TV e Cinema
di Simone Stefanini 18 Settembre 2017

Gli Emmy 2017, c’è vita oltre Game of Thrones

Senza l’ombra dei draghi, gli Emmy 2017 hanno dato spazio a temi sociali e politici rilevanti. Handmaid’s Tale asso pigliatutto

Alexis Bledel, Ann Dowd e Elisabeth Moss, vincitrici per The Handmaid’s Tale still da YouTube - Alexis Bledel, Ann Dowd e Elisabeth Moss, vincitrici per The Handmaid’s Tale

 

La 69esima edizione degli Emmy, gli “Oscar della tv” come vengono chiamati di solito, si è svolta il 17 settembre al Microsoft Theatre di Los Angeles e ha portato una ventata di freschezza: per la prima volta dal 2011, Game of Thrones non era tra i candidabili a causa dell’uscita posticipata in estate. Non che abbia mai fatto numeri da pigliatutto nelle scorse stagioni: l’unico attore ad aver vinto l’Emmy è stato Peter Dinklage (Tyrion), ma di solito faceva incetta di premi tecnici ed era abbonata alla vittoria di Miglior serie drammatica (ma solo quando Breaking Bad e Mad Men si sono fatte da parte). In ogni caso, la sua presenza aleggiava come l’ombra di un drago gigante su tutta la manifestazione, monopolizzandola mediaticamente.

Il 2017 sarebbe dovuto essere l’anno di Westworld e invece il colossal sci-fi western di Nolan (fratello di ) e Joy si è dovuto accontentare solo delle nomination: nessuno degli attori candidati per i ruoli principali o secondari ha vinto, neanche un mostro sacro come Anthony Hopkins.

https://www.youtube.com/watch?v=0b1TdNECvOQ

Chi ha vinto allora? Alcune tra le serie che senza dubbio ci sono piaciute di più quest’anno: The Handmaid’s Tale si è presa il premio più ambito, quello di Miglior serie drammatica, e il fatto che in Italia se la sia accaparrata per lo streaming una piattaforma “piccola” Timvision, la dice lunga sulla lungimiranza dei distributori del nostro paese. Elisabeth Moss, la protagonista di Handmaid’s Tale a cui abbiamo già dedicato un articolo per lodarne la bravura, ha vinto il premio come miglior attrice drammatica. La grande caratterista Ann Dowd ha vinto quello l’Emmy per Miglior attrice non protagonista e Alexis Biedel ha vinto il premio come Miglior attrice guest, sempre per Handmaid’s Tale, al quale va anche la miglior regia (Reed Morano) e la miglior scrittura (Bruce Miller).

 

https://www.youtube.com/watch?v=65LGXKFXCs8

Una vittoria che fa il paio con quella di Big Little Lies come Miglior miniserie, che ha portato alla vittoria anche Nicole Kidman (protagonista femminile miniserie), Alexander Skarsgard (non protagonista maschile miniserie) e Laura Dern (non protagonista femminile miniserie). Fa il paio perché sia Handmaid’s Tale che Big Little Lies trattano il tema della violenza e degli abusi sulle donne, il primo seguendo un filone fantascientifico/distopico (tratto dal romanzo di Margaret Atwood), il secondo analizzando i vizi della borghesia americana (tratto dal romanzo di Liane Moriarty).

 

https://www.youtube.com/watch?v=YSgI3DEAFkk

Siamo molto felici che Black Mirror (San Junipero) abbia vinto il premio come miglior film per la tv. L’abbiamo lodato più volte per aver trattato i temi del dolore, della morte e dell’omosessualità con una delicatezza e una freschezza davvero rari.

Sterling K. Brown (This Is Us) si è aggiudicato il premio come Miglior attore protagonista di una serie drammatica ed è il primo attore di colore a vincere da 19 anni a questa parte. John Litgow (The Crown) quello per il non protagonista, mentre Riz Ahmed ha vinto l’Emmy come Miglior attore protagonista di una miniserie, per The night of, il thriller più bello dell’anno. Veep si è aggiudicato il premio per la Miglior serie comedy ma noi sogniamo un Emmy in cui Bojack Horseman si aggiudichi la comedy, nonostante sia una serie d’animazione.

 

https://www.youtube.com/watch?v=wFin3SylCZY

Un evento caratterizzato da un forte messaggio politico anti Trump, scherzato da Alec Baldwin, che ha vinto l’Emmy con la sua imitazione nel Saturday Night Live. Il presentatore Stephen Colbert ha più volte tirato in ballo il Presidente americano, che è stato anche tirato in ballo da Dolly Parton, Lily Tomnlin e Jane Fonda, che nel 1980 hanno recitato insieme in Dalle 9 alle 5… orario continuato e riferendosi al protagonista maschile del film hanno dichiarato dal palco degli Emmy  “Allora ci siamo rifiutate di essere guidate da un sessista, egoista, bugiardo ipocrita e bigotto e nel 2017 ci rifiutiamo ancora una volta di essere guidate da un sessista, egoista, bugiardo ipocrita e bigotto”, riferendosi a Trump senza mai citarlo.

Ecco tutti i vincitori:

Miglior serie comedy: “Veep” (HBO)

Miglior serie drammatica: “The Handmaid’s Tale” (Hulu)

Miglior miniserie: “Big Little Lies” (HBO)

Miglior attrice protagonista in una serie comedy: Julia Louis-Dreyfus, “Veep” (HBO)

Miglior attore protagonista in una serie comedy: Donald Glover, “Atlanta” (FX)

Miglior attrice protagonista in una serie drammatica: Elisabeth Moss, “The Handmaid’s Tale” (Hulu)

Miglior attore protagonista in una serie drammatica: Sterling K. Brown, “This Is Us” (NBC)

Miglior attrice in una miniserie o film TV: Nicole Kidman, “Big Little Lies” (HBO)

Miglior attore in una miniserie o film TV: Riz Ahmed, “The Night Of” (HBO)

Miglior film TV: “Black Mirror: San Junipero” (Netflix)

Miglior attrice non protagonista in una serie drammatica: Ann Dowd, “The Handmaid’s Tale” (Hulu)

Miglior attore non protagonista in una serie drammatica: John Lithgow, “The Crown” (Netflix)

Miglior attrice non protagonista in una serie comedy: Kate McKinnon, “Saturday Night Live” (NBC)

Miglior attore non protagonista in una serie comedy:  Alec Baldwin, “Saturday Night Live” (NBC)

Miglior attrice non protagonista in una miniserie o film TV: Laura Dern, “Big Little Lies” (HBO)

Miglior attore non protagonista in una miniserie o film TV: Alexander Skarsgard, “Big Little Lies” (HBO)

Miglior regia per una serie comedy:  Donald Glover, “Atlanta” (“B.A.N.”) (FX)

Miglior regia per una serie drammatica: Reed Morano, “The Handmaid’s Tale” (“Offred (Pilot)”) (Hulu)

Miglior regia per uno speciale di varietà: Don Roy King, “Saturday Night Live” (“Host: Jimmy Fallon”)

Miglior regia per una miniserie, film TV o speciale: Jean-Marc Vallée, “Big Little Lies” (HBO)

Miglior sceneggiatura per una serie comedy: Aziz Ansari and Lena Waithe, “Master of None” (“Thanksgiving”) (Netflix)

Miglior sceneggiatura per una serie drammatica: Bruce Miller, “The Handmaid’s Tale” (“Offred (Pilot)”) (Hulu)

Miglior sceneggiatura per una miniserie, un film TV o uno speciale: Charlie Brooker, “Black Mirror: San Junipero” (Netflix)

Miglior sceneggiatura per uno speciale di varietà: Last Week Tonight With John Oliver” (HBO)

Miglior varietà: “Last Week Tonight With John Oliver” (HBO)

Miglior serie di sketch di varietà: “Saturday Night Live” (NBC)

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >