Tutto quello che devi sapere su Tom Hardy, il migliore attore del momento

Da Bronson a The Revenant, breve storia del villain più amato dai registi e dal pubblico

hardy_anteprima  Tom Hardy in The Revenant, dove interpreta il cacciatore John Fitzgerald

 

È sfrontato, massiccio, ha una fisicità che fa pensare a un teppista di una periferia americana: invece Edward Thomas Hardy è nato a Londra il 15 Settembre del 1977. Fin da piccolo ha respirato arte e creatività grazie ad una madre pittrice e un padre commediografo, quindi non sorprende molto la sua decisione di iscriversi all’Accademia Drammatica di Londra per studiare recitazione. “Ho capito che ero piuttosto bravo e ho cominciato ad investirvi più tempo e più energie: ne è scaturita una grande passione, e poi una disciplina che l’ha trasformata nella mia professione” ha dichiarato l’attore in un’intervista a Io Donna.

Scelta vincente vista l’attuale carriera di questo ragazzo inglese che ormai ha conquistato Hollywood, collezionando un successo dietro l’altro e dimostrando il suo talento, che gli è valso anche una recente candidatura agli Oscar 2016 come Miglior Attore Non Protagonista per The Revenant – Redivivo, diretto da Alejandro Gonzales Inarritu.

Infatti, anche se in questa occasione i riflettori erano puntati su Leonardo DiCaprio, Tom Hardy è riuscito a catturare l’attenzione di pubblico e critica con la sua interpretazione dell’antagonista rude e bugiardo John Fitzgerald, tra le distese ghiacciate e le impervie foreste del Missouri.

I ruoli psicotici e disturbati sembrano scritti per lui, come l’Eric Bane de Il Cavaliere Oscuro, o il feroce criminale Michael Gordon Peterson del film Bronson di Nicolas Winding Refn che gli ha fatto conquistare il British Indipendent Film Awards nel 2008. E come dimenticarlo nei panni del gangster omosessuale Bob il Bello nell’eccentrico Rocknrolla di Guy Ritchie? Molti dei suoi personaggi sembrano sospesi in una follia grottesca che si risolve in una simpatia ed un fascino irresistibili. Forse proprio per la versatilità di Tom Hardy, che è in fondo un duro dal cuore tenero. La sua forza sembra essere proprio nel contrasto marcato tra una timida dolcezza e una natura spregiudicata legate da un perfetto equilibrio. Se lo avete visto nel film Chi è senza colpa del 2014 in cui vestiva i panni del barista Bob Saginowski al fianco del compianto James Gandolfini, avete capito di cosa parlo. Tenero e affettuoso nel prendersi cura di un cucciolo di pitbull, mentre guida con razionalità e sangue freddo il riciclaggio di denaro sporco.

Riesce ad essere eroe e antieroe nello stesso momento e di questa dualità ne ha approfittato il regista Brian Helgeland coinvolgendolo nel film Legend, nelle sale italiane dal 3 Marzo. Qui infatti l’attore si ritrova ad interpretare i gemelli Kray che negli anni ’60 erano i gangster più temuti e rispettati d’Inghilterra: Reggie, elegante e pragmatico, e Ronnie, impulsivo ed instabile “Non cerco ruoli da duro, solo belle storie e persone interessanti con cui lavorare. Però sono molto attratto dalle perversioni della natura umana” ha sottolineato Hardy, che in questo thriller noir, riuscito soprattutto grazie alla sua performance, fa convivere la sua duale personalità. L’intensità della sua recitazione e la presenza fisica lo hanno accostato più volte a Marlon Brando, ma gli hanno fatto fare anche molta strada dagli esordi di Black Hawk Down di Ridley Scott nel 2001 e Star Trek: La Nemesi.

 

hardy bronson  Tom Hardy in Bronson (2008)

 

Il vero successo per lui è arrivato tuttavia grazie alla partecipazione nel film di George Miller, Mad Max: Fury Road, protagonista degli Oscar 2016 con ben sei riconoscimenti. In questo remake della celebre saga degli anni ’80 Hardy riprende il ruolo di Mel Gibson nei panni di un ex poliziotto solitario che vuole vendicare la sua famiglia, e vaga nel deserto fin quando non viene catturato dai Figli di Guerra ed inizia la sua lotta per la sopravvivenza al fianco di Furiosa (Charlize Theron). A breve Tom Hardy inizierà le riprese del sequel Mad Max: The Wasteland che vedremo nel 2017. “Molti registi mi considerano uno adatto ad interpretare personaggi difficili, probabilmente per via di certe esperienze che ho fatto quando ero più giovane” ha sottolineato l’attore facendo riferimento al periodo di dipendenza da alcol e droghe per cui ha trascorso del tempo in rehab. Sobrio dal 2003 oggi è sposato con Charlotte Riley e padre di due bambini, e ha tranquillizzato i suoi fan e amici dichiarando: “Sono cresciuto, adesso ho delle responsabilità”. La canaglia quindi è stata addomesticata, ma almeno sul grande schermo torna a provocare.

Tra i suoi prossimi progetti c’è la serie tv Taboo che ha prodotto insieme al padre Edward “Chips” Hardy, per la regia di Kristoffer Nyholm, su un uomo che torna a Londra dopo aver passato dieci anni in Africa per impossessarsi dell’eredità del padre sconosciuto. Mentre sul grande schermo lo ritroveremo per True American, il nuovo film di Kathryn Bigelow che racconta la storia di un pilota dell’Air Force del Bangladesh che sogna di immigrare in America per lavorare nel settore della tecnologia, ma viene ucciso nel minimarket dove lavora a Dallas dal terrorista Mark Stroman.

Dopo Il Cavaliere Oscuro il regista Christopher Nolan avrebbe richiamato Tom Hardy per il suo Dunkirk, un film ambientato nella Seconda Guerra Mondiale che vuole raccontare l’operazione Dynamo, ovvero l’evacuazione navale delle forze alleate avvenuta nel 1940. E la Ubisoft, oltre ad Assassin’s Creed, ha deciso di portare sul grande schermo il famoso videogioco Tom Clancy’s Splinter Cell per la regia di Doug Liman e l’attore è stato coinvolto per interpretare Sam Fisher, il capo di una divisione segreta dei black-out della National Security Agency chiamata Third Echelon.

 

hardy2  Tom Hardy in Legend (2015)

 

Infine Hardy produrrà e sarà il protagonista di 100 Bullets, l’adattamento cinematografico del fumetto DC Comics Vertigo, creato da Brian Azzarello e Eduardo Risso. Non ci sono ancora molti dettagli sulla trama ma Hardy dovrebbe vestire i panni dell’agente Graves, armato di una pistola e 100 proiettili non tracciabili per proteggere le vittime di grossi torti.

Come il lupo visibile tra i suoi numerosi tatuaggi che lo accompagnano dall’età di 15 anni come “segni visuali della sua vita”, Tom sta marcando il suo territorio lasciando un’impronta indelebile nel cinema contemporaneo, grazie ad un talento naturale ed intrigante diverso dagli altri.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >