TV e Cinema
di Mattia Nesto 10 Agosto 2017

Compie 20 anni Hercules, il classico più divertente della Disney

20 anni fa usciva uno dei più innovativi cartoni animati della Disney. Questo significa inevitabilmente che siamo invecchiati anche noi.

 

Nel 1997 è stato prodotto uno dei cartoni animati più belli di tutti i tempi: stiamo parlando di Hercules. Ci eravamo già occupati delle faccende del mitico eroe a proposito dell’omonima serie tv , trasmessa, neanche a farlo apposto, proprio in quegli anni, segno evidente di come le avventure di Hercules fossero di gran moda nei Novanta. Però questo Hercules della Disney ha delle caratteristiche tutte sue che confermano come ci si trovi davanti ad un titolo di assoluto culto.

 

 

 

 

 

 

 

Già i titoli di testa sono un vero e proprio capolavoro, con le Muse della classicità (che erano appunto solite ispirare i poeti nel raccontare magnifiche storie) reinterpretate in chiave  funky e soul, come una sorta di gruppo al femminile della Motown che racconta le avventure di Hercules. Le musiche di Alan Menken e David Zippel unite alla direzione artistica di Andy Gaskill fanno diventare subito Hercules uno dei titoli più colorati, frizzanti e squisitamente pop di tutta la produzione Disney che mantiene elevatissima la qualità. Infatti, come molti esperti sottolineano, se da un lato la Pixar proprio nello stesso periodo stava sperimentato le nuove tecnologie con Toy Story (come vi abbiamo spiegato qui ), la casa-madre Disney realizza il cosiddetto trittico aureo composto da Il Re Leone, Il Gobbo di Notre-Dame e, giustappunto, Hercules: ovvero tre titoli solo all’apparenza tradizionali ma con tante innovazioni e trovate moderne.

 

 

Il soggetto di Barry Johnson si discosta infatti dall’originale classico, non ponendo come antagonista principale Era, così come accadeva del resto anche nella serie tv, ma propone Ade come inedito nemico di Hercules. Ecco questa è una delle trovate e uno dei cattivi meglio riusciti di tutta la storia Disney: Ade infatti è un personaggio moderno, anzi contemporaneo, che fuma il sigaro, si pettina i capelli fiammeggianti e gesticola e parla come un produttore newyorkese. Invece del classico super-cattivo abbiamo qui un buffo personaggio, certo animato dalle peggiore intenzioni, ma anche dotato di grande, grandissimo senso dell’umorismo. Come quando, per citare una delle scene più belle del cartone, organizzata la sommossa dei Titani e il conseguente assedio della casa degli dei, fa ai terribili mostri: “Guardate che l’Olimpo sarebbe da questa parte!”.

 

 

Se Hercules è tratteggiato come una sorta di paesanotto super-forte ma anche super-ingenuo (preso pari pari da un qualsiasi Superman pre-Smalville) sono i personaggi secondari a sorprendere per maturità e personalità. Come non citare Filottete, l’allenatore degli eroi che è presentato come un satiro sempre arrabbiato ed alla caccia di belle ninfe. Nell’originale la voce era di Danny DeVito (reduce dal discutibile ma rimasto nell’immaginario Penguin di Batman Returns) mentre nella versione italiana era doppiato da Giancarlo Magalli  che offre una buonissima e spassosissima esibizione. Ma non bisogna neppure dimenticare Megara, una giovane donna con molto sale in zucca che, per un pegno d’amore, ha sciaguratamente venduto l’anima ad Ade. Questo personaggio, fondamentale nella storia, sarà uno dei primi grandi ruoli femminili della storia Disney.

 

 

Se da bambini si veniva rapiti da quell’atmosfera festante e giocosa del cartone, rivedendolo da grandi si possono notare alcune chicche davvero molto interessanti. Ad esempio ad un certo punto Hercules, dopo aver compiuto un paio di imprese davvero eroiche, è molto popolare in Grecia, diventando quello che diremmo oggi un testimonial pubblicitario di tutto rispetto. Perciò non solo vediamo il suo faccione in bella vista sui cartelloni pubblicitari di tutte le città greche ma egli prende anche  parte a veri e propri spot: come quello dei sandali firmati che richiamano un paio di sneakers degli anni Novanta, oppure quello di MasterCard ante litteram o ancora la pubblicità della più classica, è il caso di dirlo, delle bevande energizzanti.

 

 

Ma questa festa per gli occhi non sarebbe potuta essere completa senza i mostri (sia quelli originali delle Dodici Fatiche sia anche altri ideati ad hoc), creature mitologiche mai proposte in maniera così divertente prima d’allora: centauri, ciclopi, l’Idra ovviamente e anche i Titani. Tutti questi mostri sono colorati, iper pop e molto caratterizzati. I bambini degli anni Novanta letteralmente impazzivano al momento della comparsa a Tebe dell’Idra, realizzata tra l’altro con un po’ di computer grafica. Creatura che, e i videogiocatori di tutto il mondo lo sanno bene, si poteva combattere in prima persona nel medesimo gioco per Playstation, uno dei titoli più sbriciolati, è il caso di dirlo dagli appassionati di gaming di quegli anni. Hercules anche sulla Play spaccava alla grande.

 

Per tutta questa serie di ragioni (ma ce ne potrebbero essere delle altre, come ad esempio il modo in cui sono stati disegnati i personaggi, con piedi e mani molto grandi e le linee dei viso e del corpo che richiamavano l’arte vasaria attica) Hercules è un cartone animato meraviglioso, che andrebbe visto e rivisto. I combattimenti, i dialoghi e anche le scene d’intermezzo sono formidabili: con buona pace degli autori antichi, da Strabone ad Apollonio Rodio, per molti la vera storia di Hercules è proprio questa firmata dalla Disney.

Un’ultima domanda però nasce spontanea: se Hercules compie 20 anni, quanti ne abbiamo noi oggi?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >