TV e Cinema
di Simone Stefanini 11 Febbraio 2015

Quando Tom & Jerry si suicidarono nel cartone animato più depressivo della storia

Non capita tutti i giorni di vedere i protagonisti di un cartone animato che si suicidano sul serio.

Con il termine Creepypasta si intende un racconto horror, di solito virale sui social. Una leggenda metropolitana che prende così tanto piede da sembrare credibile, oppure storie inventate ex novo. Il neologismo viene da copy and paste, cioè copia e incolla, che diventa copypasta e quindi, parlando di cose terrificanti, creepypasta.  Videogiochi maledetti, cartoni animati proibiti, cose di questo tipo.

Blue_Cat_Blues_title

Proprio di quest’ultimo vogliamo parlarvi. Il 6 novembre 1956, la Metro Goldwyn Mayer distribuì un cartone animato davvero singolare, in cui i protagonisti Tom & Jerry, alla fine si suicidavano. Il titolo era “Blues per un gatto triste”.

Nell’episodio, diventato poi di culto per il suo potere negativo, Tom è un gatto distrutto per un’amore non corrisposto, con una gatta che lo ha ammaliato ma poi gli ha preferito un rivale ben più facoltoso.

Schermata 2015-02-11 alle 15.23.55

Il povero Tom le prova tutte, firma cambiali gigantesche e impegna persino un braccio e una gamba per farla felice, ma i suoi regali sono sempre più piccoli di quelli di Butch, il gatto ricco. Allora si rifugia nel bere e quando è del tutto senza speranza, vede passare la macchina con Butch e la gatta che si sono appena sposati.

Schermata 2015-02-11 alle 15.25.20

Allora si siede sui binari del treno e aspetta. Intanto il nemico-amico di una vita, il topo Jerry, sta guardando tutto dall’alto ed il suo pensiero diventa voce narrante:

Schermata 2015-02-11 alle 15.14.30

“Povero Tom, tra qualche minuto sarà tutto finito e dalla prima volta da quando l’ha incontrata, sarà felice.”

Ma l’epitaffio del topo giunge troppo presto, perché proprio mentre dice “non tutti hanno la fortuna di avere un amore che vuole solo me”, vede passare la fidanzata in macchina con un altro topo, col quale si è appena sposata. A Jerry non resta altro che raggiungere Tom, sedersi sui binari ed attendere il treno che, sempre più vicino, sta giungendo per investirli.

Schermata 2015-02-11 alle 15.26.18

Arriva il fischio del treno, chiusura in nero, THE END.
Uno dei cartoni animati più depressivi e menagrami di sempre. Non abbiamo trovato la versione italiana, ma fortunatamente su YouTube c’è quella originale con lo speaker Paul Frees che interpreta i pensieri di Jerry il topo. Piuttosto raro all’epoca, per anni è stato descritto come l’episodio scomparso di Tom & Jerry e declamato oralmente come, appunto, creepypasta, finché qualcuno non l’ha messo online, a dimostrazione del fatto che non è una leggenda urbana.

Enjoy il finale, si fa per dire:

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >