notte horror italia 1 lista film

I 10 film più indimenticabili trasmessi da Notte Horror su Italia1

Eravamo giovani, avevamo la tv in cameretta, e volevamo avere paura

notte horror italia 1 lista film  Pelle d’oca!

 

Che bello quando la vita offriva solide certezze! Certezze stagionali, certezze catodiche in particolare: una di queste era il ciclo estivo di film horror su Italia 1. Si chiamava Notte Horror, i film andavano in onda in seconda serata da inizio giugno – quando la seconda serata iniziava davvero intorno alle 22.40, mica come adesso – e ci hanno fatto compagnia e paura per un bel po’ di anni di adolescenza, se siamo nati nei primi anni ottanta o qualche anno prima.

Il ciclo Notte Horror era cominciato nel 1989, ed era cresciuto fino a diventare un appuntamento importante, cruciale, nelle estati italiane di noi ragazzini dell’epoca: verso i 14, 15 anni, a metà anni novanta, si cominciava a poter stare alzati fino a tardi, magari qualcuno aveva la tv in cameretta, ed era così bello avere paura, da soli. Poi ci sarebbe passata, ma lì per lì…

Mi ricordo che si aspettava proprio che cominciasse Notte Horror, che partiva quando finiva la scuola, magari per registrarci su VHS qualche pellicola mai vista prima, e goderci – in epoca di tv generalista e se andava di lusso, di videonoleggi o Blockbuster – qualche perla dell’orrore.

Ma che film c’erano a Notte Horror? 

Cercando un po’ online si trova l’elenco completo con tutti i film trasmessi durante Notte Horror, con tanto di date di messa in onda, ma noi qui vogliamo mettere in fila quelli che hanno segnato le nostre vite di teneri virgulti della paura.

 

Il Seme della Follia (1994) – in onda il 1° luglio del 1997 

Echi di H.P. Lovecraft in un capolavoro della paura firmato alla regia da John Carpenter, in cui Sam Neill – all’epoca tutti noi ce lo ricordavamo giusto per Jurassic Park – va alla ricerca di uno scrittore, il misterioso, diabolico Sutter Cane apparentemente svanito nel nulla proprio al momento del lancio del suo ultimo libro. Problema: i libri di Cane conducono, letteralmente, alla follia… Indimenticabile e bello da rivedere ancora oggi, un classico.

 

Hellraiser (1987) – in onda nel 1989 e nel 1993, data precisa sconosciuta

I primi capitoli della saga di Hellraiser facevano davvero paura. Ai tempi: chissà a rivederli oggi… Pinhead, il signore lì sopra, ha tormentato le notti di tanti adolescenti dell’epoca, anche perché – un po’ come per la saga di Nightmare – l’oggetto centrale in cui si sviluppava l’incubo era un mondo onirico. Scritto, diretto e prodotto dall’autore del libro originale, Clive Barker, è un altro classico della paura, forse oggi un po’ datato. Ma vale comunque la pena di rivederlo.

 

Splatters – Gli schizzacervelli (1995) – in onda il 9 luglio del 1996

Che cosa faceva Peter Jackson, il regista della saga del Signore degli Anelli da giovane? Faceva horror abbastanza assurdi come questo. Ambientato nella Nuova Zelanda degli anni cinquanta, Splatters – Gli schizzacervelli è semplicemente delizioso ancora oggi, anche se un po’ datato. Trama in breve? Un morso di una scimmia-topo a un esploratore innesca una serie di eventi che portano a un’epidemia di zombie che sconvolge la tranquilla Wellington. Vecchiette, rockers, animali e bastardissimi neonati zombie compresi. Un horror in cui si sorride: paura poca, risate molte. Ricordo che lo vidi con mia nonna.

 

I gusti del terrore (1995) – in onda il 30 luglio 1996

Meno noto, sicuramente meno bello dei precedenti, I gusti del terrore si merita comunque un posticino nel nostro pantheon della paura anni novanta. La trama in breve? In una cittadina americana appare un gelataio, che come dire, nasconde qualche segreto… quel segreto, ogni tanto, lo nasconde proprio negli ingredienti dei gelati. Attenti bambini… Anche qui, un horror con venature da commedia. Problema: paura poca, risate poche. Dimenticabilissimo?

 

Dellamorte Dellamore (1994) – in onda il 3 settembre 1996 

Che annata il 1996 per Notte Horror! Forse non uno più bello dell’altro, ma di sicuro uno più indimenticabile dell’altro. E anche la curiosa trasposizione di Dylan Dog, dal fumetto di Tiziano Sclavi alla pellicola, con protagonista Rupert Everett ha segnato indelebilmente il nostro immaginario di ragazzini di quegli anni. Per i maschietti: indimenticabile anche altro, ovvero la scena con Anna Falchi al cimitero. Quella scena , ci siamo capiti.

 

Darkman (1990) – in onda il 1° settembre 1998 

Cupo, doloroso, dark: che bello Darkman, l’avrò visto decine di volte su VHS da ragazzino. Alla regia Sam Raimi, protagonista Liam Neeson, Darkman nel corso degli anni si è guadagnato la fama di cult, secondo me più che meritatamente. Ancora bel lontano dai fasti di Spider-Man e saldamente ancorato all’horror – del resto aveva diretto La Casa – Sam Raimi ci racconta la storia di un giovane scienziato e inventore che coinvolto in un terribile incidente, si trasforma in supereroe… nessuno spoiler, nessun indizio! Se vi manca, guardatelo anche oggi. Ancora godibile.

 

Cimitero vivente (1989) – in onda nel 1991, 1992, 1996  

Il classico dei classici, ritrasmesso più volte, sempre bello: ancora oggi? Io dico di sì. Del resto, mettere insieme una storia del Re, Stephen King, una famigliola perfetta cui capita una sfiga dopo l’altra, una trafficatissima strada cui fare molta attenzione, animali domestici infami che tornano a vivere, bambini infami che resuscitano (armati di bisturi) e pure un pezzo dei Ramones da pelle d’oca, non può non funzionare. Molto amaro, fa paura – almeno ai tempi la faceva, chissà ora – e con un finale da lacrime, commovente. Un Cimitero Vivente che non dimenticheremo mai.

 

Scanners (1981) – in onda il 18 luglio 1995

David Cronenberg alla regia, per un classicissimo della paura: con un sacco di teste che saltano, letteralmente. Chi le fa saltare? Gli scanners, individui dotati di poteri telepatici. Ma anche gli scanners, si dividono in buoni e cattivi… che meraviglia sarebbe se lo rifacessero quest’estate: divano, birra gelata, frittatona di cipolle, teste che esplodono. E no, noleggiarlo non è la stessa cosa, vederlo in streaming neppure. Voglio l’esperienza catodica anni novanta: voglio il Mivar, voglio il VHS, voglie le birre che da ragazzino non mi bevevo. Altro che streaming…

 

Body Bags – Corpi estranei (1993) – in onda il 27 giugno 1995

Tre episodi, tre maestri dell’horror all’opera: John Carpenter – che interpreta anche il medico legale – Tobe Hooper, e Larry Sulkis (non accreditato) e camei deliziosi, uno su tutti, il regista della saga di Nightmare (ma non ancora di Scream…) Wes Craven. Dei tre episodi indelebile nella mie testolina, Hair, dove Stacy Keach si trova alle prese con problemi di calvizie. La soluzione sembra trovarla in fretta, ma è tutto troppo bello per essere vero, e l’orrore, è dietro l’angolo… da rivedere anche oggi, malgrado abbia più di vent’anni.

 

 

Ticks – Larve di sangue (1993) – in onda il 15 agosto del 1995 

Perfetto prima di partire per il campeggio: Ticks – Larve di sangue ce lo ricordiamo soprattutto perché in un’epoca di Willy il Principe di Bel Air uno dei protagonisti del film era Alfonso Ribeiro, ovvero Carlton. Trama? Il concime di una coltivazione di marijuana genera zecche giganti e assassine. Un horror abbastanza prevedibile e dimenticabile, con effetti oggi datati e in senso non positivo. Dimenticabile sì, ma dimenticabile come quelle robe che tieni in cantina e non hai mai il coraggio di buttare via definitivamente.

 

-Bonus track 

L’armata delle tenebre (1992) – andato in onda durante Notte Horror?

Negli elenchi di film andati in onda non appare: eppure non ci credo che non sia mai stato trasmesso.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >