Il dramma farmacologico di Babyteeth

Nel suo debutto sul grande schermo Shannon Murphy traspone l’omonima pièce di Rita Kalnejais, dando vita a un dramma sulla malattia dai toni esagerati e ridondanti

Il debutto sul grande schermo di Shannon Murphy venne presentato due anni fa in concorso alla Mostra del Cinema di Venezia come vero outsider. Film indie, tipico di vetrine come il Sundance o il Tiff, riuscì a portarsi anche a casa il Premio Mastroianni per il miglior attore emergente. Quando un film tratta il tema della malattia c’è sempre dietro l’angolo il rischio del ricatto emotivo. Ma fortunatamente Babyteeth non cerca di strappare la lacrima a tutti i costi. Ha ben altre contorsioni strane al suo interno.

Milla è una studentessa australiana sedicenne, affetta da un cancro e con una famiglia a pezzi. Il padre è psichiatra e ha in terapia la moglie, ex pianista sempre impasticcata. La vita della giovane cambia un giorno grazie all’incontro fortuito con Moses, ragazzo borderline che vive in strada spacciando, dopo che la madre lo ha cacciato di casa. Nonostante sia molto più grande di Milla, lei si innamora gradualmente. La presenza del ragazzo, dapprima indigesta a causa di eventi spiacevoli, viene gradualmente accettata dai genitori. La salute della figlia non fa ben sperare, e vorrebbero farla felice nei pochi mesi che le restano. Comincia così una convivenza forzata fatta di alternanza di crisi e gioie. Il primo problema di Babyteeth è la struttura che la regista ha deciso di dargli. Il film, nonostante il naturalismo registico fatto di camera a mano e invasività sui corpi degli attori, viene diviso in capitoli, la cui presenza è connotata da titoli di diversi colori che campeggiano in sovrimpressione sulle inquadrature. Non è chiaro il motivo di questa scelta, dato che le suddivisioni sono eccessive e sostanzialmente inutili, andando solo a evidenziare scarsa capacità nel creare raccordi tra le scene. Solamente attraverso una scritta pastello che veniamo a conoscenza del fatto che Milla abbia iniziato il ciclo di chemioterapia. E diciamo che risolvere così un nodo narrativo fondamentale non pare molto lungimirante.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

C’è un notevole squilibrio nella caratterizzazione dei personaggi, e manca chiarezza nel loro sviluppo. Innanzi tutto i coniugi Henry e Anna Finlay, genitori di Milla, vengono presentati nello studio di lui, durante il consueto appuntamento di analisi e sesso del martedì. Dopo un breve scambio di parole e qualche morso in comune dato a un panino molto grande, lo stanno già facendo appoggiati alla scrivania, con le briciole di pane ancora in bocca e il telefono che squilla. Ma questo è solo il primo atto del disgusto che i due provocano. Solo a vederli si percepisce un odore nauseabondo di farmaci masticati. Pieni di problemi, incapaci di gestire se stessi, arrivano a ricattare Moses – ovviamente con degli psicofarmaci – per portarlo a vivere in casa propria e far felice Milla. All’improvviso però sembrano riprendersi una parte di umanità, una volta che il destino della figlia sembra aver preso un corso irreversibile. In tutto questo il carattere della giovane non pare quasi per niente intaccato. Pare gestire meglio di tutti il vortice di situazioni che le girano attorno senza un senso, lucida in modo del tutto irreale. Viene persino da chiedersi se il suo amore per Moses sia effettivamente ricambiato, perché non si ha la certezza nemmeno di questo. Ciò che davvero funziona è l’interpretazione della giovanissima Eliza Scanlen – appena ventenne durante le riprese – al suo debutto cinematografico. Unico faro di un film perso nella confusione, prova a dare al suo personaggio uno spessore che manca nella sceneggiatura di Rita Kalnejais, attraverso piccoli momenti davvero toccanti, piani d’ascolto, e una scena finale che porta una nota onirica e di spensieratezza non scontata.

Intorno a questi quattro protagonisti quasi sconnessi tra loro si diramano altri personaggi secondari, più o meno riusciti. La vicina di casa dei Finlay, una signora incinta con un cane e un ghiacciolo sempre in mano, che instaura con Henry un flirt – scaturito dall’omonimia con il suo animale – di cui si perdono le tracce fino alla fine, quando verrà invitata senza spiegazione a una festa della famiglia. Più sopportabile è il maestro di musica di Milla Gidon, forse l’unico che riesce a capire qualcosa di una adolescente perduta. Ma anche la sua credibilità viene affossata dalla sua cotta per Anna. Tutto sembra tendere verso la telenovela. Una telenovela molto triste, o meglio un dramma farmacologico. Quello di Shannon Murphy è un debutto infelice ma non disastroso. Nonostante le forti incongruenze tra struttura e stile, durante le due ore di Babyteeth si denota un certo acume nel dirigere gli attori, sempre ben focalizzati dentro il dramma di una storia che si affossa su se stessa a causa di assurde estremizzazioni. Ad essere interessante è anche il gioco tentato coi colori, per uscire dai canoni fotografici piatti da cinema indie. Colori che si alternano e variano anche nelle parrucche usate da Milla. Tuttavia la variazione cromatica in lei rimane soltanto visiva. Ma forse con una sceneggiatura del genere sarebbe stato difficile per molti fare di meglio, chi può dirlo. Rimane poco chiaro il perché sia entrato nel concorso di Venezia76. Sarà mancanza di sensibilità, oppure mi si sarà atrofizzato il cuore davanti a questi esseri umani così fatti a pezzi.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >