In Cina hanno rimosso tutte le scene gay da Bohemian Rhapsody e gli spettatori non c’hanno capito niente

Perché Freddie Mercury muore misteriosamente nel fiore degli anni? Una delle tante domande che i cinesi si sono fatti dopo aver visto il film censurato

Bohemian Rhapsody non sarà il più bel film del mondo, di certo vincitore di Oscar immeritatissimi, ma nonostante tutto, alla fine, una storia seppur molto romanzata ce la tiri fuori: il ragazzo inglese immigrato e gay che, grazie al proprio percorso, diventa una rockstar internazionale tra le più luminose e poi, a causa dell’AIDS, muore giovane ed entra nel mito, lasciando almeno un paio di Greatest Hits da primo posto in classifica nel cuore dei nostalgici di tutto il mondo.

Non che il mondo stia andando nella direzione dei diritti e della pace universale, però l’edulcorata vita di Freddie Mercury e le sue feste sobrie (nel film s’intende) a base di cocaina e stalloni, non sono andate giù al governo cinese, che ha deciso di mostrare il film nel suo paese tagliando ogni riferimento all’omosessualità. Non che ce ne sia molta nel film, dal momento che per 3/4 della durata Freddie viene mostrato come un eterosessuale confuso con la ragazza, ma tant’è: Bohemian Rhapsody in Cina è un film su un ragazzo che canta, diventa rockstar, non gira mai il video vestito da donna e muore misteriosamente, a caso.

© 20th Centuy Fox  © 20th Centuy Fox

La discussione stavolta non è tanto sulla censura, che sembra davvero anacronistica nel 2020, piuttosto del fatto che, in Cina, Bohemian Rhapsody non ha senso. La scena di Freddie che dice a Mary di essere bisessuale e lei che gli risponde “No Freddie, sei gay”: sparita. La riunione tra i membri dei Queen in cui Freddie dice a tutti di aver preso l’AIDS: sparita. Pure il discorso di Rami Malek agli Oscar, quando parla di Freddie come di uomo gay è stato cambiato in “speciale”.

Risultato: i cinesi non c’hanno capito un cactus della storia dei Queen, il film ha buchi di sceneggiatura grossi come l’Etna e alla fine in molti si sono chiesti quale fosse quella strana peste che ha colto il povero Mercury e l’ha ucciso nel fiore degli anni. Chissà se faranno mai vedere The Dirt dei Motley Crue senza sesso e droga: diventerebbe un cortometraggio.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >