Viaggi
di Davide Coppo 22 Luglio 2016

Vacanze Italiane: l’amore e le piogge di fine estate a Moneglia

La nostra rubrica dell’estate: dove siamo stati in vacanza fino ai 18 anni?

vacanze italiane moneglia

 

Oggi Vacanze Italiane arriva alla quinta puntata: dopo Pietra Ligure, Strevi, Palleusieux, e Capitolo, torniamo in Liguria, a Moneglia.

Vacanze Italiane è una rubrica in cui raccontiamo i posti dove tutti noi siamo stati in vacanza fino ai 18 anni. È il nostro tema libero sull’estate, visto che ormai siamo in periodo di compiti per la vacanze: se volete mandare la vostra vacanza italiana, scrivete a info@dailybest.it. 

Le cose difficili di un’età sembrano sciocchezze, quando le guardi dal precipizio di un’età successiva. Non so se questo valga per le diverse sfumature di età adulta, di certo vale per quelle giovanili. Pochi giorni fa mi sono trovato in mano un’equazione di secondo grado, e l’ho risolta in pochi secondi, e mi sono divertito, e ne ho cercate altre. Ho googlato: “equazioni di secondo grado”. Le cose noiose di un’età diventano nostalgie, quando le ricordi dal balcone di un’età successiva.

Questo credo valga per tutte le diverse sfumature della vita, ma a trent’anni vale in modo particolare per l’adolescenza. Devo prenotare delle vacanze in Corsica, telefonare a campeggi con il mio francese stentato implorando un bungalow, o contare i crediti e le speranze di riscossione di quello che dovrebbe essere uno stipendio dovuto per poter prenotare degli appartamenti con Airbnb, e penso a quando, una volta finito tutto questo, mi concederò un fine settimana da figlio adulto, tornando dai miei genitori nella nostra seconda casa a Moneglia, nel Levante della Liguria.

Contestualmente, penso all’ozio che mi sarà concesso: niente da cucinare, uno stabilimento balneare modesto ma sicuro, l’ombra assicurata da un ombrellone borghese oramai in seconda fila, la migliore, i ristoranti pagati, qualche pomeriggio sul piccolo gozzo che mio padre ha acquistato vendendo la rimpianta – eppure mai davvero amata – Triumph Bonneville. Dormirò nel mio letto di bambino, e penserò ai compiti sul balcone, alle tazze di latte e cereali e alle focacce.

Agli ordini di non scendere, si intende in spiaggia, prima di aver finito la versione. Alla noia e alle costrizioni. Naturalmente, rimpiangerò l’intero pacchetto. Ricordo che, solo sul balcone affacciato sul piccolo golfo di Moneglia, vedevo ogni mattina un uomo abbronzato e canuto uscire in canoa dalla casa sulla spiaggia, defilata rispetto al paese, e pagaiare per minuti e minuti verso il promontorio opposto, da Punta Rospo a Punta Moneglia. Seguivo la sua scia, dall’alto della collina, e invidiavo la sua libertà.

Di Moneglia ricordo anche: mio nonno con i capelli tinti e lo sguardo severo sulla poltrona davanti alla televisione, poi morto lo stesso anno di Freddie Mercury. La messa la domenica controvoglia, la voglia di scappare, ma anche le palme, belle e aliene per un bambino cresciuto in città, intorno al sagrato della chiesa di ciottoli bianchi e neri.

La bouganvillea che correva per metri e metri sul muro di casa, i fiori fucsia come una foto troppo satura, su uno sfondo ingiallito che è il giallo della memoria del tempo passato. Soprattutto Alice, la più bella del paese, pelle di olive e capelli neri e lunghi. Tette naturalmente sode, enormi. Oggi fa la pole dancer, lo scopro da Facebook, è sempre bella anche se mi trovo a pensarla volgare (ma è un giudizio stupido, dovuto alle fotografie “di lavoro” che pure scorro).

A diciassette anni mi disse che voleva fidanzarsi con me, glabro e vergine e già fidanzato. “La più bella del paese” è una categoria che a trent’anni non esiste, ma allora sentivo l’invidia delle centinaia di coetanei meno glabri e meno vergini e percepivo in modo certo troppo cristiano il brivido dell’essere stato scelto. Non potei non acconsentire.

Ebbi dubbi e rimorsi e tornai sui miei passi, poi tornai da Alice. Quando tornai aveva una maglietta gialla ed eravamo affacciati sul torrente Bisagno, un rigagnolo che alla fine di agosto, tempi di mareggiate e piogge e bilanci, si riempie di acqua e minaccia esondazioni. Mi disse: “Oggi sono la ragazza più felice del mondo”, ma non era vero, perché era una bambina, come prima cosa. E perché mi lasciò un mese dopo, a settembre, ritornati a Milano.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >