Le 12 tipologie dei fan di Game of Thrones. E tu quale sei?

È iniziata la quinta stagione del Trono di Spade. Scopri che genere di fan sei tra queste 12 tipologie

I fan di Game of Thrones sono una legione agguerrita, che vive intensamente i pochi mesi durante i quali la serie va in onda e soffre per il resto dell’anno. Ma non tradiscono, rimangono fedeli alla serie e ormai possono essere identificati facilmente.

Abbiamo trovato questo elenco di tipologie differenti di fan di GoT su Distractify e abbiamo deciso di adattarlo ai fan italiani, che hanno esigenze diverse dai madrelingua.

Tu di quale fazione fai parte?

FONTE | distractify.com

 

1) Quelli che non si ricordano i nomi

4f75fc91e489ad5c75fd7e56af37039a

“Quindi poi la bionda alta che sembra un uomo va dalla donna rossa e trovano il nano, il fratello della regina che va con suo fratello quell’altro, quello alto. Intanto la figlia di quello che è stato decapitato nella prima stagione va con quello che fa gl’impicci. No non il pelato eunuco, quello che commercia sgualdrine.” Classico riassunto di questo tipo di fan.

 

2) Quelli che hanno letto i libri e te lo fanno pesare

giphy1

“Questa scena però nel libro era più bella. Questo personaggio nel libro non c’era. Questo finale era diverso nel libro. Il drago nel libro me l’ero immaginato almeno 1/3 più grande. Nel libro sono tutti più giovani. Lei aveva più tette nel libro” Sul serio dovete rovinare tutti i momenti della serie tv comparandola al libro? Lo sappiamo che sapete leggere, ora datevi pace.

 

3) Quelli che guardano solo le scene di sesso

135b8c7dd4b661b60752dac5abb070c3

E ce ne sono un bel po’, quindi non rimarranno mai delusi. Anzi, ogniqualvolta fa capolino un nuovo personaggio, sono subito ad indagarsi se si vedranno mai porzioni di corpo nudo, con chi giacerà, quanto sarà sodo il suo fondoschiena, disinteressandosi totalmente della trama, che viene vista come un’inutile distrazione tra una scena di sesso e un’altra.

 

4) Quelli che hanno smesso di guardarlo dopo le Nozze Rosse

game-of-thrones-throat-slash-gif.jpg

Ecco, questi avrebbero fatto meglio a leggere i libri, perché la sorpresa nella serie tv è ancora più tragica e crudele. Questi fan sono ormai da un paio d’anni traumatizzati, con la bocca aperta e lo sguardo vitreo a fissare la tv o lo schermo del computer, impotenti e sotto shock dopo quel massacro. Per loro GoT finisce lì.

 

5) Quelli che deve piacere a tutti

bc94614920bf21f8ce84d40fc83931ce

“Ma come non l’hai mai visto? Ti perdi la miglior serie tv di sempre. Come dici? Non ti piace il fantasy? Ma non è fantasy (ehm)! Non ti piacciono i draghi? Ma non ci sono quasi mai! Hai troppo da fare? Non scherziamo, devi assolutamente vederlo, poi mi ringrazierai, fidati. Come dici? ti piace Walking Dead? Ma ci sono gli zombie anche qui! E poi scopano!” Come se fosse obbligatorio sorbirsi dozzine di ore di complotti in costume conditi da qualche omicidio e qualche tettaculo. Sono peggio dei Testimoni di Geova.

 

6) Quelli che non hanno gradito l’incesto

GOTCersei-Jamie-Lannister

Dai fatela finita, un incesto ogni tanto, cosa volete che sia.

 

7) Quelli che odiano le robe magiche

a570a95ff2c380b5d1745fc88023aa0c

Sono quelli che credono di assistere a Fantaghirò in versione kolossal e non gliene frega niente ma niente delle robe che non esistono. Tutto deve essere reale, credibile, verosimile, attendibile, altrimenti si cataloga sotto “cazzata”.

 

8) Quelli che si eccitano un po’ troppo durante le scene violente

tumblr_m6ce4cJ62R1qg39ewo1_500

Un po’ è ok. Troppo è da segnalazione anonima alle forze dell’ordine.

 

9) Quelli che non sopportano alcun tipo di violenza

d369004abd447a7324c9ab8315a2aa4e

Questi dovrebbero guardare La Casa nella Prateria e lasciare GoT ai fan veri, che non vedono l’ora muoia un personaggio chiave, per vedere come verrà versato il sangue sul suo bel faccino e come reagiranno gli altri personaggi.

 

10) Quelli che ti trattano male se l’hai visto doppiato

tumblr_mwgrsf5PDx1seiqmto1_500

Ci mancherebbe, la serie è molto più bella in lingua originale, i dialetti sono fantastici e si capisce tanto di più del personaggio. Capita però che uno abbia una vita, che sia di fretta oppure che non possa seguire i sottotitoli senza avere un’emicrania pazzesca. Ecco in quel caso lo si può anche vedere doppiato senza per forza prendere gli insulti dai talebani dell’eng sub ita o addirittura ell’eng sub eng.

 

11) Quelli che si sono sentiti male durante l’evirazione di Theon Greyjoy

d7a206ffe71c29f45883362a9cd48bb7

Ecco, questa nel libro viene solo ipotizzata, invece nella serie, piuttosto evidenziata. Ma le vostre preoccupazioni sono infondate. Prendete Varys: lui quei gioielli non ce li ha, e infatti è sempre in un modo o nell’altro al potere. Alla fine, i genitali non saranno mica sopravvalutati?

 

12) Quelli che spoilerano

535d87a3158726f16b74053d_cersei)spoilers

George R. R. Martin, occupati di loro, senza pietà.

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >