TV e Cinema
di Simone Stefanini 12 Settembre 2016

35 anni fa i cartoni animati dei Puffi sbarcavano in televisione, tingendo tutto di blu

Il Grande Puffo, Puffetta, Brontolone, Gargamella e tutti gli altri hanno esordito in tv oggi, un bel po’ di tempo fa

puffi fumettologica - La grande famiglia dei Puffi

 

“Noi Puffi siam così / noi siamo tutti blu / puffiamo su per giù / due mele o poco più”

Bene, se proprio non ce l’avete fatta a non cantare come Cristina D’Avena, leggendo questo testo strampalato, allora significa che eravate lì, negli anni ’80 a testimoniare la prima uscita animata dei Puffi, che hanno esordito sulla tv americana il 12 settembre del 1981.

Un veloce recap per chi fosse stato distratto per 35 anni: vivono nel bosco, sono tutti blu, indossano strani cappelli e calzamaglie, hanno una piccola coda e il nasone, nascono dal fumetto di Peyo e Yvan Delporte, in originale li chiamano Schtroumpfs, ed è chiaro perché il nome sia stato cambiato in Italia. Incredibilmente, non sono sempre stati protagonisti. Il loro esordio a fumetti risale al lontano 1958 come personaggi minori di un altro fumetto, John & Solfami.

 

johann-et-pirlouit-smurfs neatorama - La prima apparizione dei Puffi

 

Ebbene sì, i fumetti dei Puffi non sono americani ma belgi, mentre il cartone animato è americano. Ma le curiosità non finiscono qui: stando al fumetto ufficiale dei Puffi, la loro tribù è composta da 105 omini, tutti con un talento o una personalità particolare: Brontolone, Minatore, Burlone, Contadino, Forzuto, Pigrone, Pauroso, Sciccoso, Tontolone, Quattrocchi, capitanati dal gran maestro, dal sindaco e dal capo assoluto della tribù: il Grande Puffo, che ha 542 anni e sa fare ogni tipo di pozione per aiutare la sua gente, ma non disdegna una sonora strigliata a chi si comporta male.

 

grande-puffo

 

Proprio per questa spacializzazione di ognuno dei suoi membri, il villaggio dei Puffi è stato definito il perfetto esempio di comunità marxista. Se eravate tra quelli che curiosavano pagine strane dell’internet italiano dei primi anni 2000 probabilmente vi siete imbattuti in un sito che  sosteneva che i Puffi fossero un progetto mediatico per convertire ai principi del marxismo-leninismo le giovani generazioni occidentali. Il Grande Puffo sarebbe Lenin, Quattrocchi sarebbe Trockij, mentre la parola Puffo in realtà significherebbe compagno. Che film si fa la gente a volte.

Il Soviet supremo, il compagno Grande Puffo xoomer.virgilio - Il Soviet supremo, il compagno Grande Puffo

 

Sempre in tema di curiosità, Puffetta, l’unica ragazza che si accolla quella mandria di mini matti, è stata inventata da Gargamella, mago sinistro, sosia di Pierluigi Bersani e arcinemico dei Puffi, per creare inimicizia tra la tribù. Il suo piano però fallì miseramente perché Puffetta gli venne fuori bruttina. Fu Grande Puffo in persona a farle qualche ritocchino magico per farla apparire la bionda bomba sexy che oggi ci ricordiamo.

Praticamente, la prima ad aver visitato un chirurgo plastico, seppur magico, nella storia dei cartoni.

 

puffetta

 

L’obiettivo principale di Gargamella, nella vita, è quello di catturare i Puffi per mangiarli, per risucchiare la loro felicità o eventualmente per trasformarli in oro puro. È accompagnato dal perfido gatto Birba e per lui, nel cartone, non c’è mai una gioia. Mai. Subisce sempre, a tal punto che eri portato a tifare per lui, per vedere finalmente gli ometti blu finire nella pentola d’acqua bollente.

 

gargamella

 

Sì perché i Puffi mica erano tutti simpatici. I tormentoni dei Puffi versione animata erano fondamentalmente due: “Io odio…” qualsiasi cosa, detto almeno una volta a puntata da Puffo Brontolone e “…che è meglio!”, la formula con cui finisce ogni frase Puffo Quattrocchi, il saccente della gang, quello che anche noi da casa avremmo voluto bullizzare durissimo.

quattrocchi  Che rabbia.

 

Sempre per rimanere in tema di curiosità che proprio non ti aspetti, i Puffi hanno dato il via al genere zombie nel 1963, sei anni prima che George Romero girasse La notte dei morti viventi. È una storia a fumetti chiamata Il Puffo nero, che negli stati uniti fu cambiata in Il Puffo viola per ovvi motivi di politically correct. Un insetto punge i Puffi che diventano zombie arrabbiati e assetati di sangue, con una brama di mordere gli altri Puffi per propagare la piaga. E voi che pensavate che i Puffi fossero solo per bambini…

 

smurfpurple therobotsvoice - Paura eh?

 

Ma la vera mania per i Puffi non nasceva dalle sigle di Cristina D’avena, dal fumetto, dal cartone animato e nemmeno dalla storyline zombie. Nasceva dalla collezione delle action figure dei Puffi di gomma, che trovavi ovunque e che diventarono l’oggetto del desiderio di un’intera generazione che certo non le chiamava ancora action figure, ma al limite pupazzetti. Se tua mamma doveva comprare i libri di scuola, in cartoleria giù che c’eri prendevi anche qualche Puffo. Alcuni li trovavi dentro le merendine o addirittura come premi per il pieno di benzina. Vivevano nella casa fungo e di solito, costruivano la propria città sopra il frigorifero o in traballanti scaffali. Bastava poco per farli cadere e per perderli nei pertugi della casa. Manco a dirsi, i più li hanno gettati via molto tempo fa e oggi si trovano su Ebay a peso d’oro.

Come al solito, retromania, portami via.

 

pupazzi-vintage-puffi toysblog

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >