TV e Cinema
di Sandro Giorello 30 Novembre 2016

Cinque film stupidi e imperdibili scelti da Edoardo Ferrario

Chi meglio di un comico può consigliarci dei film che fanno ridere?

ferrario-comico oizmud.com/ - Edoardo Ferrario – Foto di Barbara Oizmud

 

Se seguite Dailybest, Edoardo Ferrario lo conoscete già per via della lunga intervista che gli dedicammo l’anno scorso. È sicuramente uno dei comici italiani più interessanti degli ultimi anni: partito dai club e dai teatri occupati, è stato notato dalle sorelle Guzzanti ed è subito finito in tv. Poi c’è stato Esami, la webserie dedicata al mondo delle università, e ora è ospite fisso a Quelli che il calcio…

 

 

Gli abbiamo chiesto quali sono i suoi cinque film preferiti. Ovviamente non parliamo dei grandi capolavori dei Monty Python o dei fratelli Coen ma di pellicole talmente assurde e sconclusionate da superare ogni possibile definizione e diventare, a loro modo, dei capolavori. Dopo le cinquine scelte da Luca Ravenna e Saverio Raimondo, ecco quali sono le pellicole che più l’hanno fatto più ridere in assoluto.

 

https://www.youtube.com/watch?v=wEBNH8kpvO4&t=3s

Alex l’ariete (2000)

È l’esordio al cinema di Alberto Tomba, un paio d’anni dopo il suo ritiro dalle scene sportive. Alex l’ariete sfiora il surrealismo: è un film che non ha alcun significato e, anche da un punto di vista commerciale, risulta un’operazione del tutto incomprensibile. Inizialmente doveva andare su Mediaset in due serate, poi è stato riciclato per il cinema e, di solito, non è mai una buona scelta. A partire dal montaggio, è un film assurdo: non c’è linea narrativa, non c’è niente. È recitato in una maniera insensata da tutti gli attori del cast, in primis ovviamente da Tomba che, poi, in più occasioni, ha dichiarato di essere totalmente inadeguato per fare l’attore e di sentirsi fortemente a disagio di fronte alla telecamera (come poteva essere diversamente?).
Quello che mi fa effetto è constatare che, a prescindere dall’appeal mediatico che aveva ai tempi, qualcuno vedesse davvero del potenziale in Alberto Tomba e credesse che sceglierlo per un film fosse una scelta efficace. Detto questo, in Alex l’ariete ci sono cose che mi fanno impazzire: ad un certo punto Tomba va a sbattere contro una vetrina e non riesco a capire in che modo il regista abbia detto “buona” dopo aver girato quella scena. Ci sono delle cose che, a livello di messa in scena, fanno spavento ma, nel suo complesso, il film ha una sua coerenza e può essere considerato un cult.

 

The Room (2003)

Su un livello molto più alto rispetto ad Alex l’ariete, c’è sicuramente The Room di Tommy Wiseau. Definito il “Quarto potere dei film brutti”, anche The Room è nato con intenti commerciali assolutamente incomprensibili. Per realizzarlo Wiseau ha raccolto autonomamente sei milioni di dollari: il film nasce da una commedia teatrale creata dallo stesso regista, di cui, poi, aveva anche cercato di pubblicare un romanzo ma è stato respinto da tutte le case editrici.
Il film sposta i canoni estetici del brutto: è difficile fare Lynch per sbaglio, invece lui c’è riuscito. Gli va riconosciuto, però, un suo stile preciso: è come se l’intento di fare un buon film, mescolato alla completa inesperienza di tutti, avesse creato un linguaggio nuovo e credibile. Al contrario di Alex l’ariete, che è girato palesemente male, The Room ha una sua particolare fotografia e un’idea precisa di regia. Il film ha preso una posizione importantissima nello scenario mondiale dei film brutti, tanto che James Franco dirigerà una commedia sul making of di The Room e nel cast ci saranno anche attori del calibro di Bryan Cranston e altri nomi importanti.

 

Mortal Kombat (1995)

Altro titolo molto stupido, ma irrinunciabile, è Mortal Kombat. Uscì nel 1995, avevo 8 anni e per me all’epoca fu un film molto importante (anche se, ripensandoci adesso, non saprei proprio definire il perché). In pratica si tratta di una trasposizione cinematografica di una partita al videogioco Mortal Kombat: l’80% del film sono sfide tra i personaggi, la trovo una cosa assurda. Ho provato a riguardarlo recentemente e devo dire che mi ha lasciato esterrefatto. È comunque un bellissimo esempio di come il cinema possa attingere da altri media… e fallire. In questo caso, senza alcun dubbio.

 

Snakes on a plane (2006)

È un film straordinario dove Samuel L. Jackson, uno dei miei attori preferiti, si presta ad un film, anche in questo caso, completamente assurdo. La cosa interessante è che non solo è andato bene al botteghino ma aveva addirittura raccolto così tanto hype che i produttori avevano deciso di inserire delle scene aggiuntive prima che uscisse. Va fatto un plauso agli sceneggiatori perché un aereo è uno spazio molto limitato dove girare qualsiasi cosa e l’idea alla base del film non credo permetta di andare oltre i dieci minuti. Mi pare che il film duri quasi due ore con una trama che può essere riassunta così: c’è una cassa di serpenti sull’aereo e i serpenti vengono liberati. Complimenti.

 

Speed (1994)

Non me ne vogliano gli amanti di questo film ma qui il livello di credibilità è davvero bassissimo. Pensare che un bus possa andare a più di ottanta chilometri orari per tutto quel tempo in una città come Los Angels è abbastanza ingenuo. È più facile che succeda a Roma, per dire. È il mio film preferito perché c’è una Sandra Bullock in forma smagliante, Keanu Reeves e Dennis Hopper che fa un bellissimo cattivo ma, soprattutto, per quel momento straordinario dove il pullman si trova davanti ad un ponte interrotto, con in mezzo una distanza che potrebbe essere lo stretto di Messina, e riesce comunque a raggiungere l’altra sponda. Sandra Bullock è al volante, guarda Keanu Reeves e lui le dice: “vai a tavoletta”, e lo fa con un’espressione che non sono mai riuscito a ritrovare in nessun altro film. Un pullman di dieci tonnellate in volo, con un meccanismo scenografico che mi ha ricordato soltanto il campetto di Holly e Benji. Questa scena, ancora oggi, mi emoziona tantissimo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >