TV e Cinema
di Marco Villa 22 Luglio 2016

Ghostbusters, il nuovo film dimostra che i fan accaniti sono una piaga

Abbiamo visto in anteprima il nuovo Ghostbusters con il cast tutto femminile

Non è certo una novità che i social network abbiano aumentato il livello di chiacchiericcio su qualsiasi argomento e allo stesso tempo la radicalizzazione delle posizioni. Esatto: “radicalizzazione delle posizioni”, termini che normalmente verrebbero usati per argomenti piuttosto seri e non all’interno di un post sul nuovo film del franchise Ghostbusters. Eppure quello che si è scatenato intorno al film di Paul Feig – in uscita in Italia il 28 luglio per Warner – non è stato il solito tifo da stadio tra prevenuti ed entusiasti a priori. Il problema? Il Ghostbusters del 2016 è un reboot rimette in moto l’intera saga azzerando i film e cambiando il sesso dei protagonisti da maschile a femminile. Ovvero: non più gli acchiappafantasmi, ma LE acchiappafantasmi.

 

ghostbusters nuovo film

 

Dal momento dell’annuncio sono seguiti mesi di indignazione e insulti, per l’inconcepibile atto di irriverenza nei confronti di un film considerato intoccabile. Un film epico, diventato parte fondante dell’infanzia e della formazione di tantissime persone in tutto il mondo, che tutti amano e tutti hanno visto, ma che i fan più ortodossi hanno trasformato in una sorta di reliquia. Di conseguenza, tutta la comunicazione legata al film è stata massacrata, ogni immagine o anticipazione sepolta da commenti aggressivi, fino al caso dei giorni scorsi: dopo l’uscita statunitense, Leslie Jones, una delle protagoniste, è stata attaccata in modo violento su Twitter con toni sessisti e razzisti, fino a spingerla a lasciare il social network e a convincere Twitter a sospendere in modo definitivo il più agguerrito degli hater. Ma un trattamento di questo tipo è stato riservato anche alle altre protagoniste Melissa McCarthy, Kristen Wiig e Kate McKinnon.

E tutto questa aggressività per un film che, ladies and gentlemen, è un buon film. Ghostbusters è un film divertente, con quattro protagoniste che funzionano e una storia che diverte dall’inizio alla fine. In più, ci sono cameo di tutti gli interpreti principali della trilogia originale e sono presenti molti riferimenti a quei film, senza però mai esagerare. Insomma: quello che dovrebbe essere un reboot, che non ha la pretesa di cancellare il ricordo del primo film, ma non ha nemmeno paura di provare a cambiare la strada. È un capolavoro? No. È un problema? Di nuovo, no. Ghostbusters è una pellicola con diverse buone idee di sceneggiatura (il personaggio di Chris Hemsworth su tutte) e una CGI che fa il suo dovere. Manca forse di un minimo di tensione, di componente horror, ma il fatto che tre delle quattro protagoniste arrivino dal Saturday Night Live è un’indicazione chiara dell’impostazione del film.

 

13709936_337914659873219_9211955133434028962_n

 

La questione più interessante sollevata da Ghostbusters è però un’altra: qual è il pubblico per questo film? Verrebbe spontaneo pensare che sia rivolto ai ragazzini di oggi, ovvero quelli che potrebbero non conoscere le vecchie pellicole e non sarebbero così forzati a un confronto obbligato. Tono e ritmo, però, sembrano tarati per un pubblico più adulto, che giocoforza non può non conoscere la saga originale, provocando così un cortocircuito da cui si fatica a uscire.

Al netto del giudizio sul film e sulle strategie distributive, però, quello che emerge da Ghostbusters e dalle reazioni dei fan è che in una contemporaneità caratterizzata da cambiamenti continui e sempre più rapidi, le opere considerate capisaldi sono diventati l’equivalente dei libri sacri delle grandi religioni. Non solo è considerato eretico osare pensare di interpretarlo, ma qualsiasi modifica o aggiornamento alla modernità è passibile di scomunica. E torniamo così ai toni eccessivi dell’inizio, che purtroppo eccessivi non sono. Da una parte i gravi attacchi a Leslie Davies, dall’altro un’ortodossia nerd senza senso che partorisce commenti deliranti.

 

commento-macchina

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >