TV e Cinema
di Simone Stefanini 11 Febbraio 2015

Quando Tom & Jerry si suicidarono nel cartone animato più depressivo della storia

Non capita tutti i giorni di vedere i protagonisti di un cartone animato che si suicidano sul serio.

Con il termine Creepypasta si intende un racconto horror, di solito virale sui social. Una leggenda metropolitana che prende così tanto piede da sembrare credibile, oppure storie inventate ex novo. Il neologismo viene da copy and paste, cioè copia e incolla, che diventa copypasta e quindi, parlando di cose terrificanti, creepypasta.  Videogiochi maledetti, cartoni animati proibiti, cose di questo tipo.

Blue_Cat_Blues_title

Proprio di quest’ultimo vogliamo parlarvi. Il 6 novembre 1956, la Metro Goldwyn Mayer distribuì un cartone animato davvero singolare, in cui i protagonisti Tom & Jerry, alla fine si suicidavano. Il titolo era “Blues per un gatto triste”.

Nell’episodio, diventato poi di culto per il suo potere negativo, Tom è un gatto distrutto per un’amore non corrisposto, con una gatta che lo ha ammaliato ma poi gli ha preferito un rivale ben più facoltoso.

Schermata 2015-02-11 alle 15.23.55

Il povero Tom le prova tutte, firma cambiali gigantesche e impegna persino un braccio e una gamba per farla felice, ma i suoi regali sono sempre più piccoli di quelli di Butch, il gatto ricco. Allora si rifugia nel bere e quando è del tutto senza speranza, vede passare la macchina con Butch e la gatta che si sono appena sposati.

Schermata 2015-02-11 alle 15.25.20

Allora si siede sui binari del treno e aspetta. Intanto il nemico-amico di una vita, il topo Jerry, sta guardando tutto dall’alto ed il suo pensiero diventa voce narrante:

Schermata 2015-02-11 alle 15.14.30

“Povero Tom, tra qualche minuto sarà tutto finito e dalla prima volta da quando l’ha incontrata, sarà felice.”

Ma l’epitaffio del topo giunge troppo presto, perché proprio mentre dice “non tutti hanno la fortuna di avere un amore che vuole solo me”, vede passare la fidanzata in macchina con un altro topo, col quale si è appena sposata. A Jerry non resta altro che raggiungere Tom, sedersi sui binari ed attendere il treno che, sempre più vicino, sta giungendo per investirli.

Schermata 2015-02-11 alle 15.26.18

Arriva il fischio del treno, chiusura in nero, THE END.
Uno dei cartoni animati più depressivi e menagrami di sempre. Non abbiamo trovato la versione italiana, ma fortunatamente su YouTube c’è quella originale con lo speaker Paul Frees che interpreta i pensieri di Jerry il topo. Piuttosto raro all’epoca, per anni è stato descritto come l’episodio scomparso di Tom & Jerry e declamato oralmente come, appunto, creepypasta, finché qualcuno non l’ha messo online, a dimostrazione del fatto che non è una leggenda urbana.

Enjoy il finale, si fa per dire:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >