TV e Cinema
di Simone Stefanini 25 Febbraio 2019

L’Oscar a Rami Malek per Freddie Mercury, che fesseria

And the winner is:

È tarda notte quando Rami Malek vince l’Oscar come miglior attore protagonista per la sua interpretazione di Freddie Mercury nell’acclamato quanto inconsistente Bohemian Rhapsody. A quell’ora sto dormendo, ma sento come una strana forza oscura che turba i miei sogni sereni, un incubo assurdo fatto di di dentiere oversize, baffi posticci, deeeee oooooooooh e giacche di pelle gialla. Un orrore in cui persone create al computer seguono una ributtante riproposizione di parte del concerto al Live Aid dei Queen, la stessa band che l’anno prima suonò a Sun City durante l’Apartheid  per soldi, facendo incazzare tutti i colleghi.

Nell’incubo, persone di ogni etnia, religione e classe sociale cantano al cinema, disturbandomi. Battono le mani, intonano “Oh mamma mia mamma mia mamma mia let me go”, si disperano quando Baffo si ammala ed escono dalla sala felici perché di limoni omosessuali se ne sono visti pochi. Mi sveglio presto, controllo il mio feed, Rami Malek ha davvero vinto l’Oscar e mi sento come il 5 marzo del 2018, il post elezioni politiche che sembrava scritto da Charlie Brooker di Black Mirror.

La prima cosa che mi salta in mente è: che fesseria. Rami Malek è un adulto di 37 anni, famoso per aver indossato il cappuccio e un’espressione sola nella serie tv Mr. Robot e poi poco altro, fino alla grande chiamata per interpretare il defunto cantante degli incredibilmente non defunti Queen nel biopic più famoso di tutti i tempi, dopo l’allontanamento dal progetto di Sacha Baron Cohen per contrasto di visione d’insieme con Brian May e Roger Taylor.

In una categoria che vedeva concorrere al titolo Christian Bale ingrassato in modo inumano per Vice, Bradley Cooper cantante (davvero) in A Star Is Born, Willem Dafoe splendido Van Gogh e Viggo Mortensen (forse non la sua miglior interpretazione, quella in Green Book, ma Viggo è Viggo e non si discute), l’ha spuntata proprio Rami Malek, che in Bohemian Rhapsody ha indossato dentiera e baffi finti, outfit da sezione costumi di carnevale di Amazon e ha mimato le canzoni dei Queen.

Parliamoci chiaro: Serena Rossi in Io sono Mia ha cantato, Luca Marinelli in Principe Libero pure, Claudio Santamaria in Ma il cielo è sempre più blu anche. L’hanno preso l’Oscar? No. L’ha preso forse Joaquin Phoenix, perfetto interprete/cantante di Johnny Cash in Walk the Line? No, solo la nomination. Ha forse preso l’Oscar Federico Angelucci che ha cantato We Are the Champions a Tale e Quale di Carlo Conti? Neanche per idea, eppure somigliava a Freddie più di Rami Malek.

Ecco, il metro di paragone stavolta non è con gli attori e neanche con Beppe Fiorello che allarga le braccia su RaiUno nella fiction su Modugno: è con gli imitatori. Ha vinto l’Oscar come miglior attore un imitatore in playback e il fatto che milioni di persone in tutto il mondo abbiano amato il film, non sposta di una virgola il giudizio. D’altra parte, milioni i persone hanno votato per l’attuale governo italiano, per Donald Trump negli Stati Uniti, hanno sfilato col braccio alzato durante le storiche dittature europee, hanno pianto quando Lady Gaga piange in tv (una media di 6 volte al giorno), hanno cantano almeno una volta nella vita una canzone dei Queen. Milioni di persone non leggono un libro da una vita e, prima di Bohemian Rhapsody, hanno evitato il cinema come la peste. Grazie all’Oscar pop(ulista), ora milioni di persone penseranno che imitare qualcuno sia il miglior modo di rendergli omaggio o, peggio, di svolgere il mestiere dell’attore.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >