TV e Cinema
di Mattia Nesto 27 Marzo 2017

Fleabag e l’insostenibile leggerezza del sesso

Fleabag è la quintessenza della modernità, soprattutto per quanto concerne il femminismo e la narrazione dei sentimenti in una serie televisiva.

 

Avete presente la famigerata lista dei motivi del fascino delle donne dell’Est nel programma Parliamone sabato di Paola Perego (e se non ne avete idea, a parte invidiarvi per la vostra residenza su Marte, invito a leggere quest’articolo)? Bene se la lista in questione rappresenta una certa idea di Medioevo ancora ben presente nella nostra società, la serie britannica Fleabag è la quintessenza della modernità, soprattutto per quanto concerne il femminismo e la narrazione dei sentimenti, alti o bassi non ha importanza, in una serie televisiva.

Protagonista (ed autrice) della serie è Phoebe Waller-Bridge, soprannominata per l’appunto Fleabag, che incarna una ventenne londinese alle prese con, nell’ordine, la fallimentare gestione di un café (a tema “porcellino d’India”), i burrascosi rapporti con il proprio padre e la propria sorella e il difficile rapporto a singhiozzo con un ragazzo più una serie di occasionali incontri con altri uomini. Su tutto questo aleggia l’ingombrante ombra del suicidio fortuito della sua migliore amica Boo.

 

 

Troppa roba direte voi? Neanche per sogno perché la narrazione di  Phoebe Waller-Bridge ha il grande pregio di essere tagliente come un rasoio, non lasciando praticamente mai allo spettatore la possibilità di annoiarsi o anche semplicemente di tirare il fiato per un solo secondo. Fleabag è una brutta persona, che non cura né gli affetti famigliari (padre vedovo con una nuova compagna artista e sorella perfetta che ha grande successo nel lavoro ma è sposata con un tizio abbastanza discutibile), che passa, senza soluzione di continuità, da una relazione all’altra (sesso solo sesso, tanto sesso, inframmezzati da brevi momenti sereni con il suo eterno, e molto ingenuo, ragazzo) e non riesce mai a prendere sul serio le cose, in primis la gestione del café.

 

Ma proprio per queste ragioni Fleabag è un personaggio femminile e femminista convincente, perché non si sforza mai e poi mai di presentare una giovane donna come monumento alla perfezione, magari martire del lavoro, che subisce angherie varie a colpi di facile machismo e neppure si sfiora in alcun modo il tema della madre-coraggio. Phoebe Waller-Bridge è, come abbiamo già detto, una brutta persona, che però non ha paura di mostrarlo in toto. Ed ha pure, come ovvio e giusto che sia, i suoi grandi momenti di malinconia e tristezza, quando, ogni tanto, si ferma un attimo a pensare ed a riflettere sul senso della sua vita e, soprattutto, sulla sua cara amica Boo, tragicamente scomparsa durante un, va detto, buffo incidente “ciclistico”.

 

 

Essere donna al giorno d’oggi vuol dire anche, quando se ne ha voglia, bere vino, parlare male, mettere in imbarazzo le altre persone, fare del buono o cattivo sesso, mangiare biscotti e masturbarsi di fronte ad un discorso di Obama. Insomma tutto (o quasi) è concesso anche, e soprattutto, avere come unico e bruciante desiderio quello di piangere tutto il giorno.

 

 

Menzione d’onore per i momenti nei quali Phoebe Waller-Bridge  guarda direttamente in camera (un po’ come il Woody Allen degli esordi e, perdonate la blasfemia, un certo Pieraccioni d’annata) e interloquisce direttamente con lo spettatore, magari anche solo con una faccia o una smorfia che dice più di mille parole.

Se naturalmente i tempi delle “Eroidi” di Ovidio o “Memorie di una ragazza perbene” di Simone De Beauvoir sono definitivamente tramontati, Fleabag ci insegna che la libertà delle donne oggi è totale, anche di commettere sbagli (“A cosa serve la gomma nelle matite se non per correggere i propri errori?“), essere stronze, senza sentimenti e qualunquiste come gli uomini. Ah, sì gli uomini: beh loro ne escono a pezzi anche se molto simpaticamente. Ma in fondo questo lo sapevamo già no?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >