Perché l’ipotesi Bohemian Rhapsody 2 spaventa più di un film horror

The Show Must Go Off

Vorremmo smettere di parlare di Bohemian Rhapsody, dopo la recensione non ortodossa del film e il pacato commento sull’Oscar a Rami Malek, ma, ahinoi, il flusso inarrestabile di notizie riguardanti il musicarello più visto di tutti i tempi non si esaurisce e ogni volta alza la posta, fino all’inaspettato, all’incredibile: la voce insistente riguardo un sequel per il film.

A parlarne è stato Rudi Dolezal, regista di molti video dei Queen, che dal nulla se ne viene fuori col fatto che, dopo l’enorme successo riscontrato dal film, la “famiglia Queen” potrebbe dare un seguito della storia, che riparta dal Live Aid, il momento magico per alcuni, Tale & Quale per altri, con cui finisce il biopic.

Un’ipotesi insensata, folle, assolutamente fuori da ogni canone civile e quindi molto possibile, vista l’esigenza di raschiare ogni barile rimasto dall’eredità di Freddie Mercury da parte di due suoi ex compagni di band: Brian May e Roger Taylor. Come già sappiamo, Bohemian Rhapsody prima e la versione karaoke dopo, sono stati un successo planetario per un film dalla discussa regia, dai molti aggiustamenti in corsa e artisticamente valido al pari di una fiction Rai, ma ormai ha fatto il botto e bisogna convivere con questa aberrazione nella storia del cinema. Ciò che possiamo fare è impedire che si riproduca.

Tutti i veri fan dei Queen dovrebbero marciare sotto i castelli (ipotizziamo) di Taylor e May, chiedendo di rispettare la memoria del loro compagno defunto, poiché è palese che Bohemian Rhapsody non fosse la prima parte di una storia in due parti, ma un film con un inizio, uno svolgimento e un finale tipico dei biopic: foto/video del personaggio reale con frase che sembra scritta sulla lapide: Freddie Mercury è morto il 24 novembre del 1991 etc. etc.

Al netto della possibile trama di un sequel sulla vita di Mercury, in questo caso si dovrebbe parlare solo del declino della star, della malattia e della sua vita intima, appena sfiorata ed edulcorata oltremodo nel film originale. Oppure inventare trame sci-fi fantasy in cui Freddie risorge, vola, salva il mondo, si unisce agli Avengers. In ogni caso, non c’è nessuna necessità di prendere parte per la seconda volta alla stessa celebrazione. Se la prima per certi versi è stata discutibile, la seconda sarebbe ridondante oltre ogni limite e di certo Freddie Mercury, così geloso della propria vita privata, non vorrebbe un musicarello strappalacrime a rappresentarlo.

Fan dei Queen, non fatevi ingannare dalle condivisioni facili di social o dalla ritrovata celebrità postuma per uno dei vostri miti: Bohemian Rhapsody 2 potrebbe essere uno sbaglio fatale. Se Rami Malek non troverà più un ruolo così potente o May e Taylor non suoneranno più musica originale che valga la pena di essere ascoltata, questi sono affari loro, che niente hanno a che vedere con la vita di Freddie Mercury.

The Show (qualche volta) Must Go Off.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >