro in The Leftovers è stata notata da Noah Hawley, il creatore della serie tv Fargo, che l’ha voluta nella terza stagione dello show antologico basato sul film dei fratelli Coen. Qui Carrie interpreta il capo di polizia di Eden Valley, che è anche una madre divorziata, in un cast in cui la star  Ewan McGregor.

 

 tv guide

 

La sua poliziotta è un po’ più cinica e meno sulle nuvole di quelle che l’hanno preceduta nel ruolo, da Frances McDormand a Allison Tolman, e diciamoci la verità, è molto difficile per i fan di The Leftovers vedere Carrie in tv in un altro ruolo e non pensare subito a Nora, ma questa concomitanza televisiva l’ha resa così famosa da non essersi ancora abituata alla curiosità improvvisa dei fan, che adesso si aspettano da lei performance sopra le righe e vogliono indagare sulla sua vita privata.

Da parte nostra, ci aspettiamo solo un Emmy grande come una casa per la sua interpretazione di The Book of Nora, l’episodio che conclude The Leftovers e che ci rimarrà nel cuore per tanto, tanto tempo.

 

 reddit

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >