TV e Cinema
di Simone Stefanini 5 Settembre 2019

Tutti i clown che hanno ispirato Pennywise di IT

Quali sono i clown della storia degli Stati Uniti che hanno ispirato la figura di Pennywise nel libro IT di Stephen King?

Bozo il clown foxnews - Bozo il clown

 

Sta per uscire IT 2, il secondo dei due film di Andrés Muschietti dedicati al bestseller di Stephen King, che è entrato nell’immaginario popolare grazie al clown Pennywise interpretato da Tim Curry nella miniserie per la tv andata in onda nel 1990.

Chi è Pennywise? Dalla Bibbia dell’horror di King si descrive così:

“Sono l’incubo peggiore che abbiate mai avuto, sono il più spaventoso dei vostri incubi diventato realtà, conosco le vostre paure, vi ammazzerò ad uno ad uno.”

IT è un’entità maligna dalle origini ignote, che esiste da prima dell’Universo stesso. Proviene dal Macroverso ma una volta giunta sulla Terra, si è stabilita in un luogo in cui milioni di anni più tardi sarebbe sorta la città (immaginaria) di Derry, in cui il libro è ambientato.

 

Pennywise il pagliaccio ballerino (detto anche Bob Gray) è solo una delle tante facce che IT ha preso nel corso della sua esistenza. La descrizione che King ne fa nel suo libro è molto precisa: un clown vestito con un largo costume di seta argentata, una cravatta blu, un colletto increspato e pon pon arancioni. Il suo volto, o per meglio dire la sua maschera, lo fanno somigliare a 3 pagliacci mostruosi molto famosi negli Stati Uniti.

Il primo è Bozo, clown televisivo celebre negli anni sessanta e settanta, con un trucco davvero terrificante. La somiglianza col primo Pennywise, quello interpretato da Tim Curry è eccezionale.  Pensate che nella sua carriera è stato mascotte della Capitol records e oltre al suo show televisivo ha anche inciso audiolibri per bambini.  Ha avuto un sacco di attori che l’hanno interpretato nel corso dei decenni, si dice più di 200, rendendo ancora più inquietante la sua figura. Bozo potrebbe essere chiunque…

 

 

Il secondo nella descrizione kinghiana è Clarabell, il clown star del Howdy Dowdy Show da metà anni ’50 in poi. Era il partner muto di Howdy Dowdy, comunicava solo con una trombetta e coi gesti. Come lo trovassero divertente, questa è la domanda da un milione di dollari.

 

 

Il terzo non poteva non ricordare Ronald McDonald, il perverso personaggio simbolo del fast food americano per eccellenza. Diretto discendente di Bozo il clown, è diventato famoso in tutto il mondo per il suo look ma di certo non per la sua simpatia. I suoi occhietti non sono sempre sembrati sinistri?

 

 

Il romanzo di IT è stato pubblicato nel 1986 e risente della diffusa coulrofobia (paura dei clown) americana, diffusasi dopo i brutali omicidi di John Wayne Gacy, che negli anni ’70 ha torturato, sodomizzato e ucciso 33 persone , 27 delle quali seppellite sotto la sua abitazione o nascoste in cantina. Uno dei più famosi serial killer della storia, che era solito travestirsi da Pogo il clown e intrattenere le feste dei bambini.

 

John Wayne Gacy vestito da Pogo il clown moviepilot - John Wayne Gacy vestito da Pogo il clown

 

Come se non bastassero le efferatezze commesse, Gacy, durante il soggiorno in carcere nel braccio della morte, si è messo a dipingere soggetti raffiguranti clown vestiti com’era solito fare lui, coi palloncini in mano e una maschera talmente inquietante da far morire di paura. Quegli stessi quadri oggi appartengono a gallerie e vengono venduti all’asta per migliaia di dollari. Qui sotto, il ritratto che l’assassino ha fatto nel 1993 al Pennywise kinghiano, innescando un inception di terrore assoluto.

John Wayne Gacy è stato giustiziato il 10 maggio 1994 con un’iniezione letale. Le sue ultime parole prima della morte furono “Kiss my ass” (Baciatemi il culo).

 

 rogallery

 

 

Con un background così atroce, non sembra così bizzarro che il male assoluto descritto da King abbia scelto come forma principale un clown, un personaggio nato per far ridere e intrattenere i più piccoli, con una maschera che diventa più terrificante col passare degli anni. Tesi avvalorata dalla citazione “E quasi per sbaglio Eddie scoprì una delle grandi verità della sua infanzia: i veri mostri sono gli adulti.”

 

 

Per quanto riguarda il Pennywise interpretato da Tim Curry, ciò che funziona è proprio il contrasto tra la figura adulta archetipo di gioia e di infanzia e il mostro divoratore di persone, bambini in primis. Il Pennywise del film del 2017, interpretato da Bill Skarsgård si differenzia dal personaggio di Tim Curry in maniera drastica. Non è adulto, non è simpatico e viscido come solo gli adescatori adulti possono esserlo, il suo costume sembra antico come IT, i suoi occhi sono inumani, la forma della sua testa è idrocefala, gli occhi storti, i denti da coniglio e il suo trucco è sinistro fin dalla prima apparizione, nelle fogne, col piccolo Georgie. Non sembra per niente umano, a differenza di quello precedente, che somigliava a un vero e proprio maniaco. Il nuovo Pennywise è alieno, ma nello stesso tempo più umano e in alcune scene del film sembra somigliare a Heath Ledger quando interpreta il Joker nel Batman di Nolan.

 

 

Alcuni lo ritengono sexy, altri troppo perfettino, di certo non ha il potere minaccioso dei clown degli anni ’60, quelli che entravano nelle case degli americani per traumatizzare i bambini alla morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >