TV e Cinema
di Simone Stefanini 25 Febbraio 2016

Ho guardato la prima puntata di The Voice ed è stato un inferno d’imbarazzo

Sì, è stata un’esperienza tragica

miauusyy via

 

Sono ormai anni che mi dedico anima e corpo alla visione delle prime puntate dei grandi eventi televisivi, per sottolinearne gli aspetti ludici, divertenti e involontariamente trash che di solito li contraddistinguono, specie se prodotti da mamma Rai. Non mi sarei perso per niente al mondo la prima puntata di The Voice 4, andata in onda ieri su Rai2 con una giuria totalmente rinnovata (e con risultati più che buoni in termini di ascolti).

Fuori Noemi, J-Ax, Piero Pelù e i Facchinetti padre e figlio, dentro Emis Killa, Max Pezzali, Dolcenera e Raffaella Carrà, che torna al suo programma dopo un anno di hiatus. Quanto sarà durata la trasmissione? Un paio d’ore? Eppure stanotte ho fatto un sogno in cui perdevo un occhio e rimanevo deforme. Ci sarà pure un qualche collegamento, no?

 

133146-Welcome-To-My-Nightmare via

 

Purtroppo il programma non è trash di quello che fa ridere, ma di quello che imbarazza. Salviamo il salvabile: la Raffa tutta decorata color arcobaleno per i diritti civili vince sempre e non puoi non volerle bene a prescindere, Max Pezzali senile mi rimane simpatico quindi non ce la faccio a parlarne male, nonostante per lui i concorrenti siano tutti bravi. Il suo siparietto in cui conosce benissimo tutti i luoghi da cui vengono i concorrenti è il più godibile della serata. Oltre loro, una serie di minuti in cui nessuno sembra sapere cosa fare.

 

 

La mossa Rai di Emis Killa per contrastare  Fedez a X Factor ci può stare, nonostante la bomba a mano tatuata sul collo che ti fa venire  voglia di tirare la sicura.  Gli capita una ragazza che rappa e canta abbastanza bene, si girano tutti tranne lui perché sai, lui è l’esperto del flow e lei era andata un po’ fuori tempo. Ricordandomi la sua performance ai Bet Hip Hop Awards americani del 2013, ho tirato una calzatura allo schermo, fortunatamente senza danni irreparabili all’apparecchio.

 

Ma l’abisso viene raggiunto grazie alla performance di Dolcenera. Piccolo riassunto della sua carriera: si chiama come una canzone di De Andrè e Baccini voleva bombarla a Music Farm.

 

cut1337767334446.jpg--baccini_e_dolcenera via

 

Poi, durante un concerto ha fatto il saluto romano al pubblico e s’è presa della fascia. Alla fine c’ha pure provato con la carta delle tette nude. Ok siete tornati dalla ricerca Google? Perfetto. La ragazza mette in bella mostra il fisico asciutto, i muscoli molto diffusi e la bocca della grandezza di un vassoio per l’arrosto.

 

1149723342_bbec782360_z via

 

Ogni volta che apre la fornace, escono stalattiti d’imbarazzo. Come sapete, la particolarità del talent è che i giudici ascoltano i cantanti e li selezionano senza vederli. Figuratevi la scena: giovane cantante di colore sul palco, Dolcenera ne ascolta la voce, poi si gira e tutta contenta urla “Lo sapevo che eri neraaaaaaa”, come se avesse avvistato il Moriglione del Madagascar (l’uccello più raro al mondo). Sul serio zia, non ce n’è bisogno. Non è che se prendi il 90 e alla fermata entra un senegalese, lo devi urlare a tutti. Sta male.

 

4b21c250-620e-40e8-88db-c72ba180634e via

 

Per riprendersi, davanti a un gruppo vocale di tre sorelle un po’ in carne, Max Pezzali commenta una cosa tipo “state in linea con il pezzo” e lei, indicando col dito: “In linea AHAHAHAHAHAHA”. Zia, poi se ti aspettano fuori è tutto mestiere che entra eh.

 

4b83447e-7738-4934-8b60-e32b11ba7e76 via

 

Last but assolutamente not least, tra filippiche della durata di quarti d’ora infarcite di bla bla di cui si perde pure il filo e comportamenti sopra le righe, che in confronto Morgan era Piero Angela, cala l’asso: quando vede un concorrente carino, tenta di sedurlo adducendo come motivazione il fatto che non scopa. Altra calzatura  tirata al teleschermo, che lambisce il palo alla destra di Toldo e scalfisce il muro.

 

dolcenera-promo-the-voice-of-italy-2016 via

 

Il resto è una sfilza di cantantini giovani e meno giovani piuttosto stonati, un paio di casi umani, una donna che canta come un uomo e via di circo. Nessuno di loro entrerebbe mai in gara a X Factor, nemmeno se fosse parente del regista. D’altra parte, in 4 edizioni del programma, è mai uscito qualcuno degno di nota da The Voice? A parte Suor Cristina, che ha fatto il giro del mondo per aver cantato Like a Virgin di Madonna vestita da suora e poi essere ricondotta a più dignitosi comportamenti dalla curia.

 

Oh, stavo dimenticando, lo scherzone della prima puntata e stato l’audizione al buio di Gigi D’Alessio, del quale scopro la gavetta come tastierista di Mario Merola e questa notizia, unita al fatto dell’acchiappo della Tatangelo, me lo fa diventare più simpatico della metà dei coach. Magie di mamma Rai.  Nota conclusiva: il programma ha registrato due punti in più di share rispetto all’anno scorso. Lasciamoci così, con questa notizia distopica.

 

 

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >