Viaggi
di Davide Coppo 22 Luglio 2016

Vacanze Italiane: l’amore e le piogge di fine estate a Moneglia

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

vacanze italiane moneglia

 

Oggi Vacanze Italiane arriva alla quinta puntata: dopo Pietra Ligure, Strevi, Palleusieux, e Capitolo, torniamo in Liguria, a Moneglia.

Vacanze Italiane è una rubrica in cui raccontiamo i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza fino ai 18 anni. È il nostro tema libero sull’estate, visto che ormai siamo in periodo di compiti per la vacanze: se volete mandare la vostra vacanza italiana, scrivete a info@dailybest.it. 

Le cose difficili di un’età sembrano sciocchezze, quando le guardi dal precipizio di un’età successiva. Non so se questo valga per le diverse sfumature di età adulta, di certo vale per quelle giovanili. Pochi giorni fa mi sono trovato in mano un’equazione di secondo grado, e l’ho risolta in pochi secondi, e mi sono divertito, e ne ho cercate altre. Ho googlato: “equazioni di secondo grado”. Le cose noiose di un’età diventano nostalgie, quando le ricordi dal balcone di un’età successiva.

Questo credo valga per tutte le diverse sfumature della vita, ma a trent’anni vale in modo particolare per l’adolescenza. Devo prenotare delle vacanze in Corsica, telefonare a campeggi con il mio francese stentato implorando un bungalow, o contare i crediti e le speranze di riscossione di quello che dovrebbe essere uno stipendio dovuto per poter prenotare degli appartamenti con Airbnb, e penso a quando, una volta finito tutto questo, mi concederò un fine settimana da figlio adulto, tornando dai miei genitori nella nostra seconda casa a Moneglia, nel Levante della Liguria.

Contestualmente, penso all’ozio che mi sarà concesso: niente da cucinare, uno stabilimento balneare modesto ma sicuro, l’ombra assicurata da un ombrellone borghese oramai in seconda fila, la migliore, i ristoranti pagati, qualche pomeriggio sul piccolo gozzo che mio padre ha acquistato vendendo la rimpianta – eppure mai davvero amata – Triumph Bonneville. Dormirò nel mio letto di bambino, e penserò ai compiti sul balcone, alle tazze di latte e cereali e alle focacce.

Agli ordini di non scendere, si intende in spiaggia, prima di aver finito la versione. Alla noia e alle costrizioni. Naturalmente, rimpiangerò l’intero pacchetto. Ricordo che, solo sul balcone affacciato sul piccolo golfo di Moneglia, vedevo ogni mattina un uomo abbronzato e canuto uscire in canoa dalla casa sulla spiaggia, defilata rispetto al paese, e pagaiare per minuti e minuti verso il promontorio opposto, da Punta Rospo a Punta Moneglia. Seguivo la sua scia, dall’alto della collina, e invidiavo la sua libertà.

Di Moneglia ricordo anche: mio nonno con i capelli tinti e lo sguardo severo sulla poltrona davanti alla televisione, poi morto lo stesso anno di Freddie Mercury. La messa la domenica controvoglia, la voglia di scappare, ma anche le palme, belle e aliene per un bambino cresciuto in città, intorno al sagrato della chiesa di ciottoli bianchi e neri.

La bouganvillea che correva per metri e metri sul muro di casa, i fiori fucsia come una foto troppo satura, su uno sfondo ingiallito che è il giallo della memoria del tempo passato. Soprattutto Alice, la più bella del paese, pelle di olive e capelli neri e lunghi. Tette naturalmente sode, enormi. Oggi fa la pole dancer, lo scopro da Facebook, è sempre bella anche se mi trovo a pensarla volgare (ma è un giudizio stupido, dovuto alle fotografie “di lavoro” che pure scorro).

A diciassette anni mi disse che voleva fidanzarsi con me, glabro e vergine e già fidanzato. “La più bella del paese” è una categoria che a trent’anni non esiste, ma allora sentivo l’invidia delle centinaia di coetanei meno glabri e meno vergini e percepivo in modo certo troppo cristiano il brivido dell’essere stato scelto. Non potei non acconsentire.

Ebbi dubbi e rimorsi e tornai sui miei passi, poi tornai da Alice. Quando tornai aveva una maglietta gialla ed eravamo affacciati sul torrente Bisagno, un rigagnolo che alla fine di agosto, tempi di mareggiate e piogge e bilanci, si riempie di acqua e minaccia esondazioni. Mi disse: “Oggi sono la ragazza più felice del mondo”, ma non era vero, perché era una bambina, come prima cosa. E perché mi lasciò un mese dopo, a settembre, ritornati a Milano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >