La terra dei figli – Il terribile scenario di Claudio Cupellini

Mettendosi al bivio tra la post apocalisse e una versione blasfema di neorealismo il regista veneto traspone l’omonima graphic novel di Gipi, cambiando alcune parti, ma rimanendo fedele alle atmosfere, e alle forti tematiche sull’eredità del futuro.

In un futuro non ben specificato un padre e un figlio vivono la loro vita su una palafitta in una laguna. Tutto il circondario è una landa desolata, umida, inospitale e con pochi abitanti, i due portano avanti la propria esistenza sperando ogni giorno di riuscire a procacciarsi del cibo. In caso contrario possono chiedere aiuto ad Aringo, l’abitante che gode del prestigio della zona, e soprattutto della maggior ricchezza. Attraverso semplici azioni di baratto ottengono qualche pesce, e la sicurezza di sopravvivere ancora un po’ senza morire di fame.

Ma dopo la morte del padre il giovane protagonista decide di mettersi in viaggio con la sua piccola barca. Nonostante gli sia stato intimato di non farlo, supera le chiuse – colonne d’Ercole della terra che abita – per andare in cerca di qualcuno che sappia leggere. Porta con sé il quaderno in cui il padre ha scritto la verità della sua esistenza, probabilmente sul perché lui non sia stato ucciso da bambino, come ormai accade a tutti. Fuori dalle zone conosciute fa due incontri. Dapprima si imbatte nella terra coltivata da due fratelli scorbutici, che tengono in gabbia una donna trattandola come una bestia da torturare. Fuggito dai bruti con la ragazza, insieme giungono al  secondo approdo, un’enorme centrale energetica dove un gruppo di uomini vive, in un crogiolo di odio e fame, aspettando la fine della della civiltà (e facendo prigionieri). Grazie a colui che nel gruppo funge da boia, esecutore materiale delle morti, il Figlio riesce finalmente a sentire le parole impresse nelle pagine, prima di andarsene un’ultima volta, lasciandosi alle spalle le fiamme.

Liberamente tratto dall’omonima graphic novel di Gipi, La terra dei figli è un film difficile da affrontare per vari motivi. Innanzi tutto ci mette di fronte a uno scenario terrificante, ma credibilissimo. Il delta del Po, zona dal potenziale evocativo sempre splendido, diventa una terra di nessuno, o meglio, una terra di pochi e crudeli. Il Figlio si aggira per le acque, da solo o col Padre, immerso nella costante insicurezza. Qualcuno potrebbe sbucare da un canneto, fare un agguato. Il realismo spiazzante dell’ambientazione fa venire dei dubbi sulla possibilità che uno scenario del genere si realizzi, almeno parzialmente.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Il tema dell’eredità è quello che sembra gravare maggiormente sulla narrazione. Tutto quello che è stato lasciato dalle generazioni passate – che poi saremmo noi – è un sentimento diffuso di paura, quasi irrisolvibile, e sfiducia in ogni essere umano che si incontra. In tutta la prima parte del film, Claudio Cupellini riesce a fondere perfettamente la cupezza dei personaggi nel fango annacquato su cui camminano o navigano. Le azioni, tornate all’essenzialità dell’adempimento di funzioni primarie, sono svolte quasi con foga dai muscoli che non sono più abituati alla cosiddetta cura per il gesto. Basti pensare al modo disperato con cui il Figlio mangia la zuppa che gli offre prima della partenza la Strega cieca – interpretata da una gelida Valeria Golino – vecchia amica del padre morto.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

Sulla carta anche il cast sarebbe difficile da comprendere. Gli interpreti vengono da mondi diversi – musica, cinema  e teatro – ma riescono a dar vita ad una strana amalgama attoriale. Leon de la Valleè, meglio noto come Leon Faun, ha la faccia tosta adatta per essere l’ultimo giovane umano del circondario. Inizialmente apatico e convinto di essere al mondo per errore o per pietà, il suo personaggio cresce di scena in scena, sciogliendo le incertezze, e capendo con chiarezza quello che vuole ottenere. Verso il finale l’obiettivo sembra sfumare, complice anche la cupezza totalizzante che il gruppo di predoni va infondendo allo svolgimento. Il ruolo del boia è affidato a un Valerio Mastandrea chiuso a riccio dietro una sorta di maschera da sub che serve a non far vedere il naso dimezzato. L’attore romano lavora di sottrazione portando la sua gamma espressiva ad abbandonarsi alla rassegnazione di chi sa di aver perso tutto, o quasi. L’altra grande interpretazione è quella di Paolo Pierobon, che mette il suo spessore e la sua chiarezza attoriale al servizio del Padre, ormai abituato con la forza ad essere ruvido.

Un frame del film tratto dall’autore  Un frame del film tratto dall’autore

La terra dei figli parla un linguaggio lineare. Se non viene sentito o capito, la colpa è solo dell’interlocutore, che volta la testa dall’altra parte. Con la freddezza dell’immaginario e un reticolo metaforico semplice ed efficace la pellicola di Cupellini si pone al bivio tra un film post-apocalittico e una forma rinnovata e blasfema di neorealismo. Non manca di difetti ma si occupa dello spettatore per due ore con grande rispetto, nonostante tutto. E in aiuto di una regia intelligente e pulita arrivano le musiche composte da Francesco Motta, perfette nel terrore angoscioso che trasmettono. Proviamo a guardarci intorno prima che sia troppo tardi.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >