TV e Cinema
di Simone Stefanini 5 Dicembre 2016

Come evitare gli spoiler sui social network e sopravvivere più o meno serenamente

Oggi è molto difficile evitare gli spoiler su Facebook, ma questi consigli potrebbero tornarvi utili

No Spoiler

Stanotte negli USA è andato in onda il finale di stagione di Westworld, la serie tv western/fantascientifica che ha fatto impazzire i suoi spettatori alla ricerca di teorie sul chi, quando, come e perché. È andata in onda alle 3 di notte ora italiana e la maggior parte degli italiani, dopo la maratona referendaria di Mentana, è crollato a letto.

Stamattina ci siamo svegliati di soprassalto, come reduci da un’apnea notturna, sapendo che un solo commento potrebbe rovinarci l’attesa. Sì perché Westworld non è stata distribuita per il binge watching, cioè per guardarla tutta d’un fiato. È una serie old school, andata in onda settimana per settimana, così da dare modo ai suoi fan di impazzire su internet per trovare la verità, una roba che non capitava dai tempi di Lost.

Come ben sapete se siete fan di Game of Thrones o delle altre serie bestseller, i magazine americani se ne fottono allegramente  del pubblico europeo e 5 minuti dopo il finale di stagione, già pubblicano articoloni con titoli inequivocabili tipo “Jon Snow in realtà è Ridge Forrester”, con la foto di anteprima che spoilera tutta la serie, facendoci bestemmiare nelle lingue vive e morte.

 

spoileralert

 

La soluzione sarebbe molto semplice: evitare l’internet, in particolar modo i social per tutto il giorno, isolarsi dal 2016 e vivere tranquillamente come negli anni ’90: zero stress, zero insinuazioni, tutta sorpresa, al limite qualche squillino innocente sul Nokia 3310. Solo che non va proprio così.

Nell’internet 0.1, cioè le scritte sui muri, ricordo bene che sulla chiesa del mio paesino di provincia c’era scritto a bomboletta “L’assassino di Laura Palmer è il padre”, ben prima che fosse rivelato nella serie Twin Peaks, e lì non c’erano filtri antispoiler che tenessero. Oggi, chi lavora su internet o chi visita spesso il suo profilo su Facebook, Twitter o Instagram, sa benissimo che non avrà scampo proprio come chi andava in chiesa nel mio paese negli anni ’90, a meno che non si organizzi con alcune accortezze che potrebbero preservargli il sistema nervoso.

 

 Twitter

 

Consiglio da amici: datevi malati da tutto e da tutti e guardate la season finale. Al limite vi licenzieranno, ma almeno no spoiler. Se non siete così spavaldi, provate a seppellire i vostri device tecnologici in qualche parco lontano da casa, così da evitare di aprirli anche solo per riflesso condizionato. Ma questi sono suggerimenti iperbolici, sappiamo bene che nel 2016 senza smartphone e laptop siamo una versione meno sveglia degli zombie di Walking Dead. Pensiamo ad altro.

La miglior difesa è l’attacco, quindi invece di subire passivamente il proprio triste destino, potreste  scrivere un post in cui minacciate di botte tutti quelli che spoilereranno anche solo una scena marginale. Tenetevi però sul vago, non taggate nessuno altrimenti potreste essere passibili di denuncia e se siete mingherlini, meglio prendere in considerazione le alternative.

Altra soluzione potrebbe essere oscurare i gruppi di fan ai quali siete iscritti e nascondere dalla home tutti i vostri amici boccaloni, che sapete potrebbero parlare perché non reggono un segreto neanche pagati. Godetevi i vantaggi della censura preventiva, una pratica sottovalutata in tempi di politically correct e fatelo adesso, mentre i ragazzoni dormono ancora dopo aver fatto notte in bianco per vedere l’episodio in contemporanea con gli USA.

 

westworld-spoiler

 

L’ovvio suggerirebbe di oscurare anche i siti che sapete essere passibili di spoiler ma lì la cosa si fa più complicata, perché come in un terribile scherzo di un mago stronzo, aprire le loro pagine social per disattivare le notifiche è un attimo, ma nel farlo potreste imbattervi in una foto spoilerona o in un titolo inequivocabile e perdere il lume della ragione. Ci vuole sangue freddo e senso della geometria: andate su una pagina normale, calcolate la distanza perfetta tra immagine del profilo, bottone del mi piace e restringete la pagina per non guardare nient’altro, poi fate il giro dei siti per spuntare l’opzione non seguire più. Funziona solo su Pc e Mac, sugli smartphone è più difficile e dovrete fare mascherina con la mano.

Per difendersi dall’attacco degli spoiler assassini su Facebook, potete filtrare i contenuti tramite le keyword utilizzando una estensione di Google Chrome e Firefox chiamata Social Fixer, in cui immettere le parole che volete evitare e navigare su acque tranquille. Non state a scaricare l’app Spoiler Shield: è molto pubblicizzata e sembra che possa salvare da tutti i mali, in realtà nella maggior parte degli smartphone Android non si apre neanche.

Ora che sapete come tuffarvi sui social, prendete un bel respiro, mantenete la posizione del loto per alcuni secondi e fate meditazione, poi gettatevi nell’oceano come farebbe un monaco zen, senza pregiudizi e senza paure, nella più pura imperturbabilità. Dai, che a stasera mancano solo poche ore…

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >