Il futuro del cinema è nel drive-in, anche in Italia?

In Texas hanno già aperto un cinema drive-in durante l’emergenza coronavirus e a Bologna se ne comincia a discutere in questi giorni: la versione drive-in potrebbe essere un’ottima soluzione per il futuro del cinema.

Chi si ricorda il cinema drive-in alzi la mano. Il primo in Italia fu inaugurato nel 1957 sul litorale di Roma, tra i quartieri Axa e Casal Palocco, per attirare i turisti e i bagnanti di ritorno da Ostia. Si chiamava (e si chiama tutt’ora) Metro Drive In : uno schermo in cemento di 540 metri quadri che si affaccia su un’ampia area in grado di contenere 750 automobili, rappresenta il più grande schermo da drive-in presenti in Europa. Il Metro Drive In ebbe un discreto successo negli anni ’60, sulla scia della moda lanciata in America, dove il drive-in era così popolare tra i giovanissimi da diventare uno dei simboli degli Stati Uniti di quegli anni.

Retro Drive-In GIF - Find & Share on GIPHY

Oggi, in clima Coronavirus, il drive-in sembrerebbe una soluzione per risollevare l’industria cinematografica. Pensando al futuro, infatti, viene difficile immaginarsi di poter tornare a vivere “come se nulla fosse” e andare ai concerti, andare a ballare, a teatro, al ristorante, al cinema senza regole. Almeno per l’immediato futuro, intendiamoci. E, se le sale cinematografiche dovessero rimanere chiuse ancora per un po’, tornare alla formula drive-in potrebbe essere un’ottima soluzione per continuare ad andare al cinema.

Già in Texas (USA), uno dei circuiti cinematografici più importanti del paese (EVO Entertainment) ha deciso di dipingere con vernice bianca una parete del suo cinema, trasformandola in un mega schermo dove proiettare i suoi film. Gli spettatori, quindi, possono guardare il film rimanendo dentro le proprie auto. Sarà possibile andare al cinema da soli o in coppia, a patto di mantenere la debita distanza l’uno dall’altro. Il pubblico ha accolto benissimo l’iniziativa e tutti gli spettacoli hanno registrato il sold-out. La prima pellicola proiettata è stata Spider-Man Homecoming e i prossimi film saranno Grease (ovviamente) e Top Gun.

Netflix And Chill GIF - Find & Share on GIPHY

Quanto all’Italia, piazza Maggiore a Bologna potrebbe trasformarsi anche lei in un enorme drive-in. Il cinema in piazza è una delle iniziative più attese dell’estate bolognese e si sta valutando di convertire i migliaia posti a sedere, in coppie di passeggeri nella propria auto. “Pensiamo senza sosta a una formula per mantenere in piedi un qualcosa che sia vedere assieme un film. Tra le ipotesi, quella su cui stiamo ragionando di più è il drive-in. Sembrerebbe la posposta in grado di garantire più sicurezza, ed è un’idea in un percorso lunghissimo“, dichiara Gianluca Farinelli, direttore della Cineteca di Bologna che si occupa dell’iniziativa.

Lo scontro con le limitazioni indotte dal Coronavirus sarà inevitabile per il passaggio a un nuova stabilizzazione delle cose, e cominciare a pensare a soluzioni alternative per riprendere le varie attività è assolutamente necessario. D’altra parte, la formula del cinema drive-in, potrebbe essere una novità entusiasmante per coloro che non hanno mai potuto vivere l’esperienza che ha fatto sognare negli anni ’60.

Season 7 Lines GIF - Find & Share on GIPHY

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >