Il medioevo a colori: la lista dei motivi per scegliere una fidanzata dell’est su RaiUno

La lista apparsa nel programma di Paola Perego è sessista, razzista e assolutamente vergognosa. Finirà mai questa diseducazione?

 

Quella che vedete qui sopra è una lista in 6 punti apparsa nella rubrica Parliamone sabato di Paola Perego, in onda su RaiUno all’interno de La vita in diretta. La televisione di Stato fa il verso all’internet, ma non lo capisce e firma la sua condanna a morte. La lista di per sé, uno dei metodi strategici per far leggere gli articoli web al lettore del 2015, è stata presa e appiccicata a un programma per famiglie, infarcita dei più infimi discorsi da bar, del sessismo più becero e mandata in onda come se fosse una cosa regolare.

Si parla, come avrete capito, dell’annoso problema secondo cui gli uomini italiani preferirebbero le donne di un imprecisato est, e si parte già male. Di chi si parla, delle donne di Rovigo o di quelle dei paesi balcanici? Di quali paesi balcanici, di grazia? No perché riguardo la preferenza verso le ragazze dell’est, già i commessi della Lidl di Follonica avrebbero qualcosa da obiettare.

Ad est della nostra Italia troviamo un bel po’ di culture diverse, da quella macedone o albanese fino a quella turca, russa, ungherese, polacca o estone. Scrivere est Europa sulla Rai, senza fare un minimo di distinguo è figlio della colpevole ignoranza che porta l’italiano medio a non distinguere Cina da Giappone, i paesi mediorientali o africani l’uno dall’altro, ed è subito nostalgia del Dipartimento Scuola Educazione.

Se già il titolo è così profondamente sbagliato, il peggio deve ancora venire e vogliamo analizzarlo con voi punto per punto.

 

 panorama

 

1) Sono tutte mamme ma, dopo aver partorito, recuperano un fisico marmoreo
Secondo la Rai, le donne italiane quando fanno figli diventano veri e propri cessi a pedali ed è colpa loro se i mariti poi si rivolgono altrove, nei paesi in cui anche dopo innumerevoli parti, le donne continuano a essere desiderabili sessualmente (fatto basato su quale statistica?). Niente male come frase formativa, da divulgare in un programma per famiglie. Se non abbiamo capito male, un uomo sta insieme a una donna solo se è bella fisicamente, alla faccia di secoli di lotte per i pari diritti e le pari opportunità.

2) Sono sempre sexy. Niente tute né pigiamoni
Il punto uno qui va addirittura in metastasi. Per gli autori della Rai, la donna sexy è solo quella minigonna-tacchi-a-spillo-scollatura. Glielo dite voi che gli anni ’80 non ci sono più, il Drive In ha chiuso e oggi il canone di bellezza è cambiato? Ma poi, come cantava Cher, Dov’è l’amore?

 

 

3) Perdonano il tradimento
Altro passo indietro e dagli anni ’80 torniamo al dopoguerra, con un punto che ha un retrogusto di “l’uomo che tradisce è figo, la donna invece è una poco di buono”. Nella fantasia degli autori torna tutto, e noi lo ricostruiamo un po’ così: donna italiana, hai fatto un figlio e i tuoi fianchi sono slargati, ti vesti sempre in tuta e pigiamoni, almeno fammi andare con una bomba sexy senza recriminare. Stando a questo assunto sarebbe chiaramente colpa della donna, pedante oltre ogni dire, che non perdona la scappatella del povero marito, a differenza della stangona dell’est coi tacchi, i figli, il marmo al culo e pure disponibile alla coppia aperta in cui tu puoi e lei no.

4) Sono disposte a far comandare il loro uomo
Oh, è qui che volevamo arrivare, e dal dopoguerra facciamo un bel balzo all’indietro, verso i bei tempi del medioevo, di cui sembra gli autori Rai siano nostalgici. Se l’uomo ha perso il suo potere, è colpa della donna italiana che vuole la parità. Volete mettere le mansuete stangone dell’est coi tacchi, coi figli e pure con le corna? Loro sono disposte (dio che espressione di merda) a far comandare il maschio, che come tutti sanno è la soluzione a ogni male. Strano che non abbiano scritto che ogni tanto quelle dell’est accettano anche uno schiaffo come pegno d’amore.

 

 

5) Sono casalinghe perfette e fin da piccole imparano i lavori di casa
Ok. Moglie stangona, coi tacchi, le tette di marmo e figli a carico, che fra un ceffone e un paio di corna trova il tempo per tenere la casa in ordine, cucire, rassettare e fare tutte le faccende casalinghe meglio di tua madre, sempre vestita come una panterona da night (la moglie, non tua madre, ci mancherebbe). A proposito della mamma, se poi si ammala niente paura: sono o non sono le donne dell’est delle perfette badanti? Se funziona così e trovi gli sconti, prendine due o tre a testa, magari poi ti annoi, non si sa mai.

6) Non frignano, non si appiccicano e non mettono il broncio
Il punto 6 li riassume tutti: all’uomo italiano non gli devi cacà er cazzo. Lui ti vuole vestita da sera anche mentre cucini, pulisci casa e badi ai tuoi figli, perché quando lui torna a casa dopo averti tradito non vuole sentire lamentele di sorta tipo “Amore, la vita che sto subendo è un abuso senza fine e io segretamente voglio morire”.

 

 

Già che ci siamo, chiariamo agli autori Rai di questa immondizia che sono sempre troppo poche le donne che denunciano gli abusi subiti all’interno di una relazione degli uomini italiani. Questa lista offende tutti, a partire dalle donne, di un qualunque est o italiane che siano, vittime di una generalizzazione medievale insopportabile, ma non solo. La lista offende anche tutti quegli uomini che si sono da tempo smarcati dall’archetipo del padre padrone e che si ritrovano dipinti come orchi senza cuore. Finirà mai questa diseducazione?

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >