TV e Cinema
di Marco Villa 12 Dicembre 2015

Il nuovo The X-Files è un meraviglioso delirio complottista

Mulder e Scully sono tornati: abbiamo visto in anteprima il nuovo The X-Files

xfiles OsservatorioSeriale

 

Tredici anni sono tanti, tantissimi. In tredici anni può succedere di tutto, persino che argomenti da fantascienza diventino la base di dibattiti e discussioni quotidiane. L’ultima puntata di The X-Files andava in onda nel maggio 2002, erano passati nove mesi scarsi dall’11 settembre e iniziava a farsi strada tra siti e forum la teoria che gli attentati alle Torri Gemelle fossero una gigantesca montatura di governo, FBI, CIA per destabilizzare l’ordine mondiale, provocare guerre e avere una scusa per stringere i controlli sulla popolazione. All’inizio sembravano idee bizzarre destinate a sparire in breve tempo, ma dopo oltre un decennio quelli convinti che le cose siano effettivamente andate in questo modo sono ancora tanti e la convinzione che ci sia sempre qualcosa di segreto dietro tutto ciò che accade è pienamente radicata. È questo il panorama in cui torna The X-Files, con sei episodi che andranno in onda su Fox dal 24 gennaio e trasmessi in Italia (sempre su Fox) a 24 ore di distanza.

 

https://www.youtube.com/watch?v=_1SmJUBT5q0

 

E va detto che The X-Files ha sempre sguazzato in questa pozza di dubbi e “non crederai davvero che”: una serie tv interamente dedicata a quei casi che le autorità dovevano tenere segreti per evitare che la gente andasse nel panico. Tredici anni fa, The X-Files era l’avanguardia, diciamo così, di questo pensiero, ma nessuno dubitava che si trattasse di finzione. Oggi è esattamente il contrario: basta fare qualche ricerca su internet per trovare manciate di siti che fanno sembrare ingenui giochi da bambini le indagini degli agenti Fox Mulder e Dana Scully, come sempre interpretati da David Duchovny e Gillian Anderson. Andare di nuovo in onda in questo contesto imponeva al creatore Chris Carter di osare e spingere ancora più all’estremo la sua invenzione. E Chris Carter non si è fatto sfuggire l’occasione, facendo compiere a The X-Files un triplo salto carpiato nel complottismo.

 

david-duchovy-gillian-anderson Cbc - David Duchovny e Gillian Anderson ai tempi del primo The X-Files

 

La premessa dell’episodio My Struggle è che Mulder e Scully sono andati avanti con la propria vita. Lui imbarbarito, paranoico e isolato dal mondo e molto simile a Hank Moody di Californication, Scully, invece è un rispettabile chirurgo. Entrambi però hanno visto troppo per poter tornare a essere comuni cittadini, quindi basta poco (la chiamata di un complottista diventato ricchissimo con trasmissioni a tema, interpretato dall’ex Community Joel McHale) per farli tornare in campo. Per i motivi già citati, la sfida non può essere quella di sempre e il primo episodio della nuova miniserie, presentato in anteprima internazionale al Courmayeur Noir In Festival, svela l’orizzonte lungo il quale si muoveranno le loro indagini. E qui arriviamo al capolavoro del delirio complottista: Mulder scopre infatti che tutti i casi di rapimenti alieni ed esperimenti vari su cui aveva indagato con Scully nel corso dei nove anni della serie regolare non avevano niente a che fare con gli extraterrestri. Ovvio, gli alieni esistono e sono anche passati dal nostro pianeta, ma tutti i casi di avvistamento e simili sono in realtà legati a esperimenti compiuti dai vari governi mondiali, che dall’inizio del ‘900 sono in possesso di tecnologia aliena e in qualche modo devono testarla. Booom! In un colpo solo anche il più accanito fan delle scie chimiche viene rimesso al suo posto, con Mulder & Scully che tornano a guidare la schiera mondiale di quelli che sanno che la verità è la fuori.

 

x-files-2016-images Screenrant - David Duchovny e Gillian Anderson nel primo episodio della nuova miniserie di The X-Files

 

Per avere senso nel 2015, The X-Files doveva compiere questo salto in avanti, ma allo stesso tempo aveva bisogno di mantenere i legami con quanto raccontato in passato, portando i nuovi spettatori nel proprio mondo. Per questo, nonostante tutti gli elementi di collegamento siano inseriti con una certa scioltezza, il primo episodio risulta per forza di cose interlocutorio: la nuova prospettiva delirante che abbiamo descritto in precedenza può diventare entusiasmante nel suo sviluppo, ma per il resto l’episodio viaggia a ritmi piuttosto bassi, senza guizzi di regia e con accenti a tratti eccessivi sulle frasi-tormentone storiche di The X-Files. My Struggle è quello che doveva essere: un buon collante tra quello che è stato e quello che arriverà, un episodio transitorio di natura. Allargando un po’ lo sguardo, però, la sensazione è che The X-Files possa riservare grosse soddisfazioni. L’importante è volerci credere, come sempre.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >