La visione di Take Me Out è una droga della quale non posso fare a meno

30 donne, un uomo. Alla fine sceglie lui e i due hanno il primo appuntamento. Solo trash

mansiek via

 

Io non ne sapevo niente. D’altra parte sono della generazione che quando voleva rilassarsi, posava i suoi occhi rossi sulle televendite o su Uomini & Donne, meglio ancora nell’accezione Anziani & Anziane. Ho riso anch’io come un beota al film Troppo belli, con Costantino Vitagliano e Daniele Interrante e quando ho incontrato il secondo in fila dietro di me in una tabaccheria milanese, mi sono quasi emozionato.

 

daniele-interrante-e-costantino-vitagliano-in-una-scena-di-troppo-belli-13272 via - Troppo belli

 

Tutto questo per dire che, insomma, dovrei esserci abituato alla televisione di un certo tipo. Però è come il McDonald o il cinese: tutte le volte che digerisci  e rutti veleno dici basta-per-sempre, poi quando vedi l’insegna ti sale la voglia. È la droga, e chi confeziona certe trasmissioni lo sa benissimo. 

Insomma, poco tempo fa mi hanno segnalato la versione italiana di Take Me Out, un format australiano che permette a un mucchio di ragazze di farsi scegliere da un manzo. È presentato da Gabriele Corsi, quello biondo coi baffetti del Trio Medusa. Confonde, perché non ce lo vedi a presentare tale sublime monnezza, eppure ci si fa d’oro, a suo agio come Scanzi in un negozio di specchi.

 

Schermata 2016-03-04 alle 15.51.22 via

 

In studio, 30 postazioni luminose appartenenti a altrettante ragazze. Se rimangono accese significa che sono state conquistate dal manzo, altrimenti no.

 

 

Ogni puntata è identica alla precedente e questo fatto infonde un senso di sicurezza, di pace nel cuore, di quadratura del cerchio di questa jungla che chiamiamo vita.

Vi spiego per sommi capi la situazione:

 

tumblr_o0ga89i9vJ1tlsda4o1_500 via

1) Il manzo entra in studio, calato da un ascensore stile dancing anni ’90 e si mette a fare il coglione. Mostra i muscoli, regala occhiolini alle tipe, stringe mani, tutto senza smettere mai di ballare, per dimostrare la sua voglia di vivere la vita con dinamismo. A questo punto, le tipe accendono o spengono la propria postazione a seconda della tensione erotica che si è verificata.

 

tumblr_o15zh3tgFe1uk0viio1_500 via

 

2) Il manzo appare sullo schermo, come protagonista di un cortometraggio biopic in cui dice cose tipo “Mi chiamo Flavio, ho 24 anni, faccio il portiere di notte ma studio per diventare calvo, mi piacciono gli snack al sapore di medusa, amo la vita e la mia donna non dev’essere eccessivamente gelosa”. Le tipe decidono di rimanere accese o spente a seconda dell’interesse che hanno maturato nei confronti di Flavio. In questa parte dello show torna in mente The Club ed è subito nostalgia canaglia.

 

tumblr_o0k5nyRNOI1tlsda4o1_500 via

 

3) Appare sullo schermo l’amico del manzo, che rivela particolari nascosti del suo carattere tipo “Flavio è un ragazzo da sposare anche se purtroppo ha un piccolo difetto: il suo hobby è costruire miniature dei veicoli della Forestale con le caccole”. A questo punto le tipe fanno quello che facevano prima e la storia è questa: se ne rimangono accese due o più, Flavio ha un appuntamento, altrimenti ciao, sei ripugnante, vattene a casa mostro. Intanto, durante i siparietti, battute a doppio senso sessuale da seconda media e occhiate peccaminose, tra tormentoni urlati e mosse in sincrono.

 

tumblr_o0gaurc9SD1tlsda4o1_500 via

 

4) Il Gran Finale: se le tipe interessate sono più di 2, Flavio spegnerà quelle che reputa dei cessi e ne lascerà accese due, alle quali rivolgerà una domanda del tipo “Se io andassi con la tua migliore amica, tu come ti vestiresti?”. A seconda della risposta, sceglierà chi portare alla Take Me House, cioè in un’esterna artefattissima di cui vedremo uno spezzone nella puntata successiva, mentre la perdente si rassegnerà all’ennesima gita al gattile.

 

Schermata 2016-03-04 alle 16.04.34 via

 

Allora cosa c’è d’irresistibile nella formula di questa tragedia catodica? Tutto. 30 ragazze tutte insieme fanno subito Non è la Rai, declinato all’età in cui o ti fidanzi o sei pronta per gestire corbelli di felini davanti alle serie tv. Non sono tutte perfette come le fighe di legno di Uomini & Donne, alcune son lì per fare le opinioniste, tipo la cinese Vivian e le romane La Vali e Eleonora.

 

Schermata 2016-03-04 alle 15.54.11 via

 

Questo riporta subito alla mente Tina Cipollari o la Danielona del pubblico di Maria De Filippi, quella che poi hanno arrestato perché spacciava la bamba. C’è la tipa che fa il burlesque, quella che crede negli unicorni, la vamp di 95 chili, la sudatissima, quattro o cinque bellezze esotiche e via dicendo.

 

Schermata 2016-03-04 alle 15.51.18 via

 

Ti dà la stessa soddisfazione di vedere un tuo amico installare Tinder, scegliere tutte le tipe della Lombardia e non portare a casa nemmeno un limone.

Ma la cosa che più mi appassiona è l’esito: l’esterna sarà andata bene o male? I due tipi sono su un divano a sorseggiare alcolici o in una vasca piena di tepore a conoscersi meglio. Lui le dice mi piace viaggiare ma solo rimanendo me stesso, lei risponde mi fai sentire come una foto di Julia Roberts su Rotten  e giù lingua in bocca. Like. Oppure lui: mentre siamo a cena adoro grattarmi i calli dei calcagni col coltello da formaggio e lei sono andata dal chirurgo per farmi impiantare la terza ascellabum! la coppia che tanto abbiamo amato scoppia di fronte a noi. Unlike.

 

Schermata 2016-03-04 alle 15.49.31 via

 

Capite in che limbo sono? Tutte le sere, mentre preparo da mangiare ne guardo cenni e poi finisco per vedere anche la replica del giorno prima. Appaga la mia brama di trash citando tutte le trasmissioni brutte, tutte insieme in una mezz’ora di trigliceridi visivi che intasano l’aorta del buon gusto.

L’adoro quasi più di Alta infedeltà, di cui se vorrete, vi parlerò uno di questi giorni. Non c’è sessismo, maschilismo, femminismo. In questa trasmissione perdono tutti, anche il pubblico da casa.

Non è una cosa molto zen, per una mezz’ora almeno, avere la consapevolezza di stare buttando via il tempo?

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >