TV e Cinema
di Simone Stefanini 13 Settembre 2016

Ecco perché Il Ciclone di Pieraccioni avrebbe dovuto vincere l’Oscar

Visto oggi, ha tutte le carte in regola per sbancare gli Oscar, senza se e senza ma

il-ciclone aforisi.meglio.it - © Cecchi Gori Group

Uh che titolone roboante e iperbolico, diranno i miei fedeli lettori, che hanno studiato e conoscono le parolone. Sono passati quasi 25 anni dall’uscita de Il ciclone, il capolavoro di Leonardo Pieraccioni del 1996, quello in cui un pullman di ballerine di flamenco spagnole si ferma  in un casale di campagna toscano, facendo impazzire gli abitanti del vicino paese e facendo innamorare il Pieraccioni attore.

Il film è stato campione d’incassi in quella stagione, guadagnando oltre 75 miliardi di vecchie lire e consentendo a Pieraccioni di dirigere un’altra dozzina di film bello o meno, in cui lui ha un nome strano, fa un mestiere strano, s’innamora di una modella/attrice/spagnola/sua moglie e lei ricambia non senza qualche difficoltà, poi alla fine va tutto bene e nel mezzo qualcuno ha riso perché c’era Ceccherini che diceva le parolacce con quella faccia lì.

Ma l’opera omnia di Pieraccioni oggi non c’interessa, poteva tranquillamente un regista da one hit wonder,  di quelli che gira un solo film perfetto e poi se ne va in Argentina a fare le cene segrete con Elvis e Hitler. Perché come sapete, Il ciclone è un film perfetto.

Prima di incazzarvi, state a sentire: nel 1997 ha vinto l’Oscar Il Paziente Inglese, un film che oggi serve per far addormentare i bambini iperattivi (nella cinquina finale c’era anche Fargo dei fratelli Coen, ma si sa che l’Academy ama  film violenti). Miglior film straniero Kolya, di Jan Sveràk (Repubblica Ceca), un drammone sulla rivoluzione che non ha visto nemmeno Enrico Ghezzi. Capite da soli che Il Ciclone, con una concorrenza così, avrebbe dovuto sbancare. Ecco i premi:

 

Miglior attore: Leonardo Pieraccioni

stasera-in-tv-su-canale-5-il-ciclone-con-leonardo-pieraccioni-2  © Cecchi Gori Group

Nel film è Levante, un contabile, un working class hero che vive col padre Osvaldo, il fratello mezzo matto Libero e la sorella lesbica Selvaggia in un casolare nella campagna toscana. Non era bello ma accanto a sé aveva mille donne se, avrebbe detto Gianni Morandi, perché vuoi non vuoi, alla fine le sue protagoniste se le limona tutte, e questa è una dote di cui l’Academy tiene conto. Positivo, moderato, con la faccia un po’ addormentata, dolcemente malinconico, un incrocio tra Renzi e Neruda. Mi scuso coi lettori per quest’ultima similitudine.

 

Miglior attrice: Lorena Forteza

lorena-forteza-in-una-scena-del-film-il-ciclone  © Cecchi Gori Group

La spagnola caliente che balla e non dice niente. Ve la ricordate in qualche altro film? Claro que no, perché lei ha saputo quando fermarsi, al massimo splendore della sua carriera, mentre si dimena nella campagna toscana facendo spruzzare il ramato a Ceccherini. Una dea cometa.

 

Miglior attore non protagonista: Massimo Ceccherini

b14e1d_64af2641a8fe46d9aacc6808a1beaf86

Il Charles Bukowski di Firenze raggiunge il suo climax quando si sdraia nella bara dà il via a questo epico scambio di battute, in cui c’è tutto lo spleen e la tragedia umana di chi è condannato a vivere una vita senza amore:
Libero: Tappami Levante, tappami.
Levante: Vien fuori di lì, ma che c’hai sempre voglia di scherzare? Forza.
Libero: No, voglio morire…se stanotte non ne trombo neanche una su cinque voglio morire…e siccome so già che non ne tromberò neanche una, tappami Levante…tappami se tu mi vo’ bene!

 

Miglior attrice non protagonista: Natalia Estrada

© Cecchi Gori Group  © Cecchi Gori Group

Farà innamorare la sorella Selvaggia grazie alla sua avvenenza. L’Oscar qui è alla carriera, perché una che ha lavorato con Gigi Sabani, ha partecipato al film degli 883, ha amato Giorgio Mastrota e Paolo Berlusconi, ha cantato Banane e lampone in spagnolo, se non dai un Oscar a lei, cosa deve fare una povera showgirl? Scindere l’atomo?

 

Miglior sceneggiatura originale

“Questo motorino serie Lux immatricolato 1979, è l’orgoglio della mia vita. Mai un colpo di tosse, un filo di ruggine, una sbandata fuori posto, niente. Un santo! E pensare che di motivi per lasciarsi andare a ferro vecchio, e’ ce n’avrebbe avuti parecchi. Quando gli si montò sopra in cinque per festeggiare la vittoria dell’Italia a’Mondiali del ’82, quando ci caricai sopra du’damigiane, una d’olio e una di morellino per portarle a Don Luigi, quando, per una scommessa idiota, gli bloccai la manopola del gas e lo lasciai andare da solo a diritto lungo un viottolo per vedere quanto restava in equilibrio. Ma soprattutto, ha sopportato l’avvento dei nuovi scooter. Quei moderni mostri neri a punta, che fannno 130 in salita e 160 in discesa, con quei nomi assurdi MKW, WW, KK, KK, WWF, e icché sono, una specie protetta? Insomma, il mio motorino un volea morire, ‘un gli facea paura nulla e l’è sempre andaho ‘n culo a tutti. Ma il ciclone che soffiò nell’estate del ’96, e’ portò via anche lui. Sì, perché il ciclone, quando arriva, non è che t’avverte. Passa, piglia e porta via. E a te, ‘un ti rimane altro che restare lì, bòno bòno a capire che, forse, se ‘un fosse passato, sarebbe stato parecchio, ma parecchio peggio.”

Non troverete niente quell’anno scritto meglio. Di certo, non nel Paziente Inglese.

 

Miglior colonna sonora

Ciao a tutti.

 

Miglior film

il-ciclone-1  © Cecchi Gori Group

In sostanza è un film perfettamente bilanciato, che si prende cura del pubblico LGBT (la sorella omosessuale) e lo sdogana in un contesto campagnolo, culla i sogni d’amore che nascono dalla storia estiva a termine, si preoccupa per le problematiche dei malati di mente (Ceccherini), dei maniaci sessuali (Paolo Hendel) e degli stalker (Tosca D’Aquino) e ti lascia dentro una speranza che non si prova più da almeno 20 anni. Vi risulta che Il Paziente Inglese faccia stare altrettanto bene?

 

Premio alla carriera: Mario Monicelli

La voce di Gino, il signore con cui Levante parla tutti i giorni senza vederlo mai, è di Mario Monicelli. Qui chiudiamo tutto, non c’è bisogno di parole.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >