Perché Louis C.K. oggi è il più grande comico al mondo

Ha costruito un’immagine pubblica quanto più vicina a quella privata, o almeno così ci illude e tramite l’esposizione dei suoi più reconditi vizi, ci redime dai nostri

 timedotcom

 

Louis C.K. sbanca di nuovo col suo ultimo special di stand up comedy, chiamato semplicemente Louis C.K. 2017, che potete vedere su Netflix. Niente di nuovo sotto il sole, Louis ha 49 anni e sembra leggermente più vecchio della sua età, appesantito come sempre, per la prima volta su un palco in giacca e cravatta a raccontarci storia e gloria dei suoi fallimenti di vita, delle sue due figlie, della sua passione per , della necessità o meno di fare pompini e via dicendo.

 

 

Entra in scena, si prende la standing ovation del pubblico e dice “Beh, io penso che l’aborto…”, facendo cappottare gli spettatori dal primo secondo, soltanto per il saluto iperbolico. Non parla mai direttamente di politica, anche se in realtà lo fa in ogni momento dello show. Negli ultimi due anni, intercorsi dall’ultimo Live at the Comedy Store del 2015, di cose ne sono successe negli Stati Uniti. Ad esempio la più brutta campagna elettorale di sempre, tra i due peggiori contendenti di sempre, finita con l’elezione più reazionaria della storia americana, quella di Donald Trump.

 

 

Louis è un comico satirico, eppure dalla sua bocca non sentite fare ironia su Trump o sulla Clinton nell’ultimo special. Pensate ora a un tipico comico italiano (non quelli di stand up alla Giorgio Montanini, gli altri) nella loro occasione della vita, in tempi di Berlusconi, Grillo e Renzi. Non avrebbero fatto che battute su di loro, magari vecchie e stantie alla Benigni/Brignano (che tristezza oggi dover accostare questi due nomi un tempo inaccostabili) oppure un paio di imitazioni stile Crozza, un po’ come quelle durante l’ultimo Sanremo, in cui la sezione comica è stata del tutto penosa.

 

 

La differenza principale tra un bravo stand up comedian e un bravo comico italiano sta tutta in un particolare: dei bravi comici italiani, il pubblico non sa un cazzo, non raccontano mai di loro stessi. La stand up comedy all’americana esige il sacrificio del comico, che è obbligato a mettere alla berlina i suoi più intimi vizi e difetti, in modo da poter parlare al pubblico da pari, ed eventualmente parlare anche dei difetti del pubblico, solo dopo aver esposto i propri. Vi risulta che sappiamo qualcosa della vita privata di Benigni, della sua essenza di uomo, a parte che ama la moglie e ce lo deve far pesare sempre?

 

 

Louis ha preso la sua vita, con le sue vittorie e le sue miserie e l’ha fatta diventare spettacolo che non è mai mero intrattenimento. Di solito, durante uno show di Louis si riflette e si rimane disgustati dalla nostra stessa natura, fino a uscirne migliori perché abbiamo la pia illusione di aver conosciuto una persona che riesce a redimere i nostri peccati più schifosi, solo grazie all’esposizione dei propri.

Pensate a quando ha accettato dal canale FX la cifra irrisoria di 200.000 $ comprensivi del suo compenso per produrre il pilota di Louie, la sua serie tv più popolare. Ha girato con una sola telecamera e ha montato le riprese sul suo Mac da 13 pollici, tutto per avere la libertà creativa di fare ciò che voleva senza imposizioni.

 

 

Ecco ciò che rende Louis C.K. nel 2017 il più grande comico mondiale: quella aura di verità che si porta dietro, come essere umano ancor prima che come comico. Sembra che una cosa non possa prescindere dall’altra, che vita e spettacolo siano legate a doppio filo. Si presenta come un uomo normale, senza cipria in faccia, butta lì i testi come se li stesse pensando nel momento, ha una maestria totale nell’esporre e nel fare suo il pubblico, frutto di anni e anni nei localini di cabaret.

Non si presenta per chi non è, ha costruito un’immagine pubblica quanto più simile possibile al vero se stesso, e anche se così non fosse, quella è l’illusione che da ai suoi ammiratori, che non vedono l’ora di saperne di più su come si barcamena con le figlie sempre più grandi, da padre single politicamente scorretto qual è. È il più grande perché ama il suo lavoro e lo sa fare magnificamente, senza snaturarsi mai. Sembra poco?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >