TV e Cinema
di Marta Blumi Tripodi 28 Settembre 2015

Empire, un’occasione persa per raccontare l’hip hop in tv

Una serie tv di grandissimo successo, ma anche molto, molto, molto brutta

La locandina di Empire Fox - La locandina di Empire

 

Se siete fan di Boris, ricorderete l’ultima puntata della terza stagione: le riprese de Gli Occhi del Cuore procedono male, la rete non è ancora convinta di rimettere in produzione la serie, ci vuole un colpo di scena. Così gli sceneggiatori decidono di giocarsi l’asso pigliatutto: trasformano quella che era una fiction medical in un allegro musical, al grido di “La qualità ci ha rotto il c***o, viva la merda!”. Ecco, dev’essere successo qualcosa del genere anche sul set di Empire, che da potenziale serial di culto si è trasformato in una brutta telenovela.

Ma andiamo con ordine: nel gennaio 2015 debutta su Fox una delle serie più attese dell’anno – Empire, appunto – che racconta l’industria musicale dell’hip hop. Le premesse per spaccare ci sono tutte: il creatore è Lee Daniels (già premio Oscar per Precious), il protagonista Terrence Howard (uno degli attori più quotati dello star system afroamericano), la colonna sonora originale è affidata a Timbaland (visionario producer che vanta più dischi di platino che anni di vita).

Perfino i personaggi secondari sono da urlo: tra gli attori ricorrenti c’è Naomi Campbell, e i numerosi cameo sono ad opera di star del calibro di Snoop Dogg, Mary J. Blige, Rita Ora e Jennifer Hudson. Anche la trama, che ricalca la vera storia di alcuni dei rapper e cantanti più famosi della scena americana, promette davvero bene. Lucius Lyon è un ex spacciatore riconvertitosi in rapper e poi in uomo d’affari (proprio come Jay-Z) che deve decidere a chi lasciare in eredità la sua casa discografica.

All’ex moglie, che ha trascorso anni in prigione per coprire i suoi crimini (proprio come Lil’ Kim)? Al figlio minore, promettente ma indisciplinato rapper (proprio come i figli di Snoop Dogg o Master P)? Al figlio di mezzo, star dell’R&B e apertamente gay (proprio come Frank Ocean)? Al figlio maggiore, che non ha nessuna velleità creativa ma è un ottimo manager? Per ottenere il controllo della compagnia si scatenerà una guerra interna senza esclusione di colpi.

 

empire cookie lyon gif streets ain't made for everybody tumblr.com Le perle di saggezza di Cookie Lyon: “Le strade non sono fatte per tutti, ecco perché hanno inventato i marciapiedi”.

 

Alla prova dei fatti, Empire è andata oltre ogni aspettativa: non solo la serie è stata subito rinnovata, ma la seconda stagione è stata anticipata e ha debuttato il 23 settembre con ottimi ascolti. Parlando proprio di ascolti, Empire è stata l’unica serie tv, negli ultimi 23 anni, ad avere costantemente aumentato il numero di spettatori ad ogni episodio trasmesso: l’ultimo episodio della prima stagione ha fatto segnare un + 82% rispetto al pilot e il finale di stagione è il più visto da quello di Grey’s Anatomy del 2005. E non è tutto: le canzoni che nascevano all’interno della serie sono diventate hit vere e proprie, con milioni di view su YouTube.

 

 

Il problema, però, è che più il numero di spettatori cresceva, più la qualità del telefilm – già bassina fin dal primo episodio – si inabissava inesorabilmente. I buchi nella trama sono diventati vere e proprie voragini, tra colpi di scena senza senso e radicali cambi di personalità, roba che manco Mina in acido: ti amo e poi ti odio e poi ti amo e poi ti odio e poi ti amo. E poi ti produco il disco. Malattie, malattie mentali, omicidi irrisolti, triangoli, quadrilateri, tradimenti, conversioni improvvise, figli incompresi, figliol prodighi, nemici storici e falsi amici si alternano scena dopo scena, stereotipo dopo stereotipo, come nella peggior soap opera.

E in effetti Beautiful sembra essere stato una grande fonte di ispirazione: come la Forrester è una casa d’alta moda in cui si producono vestiti orrendi e fuori moda, anche la Empire Records è un’etichetta hip hop che l’hip hop non l’ha visto neanche col cannocchiale. I personaggi non rappano, ma cantano (d’altra parte sarebbe difficile vendere pezzi rap al pubblico generalista di Fox) e producono la loro – brutta – musica con metodi e strumenti assolutamente improbabili, compresi mandolini e chitarre spagnole. Anche la ricostruzione di come funziona una casa discografica è del tutto inverosimile: memorabile la scena in cui la Empire cerca di rubare tutti gli artisti ad un’altra etichetta nel corso di un solo pomeriggio, con tanto di grafico interattivo che mostra in tempo reale il valore economico delle due label in base ai contratti sottoscritti.

 

lucius lyon empire guitar piano songs www.dailymail.co.uk Il famoso rapper Lucius Lyon compone un brano (cantato) al pianoforte.

 

Insomma: Empire è brutto, ma proprio brutto forte. Nel tentativo di piacere a tutti, soprattutto ai bianchi della middle class, finisce per non piacere a quello che doveva essere il suo pubblico di riferimento. Se amate il rap, dimenticatevelo pure e passate a Power, la serie prodotta da 50 Cent, o meglio ancora aspettate fino a gennaio per The Get Down, la serie di Netflix dedicata alla nascita della cultura hip hop. Se amate il trash invece non perdetevelo, non ve ne pentirete assolutamente. Visti i numeri, la sensazione è che potrete godervelo ancora a lungo. Molto a lungo.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >