TV e Cinema
di Mattia Nesto 31 Luglio 2019

Franca Valeri: 99 di questi anni da parte di tutti i tuoi cretinetti

L’attrice compie oggi (quasi) un secolo e noi non potevano non festeggiarla degnamente

Franca Valeri oggi compie 99 anni e già solo questa sarebbe una notizia grande come una casa. Eppure c’è molto di più da dire (e da celebrare) in merito a questa titanica figura di attrice, artista e sceneggiatrice così importante non solo per la commedia e la televisione ma anche per la società italiana. Ma andiamo con ordine.

La biografia di Franca Valeri è, lo diciamo subito, un vero e proprio “bignamino” della storia italiana ed europea, visto che nasce a Milano da una famiglia “bene” dell’alta borghesia, con il babbo di religione ebraica e la mamma cattolica. Cresce tra la Svizzera, la Lombardia, Venezia e Riccione (per le vacanze estive) e, dopo il periodo buio delle leggi razziali e della Seconda Guerra Mondiale, inizia ad avvicinarsi al mondo dell’arte. È stata il teatro la sua prima vera, bruciante passione, nata probabilmente a causa delle sue imitazioni dei professori del Parini e che riscuotevano tanto successo tra le sue compagne di classe. E così, fin dai tardi anni Quaranta, inizia un lungo “tour” per i teatri d’Italia e d’Europa, in particolare quelli francesi e Parigi diventerà ben presto una sua seconda casa, con una serie di spettacoli satirici che indagavano le contraddizioni della società del Dopoguerra. Franca Valeri, perfettamente a suo agio con le lingue, era amica e sodale di praticamente mezza intellighenzia milanese dell’epoca: da Camilla Cederna a Lodovico Belgiojoso, passando per Gian Luigi Banfi fino a Aurél Peressutti. In questo vivace, anzi vivacissimo contesto intellettuale ecco che Franca Valeri , diremmo oggi, da “artista delle élite” diventa “madrina popolare”.

Infatti negli anni Cinquanta, dopo aver recitato per Fellini in Luci del Varietà, inizia a proporre in radio alcuni dei personaggi che diventeranno ben presto di vero e proprio culto. Come non citare infatti la Cesira la manicure aka la Signorina Snob, personaggio che prendeva in giro i comportamenti elitari e snob della borghesia milanese (caricatura nata, come abbiamo visto, dalla sua frequentazione con questo mondo) e, “sorta di contraltare”, la Signora Cecioni, la popolarissima signora romana che passa le giornata al telefono con “mammà”. Il successo popolare arriva e Franca Valeri diventa protagonista della nascente televisione italiana, partecipando a trasmissione di successo mostruoso come Studio Uno e Milleluci.

Oscillando tra questi due personaggi e con il suo stile moderno e al passo, anzi molto avanti con i tempi, Franca Valeri a cavallo degli anni Cinquanta e Sessanta incarna una tipologia di donna e artista molto diverso dai canoni che allora andavano di moda. Eravamo infatti in pieno periodo da “maggiorate”, con attrici e starlette dai fisici giunonici e generosi, mentre invece “la” Valeri aveva un incarnato secco, un viso quasi picassiano e un’espressione in cui pareva ti prendesse sempre in giro. Questa sua, assoluta, particolarità trova forse la sua più perfetta sublimazione ne Il vedovo, il film del 1959 diretto da Dino Risi in cui fa coppia con Alberto Sordi.

Se pensate alla parola “boom economico degli anni Sessanta” probabilmente vi verrà in mente proprio a quel film. Con una fotografia da urlo e una Milano della crescita economica raccontata attraverso gli scorci della Torre Velasca (dove abitano i due protagonisti), Valeri e Sordi recitano i ruoli dell’imprenditrice milanese astuta e tutta d’un pezzo e l’affarista romano fanfarone e arruffone.Ribaltando i ruoli qui è “la donna che porta a casa la pagnotta e i pantaloni a casa”: Franca Valeri è infatti Elvira Almiraghi, “zarina” della Confindustria meneghina, amata, rispettata (se non temuta) da tutti e miliardaria

Alberto Sordi è invece Alberto Nardi, un bellimbusto romano sempre in bolletta (che deve farsi aiutare dalla moglie ad appianare i debiti della propria azienda), con un’amante giovane, molto attraente e“stupidina”che lo crede un fine illuminato capitano d’industria quando è invece solo uno zotico spaccone (e pure un po’ destrorso, se non peggio): state pensando a qualche “italiano illustre” di questo periodo? Sta di fatto che questa commedia degli equivoci (poi riproposta in un orrido reboot qualche anno fa da Luciana Littizzetto e Fabio De Luigi) è uno dei film più belli della “commedia all’italiana” e ancora oggi sentire Franca Valeri che appella, senza soluzione di continuità, Alberto Sordi come il mio cretinetti fa sempre un gran bene all’anima.

Dopo un lungo periodo di oblio televisivo, negli anni Novanta Franca Valeri torna sul piccolo schermo in coppia con Gino Bramieri, nella sitcom (come si diceva una volta) Norma e Felice. I due, amici di lunga data dai tempi del cabaret milanese, s’intonano alla perfezione e per tanti ragazzi cresciuti negli anni Novanta questa serie rappresenta un ricordo molto dolce (e, in fondo, una specie di “ideali dei nonni” che tutti avremmo voluto avere).

Dopo una carriera del genere, e un meraviglioso e acutissimo libro come Bugiarda no, reticente, non possiamo che non dire Novantanove di questi anni Franca, eterna ragazza della Milano bene che sa sempre parlare a tutti grazie ad un’intelligenza e un umorismo unici nel suo genere.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >