TV e Cinema
di Simone Stefanini 5 Settembre 2019

Tutti i clown che hanno ispirato Pennywise di IT

Quali sono i clown della storia degli Stati Uniti che hanno ispirato la figura di Pennywise nel libro IT di Stephen King?

Bozo il clown foxnews - Bozo il clown

 

Sta per uscire IT 2, il secondo dei due film di Andrés Muschietti dedicati al bestseller di Stephen King, che è entrato nell’immaginario popolare grazie al clown Pennywise interpretato da Tim Curry nella miniserie per la tv andata in onda nel 1990.

Chi è Pennywise? Dalla Bibbia dell’horror di King si descrive così:

“Sono l’incubo peggiore che abbiate mai avuto, sono il più spaventoso dei vostri incubi diventato realtà, conosco le vostre paure, vi ammazzerò ad uno ad uno.”

IT è un’entità maligna dalle origini ignote, che esiste da prima dell’Universo stesso. Proviene dal Macroverso ma una volta giunta sulla Terra, si è stabilita in un luogo in cui milioni di anni più tardi sarebbe sorta la città (immaginaria) di Derry, in cui il libro è ambientato.

 

Pennywise il pagliaccio ballerino (detto anche Bob Gray) è solo una delle tante facce che IT ha preso nel corso della sua esistenza. La descrizione che King ne fa nel suo libro è molto precisa: un clown vestito con un largo costume di seta argentata, una cravatta blu, un colletto increspato e pon pon arancioni. Il suo volto, o per meglio dire la sua maschera, lo fanno somigliare a 3 pagliacci mostruosi molto famosi negli Stati Uniti.

Il primo è Bozo, clown televisivo celebre negli anni sessanta e settanta, con un trucco davvero terrificante. La somiglianza col primo Pennywise, quello interpretato da Tim Curry è eccezionale.  Pensate che nella sua carriera è stato mascotte della Capitol records e oltre al suo show televisivo ha anche inciso audiolibri per bambini.  Ha avuto un sacco di attori che l’hanno interpretato nel corso dei decenni, si dice più di 200, rendendo ancora più inquietante la sua figura. Bozo potrebbe essere chiunque…

 

 

Il secondo nella descrizione kinghiana è Clarabell, il clown star del Howdy Dowdy Show da metà anni ’50 in poi. Era il partner muto di Howdy Dowdy, comunicava solo con una trombetta e coi gesti. Come lo trovassero divertente, questa è la domanda da un milione di dollari.

 

 

Il terzo non poteva non ricordare Ronald McDonald, il perverso personaggio simbolo del fast food americano per eccellenza. Diretto discendente di Bozo il clown, è diventato famoso in tutto il mondo per il suo look ma di certo non per la sua simpatia. I suoi occhietti non sono sempre sembrati sinistri?

 

 

Il romanzo di IT è stato pubblicato nel 1986 e risente della diffusa coulrofobia (paura dei clown) americana, diffusasi dopo i brutali omicidi di John Wayne Gacy, che negli anni ’70 ha torturato, sodomizzato e ucciso 33 persone , 27 delle quali seppellite sotto la sua abitazione o nascoste in cantina. Uno dei più famosi serial killer della storia, che era solito travestirsi da Pogo il clown e intrattenere le feste dei bambini.

 

John Wayne Gacy vestito da Pogo il clown moviepilot - John Wayne Gacy vestito da Pogo il clown

 

Come se non bastassero le efferatezze commesse, Gacy, durante il soggiorno in carcere nel braccio della morte, si è messo a dipingere soggetti raffiguranti clown vestiti com’era solito fare lui, coi palloncini in mano e una maschera talmente inquietante da far morire di paura. Quegli stessi quadri oggi appartengono a gallerie e vengono venduti all’asta per migliaia di dollari. Qui sotto, il ritratto che l’assassino ha fatto nel 1993 al Pennywise kinghiano, innescando un inception di terrore assoluto.

John Wayne Gacy è stato giustiziato il 10 maggio 1994 con un’iniezione letale. Le sue ultime parole prima della morte furono “Kiss my ass” (Baciatemi il culo).

 

 rogallery

 

 

Con un background così atroce, non sembra così bizzarro che il male assoluto descritto da King abbia scelto come forma principale un clown, un personaggio nato per far ridere e intrattenere i più piccoli, con una maschera che diventa più terrificante col passare degli anni. Tesi avvalorata dalla citazione “E quasi per sbaglio Eddie scoprì una delle grandi verità della sua infanzia: i veri mostri sono gli adulti.”

 

 

Per quanto riguarda il Pennywise interpretato da Tim Curry, ciò che funziona è proprio il contrasto tra la figura adulta archetipo di gioia e di infanzia e il mostro divoratore di persone, bambini in primis. Il Pennywise del film del 2017, interpretato da Bill Skarsgård si differenzia dal personaggio di Tim Curry in maniera drastica. Non è adulto, non è simpatico e viscido come solo gli adescatori adulti possono esserlo, il suo costume sembra antico come IT, i suoi occhi sono inumani, la forma della sua testa è idrocefala, gli occhi storti, i denti da coniglio e il suo trucco è sinistro fin dalla prima apparizione, nelle fogne, col piccolo Georgie. Non sembra per niente umano, a differenza di quello precedente, che somigliava a un vero e proprio maniaco. Il nuovo Pennywise è alieno, ma nello stesso tempo più umano e in alcune scene del film sembra somigliare a Heath Ledger quando interpreta il Joker nel Batman di Nolan.

 

 

Alcuni lo ritengono sexy, altri troppo perfettino, di certo non ha il potere minaccioso dei clown degli anni ’60, quelli che entravano nelle case degli americani per traumatizzare i bambini alla morte.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >