TV e Cinema
di Marco Villa 22 Luglio 2016

Ghostbusters, il nuovo film dimostra che i fan accaniti sono una piaga

Abbiamo visto in anteprima il nuovo Ghostbusters con il cast tutto femminile

Non è certo una novità che i social network abbiano aumentato il livello di chiacchiericcio su qualsiasi argomento e allo stesso tempo la radicalizzazione delle posizioni. Esatto: “radicalizzazione delle posizioni”, termini che normalmente verrebbero usati per argomenti piuttosto seri e non all’interno di un post sul nuovo film del franchise Ghostbusters. Eppure quello che si è scatenato intorno al film di Paul Feig – in uscita in Italia il 28 luglio per Warner – non è stato il solito tifo da stadio tra prevenuti ed entusiasti a priori. Il problema? Il Ghostbusters del 2016 è un reboot rimette in moto l’intera saga azzerando i film e cambiando il sesso dei protagonisti da maschile a femminile. Ovvero: non più gli acchiappafantasmi, ma LE acchiappafantasmi.

 

ghostbusters nuovo film

 

Dal momento dell’annuncio sono seguiti mesi di indignazione e insulti, per l’inconcepibile atto di irriverenza nei confronti di un film considerato intoccabile. Un film epico, diventato parte fondante dell’infanzia e della formazione di tantissime persone in tutto il mondo, che tutti amano e tutti hanno visto, ma che i fan più ortodossi hanno trasformato in una sorta di reliquia. Di conseguenza, tutta la comunicazione legata al film è stata massacrata, ogni immagine o anticipazione sepolta da commenti aggressivi, fino al caso dei giorni scorsi: dopo l’uscita statunitense, Leslie Jones, una delle protagoniste, è stata attaccata in modo violento su Twitter con toni sessisti e razzisti, fino a spingerla a lasciare il social network e a convincere Twitter a sospendere in modo definitivo il più agguerrito degli hater. Ma un trattamento di questo tipo è stato riservato anche alle altre protagoniste Melissa McCarthy, Kristen Wiig e Kate McKinnon.

E tutto questa aggressività per un film che, ladies and gentlemen, è un buon film. Ghostbusters è un film divertente, con quattro protagoniste che funzionano e una storia che diverte dall’inizio alla fine. In più, ci sono cameo di tutti gli interpreti principali della trilogia originale e sono presenti molti riferimenti a quei film, senza però mai esagerare. Insomma: quello che dovrebbe essere un reboot, che non ha la pretesa di cancellare il ricordo del primo film, ma non ha nemmeno paura di provare a cambiare la strada. È un capolavoro? No. È un problema? Di nuovo, no. Ghostbusters è una pellicola con diverse buone idee di sceneggiatura (il personaggio di Chris Hemsworth su tutte) e una CGI che fa il suo dovere. Manca forse di un minimo di tensione, di componente horror, ma il fatto che tre delle quattro protagoniste arrivino dal Saturday Night Live è un’indicazione chiara dell’impostazione del film.

 

13709936_337914659873219_9211955133434028962_n

 

La questione più interessante sollevata da Ghostbusters è però un’altra: qual è il pubblico per questo film? Verrebbe spontaneo pensare che sia rivolto ai ragazzini di oggi, ovvero quelli che potrebbero non conoscere le vecchie pellicole e non sarebbero così forzati a un confronto obbligato. Tono e ritmo, però, sembrano tarati per un pubblico più adulto, che giocoforza non può non conoscere la saga originale, provocando così un cortocircuito da cui si fatica a uscire.

Al netto del giudizio sul film e sulle strategie distributive, però, quello che emerge da Ghostbusters e dalle reazioni dei fan è che in una contemporaneità caratterizzata da cambiamenti continui e sempre più rapidi, le opere considerate capisaldi sono diventati l’equivalente dei libri sacri delle grandi religioni. Non solo è considerato eretico osare pensare di interpretarlo, ma qualsiasi modifica o aggiornamento alla modernità è passibile di scomunica. E torniamo così ai toni eccessivi dell’inizio, che purtroppo eccessivi non sono. Da una parte i gravi attacchi a Leslie Davies, dall’altro un’ortodossia nerd senza senso che partorisce commenti deliranti.

 

commento-macchina

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >