Perché il documentario su Osho è la cosa migliore che potete vedere oggi su Netflix

Osho è solo il pretesto per parlare della battaglia tra redneck e seguaci new age fomentata da Sheela, la segretaria personale del guru. Wild wild country è una docu-serie che vi lascerà intontiti e affascinati come poche altre

Wild Wild Country è un documentario su Osho e la sua comunità Rajneeshpuram in Oregon durante gli anni ’80, diviso in 6 parti come una serie tv per la regia di Maclain e Chapman Way. Descritto così non affascina granché, a parte i seguaci della new age, eppure questa è la storia più sconvolgente e spettacolare che possiate vedere oggi su Netflix.

È il 1981 e Osho, insieme alla sua segretaria personale Sheela, trasferisce tutta la comune di Pune (India) nel bel mezzo degli Stati Uniti, in una cittadina di 40 abitanti incazzati dell’Oregon. Se pensate però che la trama sia tutta incentrata sulla battaglia tra fricchettoni e leghisti americani vi sbagliate di grosso, perché la storia è ben più assurda di una sceneggiatura scritta a tavolino.

 

 

In mezzo troviamo la villain più affascinante della storia dei culti, un sacco di Rolls Royce, una milizia armata fino ai denti e vestita di rosa, un santone muto e rancoroso, la storia della Nike, alcuni castori, l’FBI, il più grande attentato bioterroristico della storia, il sosia di Stephen King e quello di Pupi Avati (questo è solo per ridere), Hollywood, un tentato omicidio, due cremazioni e un sacco di apparizioni in tv. Poi soldi, sesso, potere, ancora sesso, vestiti dello stesso colore, un film d’epoca raggelante, un’intera città costruita dal nulla e spiata, l’FBI, un sacco di gente rimasta sotto e tutta una serie di avvenimenti che sulle prime non ci si crede e invece è tutto vero.

 

 still da video

 

Più che Osho, il documentario riguarda Ma Anand Sheela, che dal 1981 al 1985 è stata la segretaria, portavoce, stretta collaboratrice di Osho mentre lui aveva scelto la via del silenzio. Il guru parlava attraverso di lei e tutti i discepoli pendevano dalle sue labbra. Una donna minuta e apparentemente innocua con un carisma magnetico e una determinazione che va oltre ogni legge morale. Provocatoria, folle, lucidissima, innamorata del suo Maestro, simpatizzante dell’imprenditoria più che della meditazione, un personaggio agli antipodi di ciò che si immagina parlando di new age.

 

Vi lasciamo col mistero di ciò che è realmente successo negli anni americani di Osho, promettendo una serie affascinante come poche, che vi prenderà tutta l’attenzione e che vi lascerà intontiti dopo la sua fine, un po’ come i seguaci del culto dopo la morte del loro guru. Tutti i protagonisti della storia, quelli ancora vivi quantomeno, sono stati intervistati e ognuno a modo suo chiarisce le parti oscure della storia. La colonna sonora poi aggiunge il brivido blu, grazie a pezzi di Timbre Timbre, Void Vision o Bill Callahan, per entrare nel cuore dell’America rurale, chiusa quasi fosse la stagione di True Detective che abbiamo sognato e che non è mai andata in onda.

 

 still da video

 

Alla fine vi domanderete perché siate stati soggiogati anche voi dal fascino perverso del male e cosa sarebbe accaduto se foste stati lì, in quegli anni, insieme a loro.

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >