TV e Cinema
di Simone Stefanini 26 Settembre 2018

Maniac è la nuova serie tv per cui impazzirete

Maniac è di sicuro una delle candidate a miglior serie del 2018. La trovate su Netflix

ATTENZIONE, POTREBBE CONTENERE SPOILER

La seconda stagione di Maniac non ci sarà, ed è una buona notizia. È già strano che una miniserie tv nata come evento limitato a una sola stagione, poi lo sia davvero. Troppo spesso le sirene del gradimento fanno mettere in cantiere seconde stagioni posticce, scritte male e inutili, solo per allungare il brodo. Maniac di Patrick Somerville e Cary Fukunaga (regista del primo True Detective) è una serie con un arco narrativo completo, che inizia e finisce davvero, senza dover tornare sul “cosa succede ai protagonisti dopo il primo film”. Quello che succede è la vita e lasciarla aperta a tutte le possibilità, ne vale sempre la pena.

Maniac è una serie strana, interpretata da attori brillanti in stato di grazia. I protagonisti Emma Stone e Jonah Hill sono perfetti nel ruolo di disagiati, chi bugiardo cronico, chi schizofrenico, due reietti della società in un futuro passato dai connotati dubbi. La tecnologia sembra quella degli anni ’80, non ci sono cellulari o internet, i computer sono scatoloni di programmazione in basic, eppure la ricerca scientifica ha fatto enormi passi da gigante e in quel tempo indefinito è possibile partecipare a sperimentazioni farmaceutiche che ti fottono il cervello, in cambio di soldi.

 

Annie e Owen, questo il nome dei due personaggi chiave, si incontrano in una di queste sperimentazioni e passo dopo passo entrano uno nelle visioni dell’altro. La sperimentazione infatti è basata sull’assunzione di tre pasticche, A, B e C, che inducono a sogni lucidi e in qualche modo li manipolano. Sembra complicato, eh? meno di quanto lo sia in realtà, perché Maniac, sotto la scorza tutta matta di serie di fantascienza borderline, in realtà parla di feels, di sentimenti profondi e drammi mai superati.

 

Parla degli incontri che cambiano la vita e di come riuscire a farli solo uscendo dal proprio isolamento, dall’autocommiserazione e da tutti quei paletti mentali che non fanno uscire le emozioni. Spiegazione troppo new age? Forse, ma per arrivare alla vita, quella vera, i due protagonisti faranno dei viaggi mentali allucinanti, in cui saranno volta per volta tamarri degli 80s alle prese con un lemure, gangster, elfi e poiane o spie dei servizi segreti.

Insieme a Emma Stone e Jonah Hill, che vale la pena ripetere sono eccezionali, Sonoya Mizuno perfetta nei panni della scienziata-operatrice di laboratorio insieme a Justin Theroux, la linea tragicomica dello show, l’inventore del super computer che ha un rapporto tipo quello di Leonard di The Big Bang Theory con la madre, interpretata da Sally Field. La musica di Dan Romer è sempre puntuale e riesce a far diventare organiche scene totalmente bipolari. La regia di Cary Fukunaga è qualcosa che va oltre il compitino che spesso vediamo nelle serie tv: esalta ogni tipo di atmosfera (e ce ne sono tante) con naturalezza e competenza rare, gestendo l’arduo lavoro di creare storie nella storia. Fukunaga avrebbe dovuto dirigere l’adattamento cinematografico di IT di Stephen King, ma Maniac non fa rimpiangere la scelta fatta.

 

Pur non essendo completamente originale (è una sorta di remake molto personale di una serie norvegese del 2014 dallo stesso titolo), Maniac sorprende senza essere goal-oriented a tutti i costi e non appena l’avrete finita, una volta asciugate le lacrime, avrete voglia di guardarla di nuovo. Candidata di sicuro a miglior serie del 2018, la trovate su Netflix.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >