TV e Cinema
di Sandro Giorello 27 Settembre 2016

È andato in onda il remake di MacGyver: è una cagata pazzesca

Tutti i fan della serie televisiva degli anni 80 rimarranno delusi. Brutto, bruttissimo

macgyver-reboot freneek.it - Macgyver, 1985

 

L’anno scorso si è diffusa una notizia bellissima: la CBS era al lavoro sul reboot di MacGyver, il telefilm cult degli anni ’80. È stato coinvolto il creatore originale della serie, Lee David Zlotoff, ed è stato affiancato da Peter M. Lenkov, noto ai più per aver scritto il film Demolition Man e per aver lavorato a serie tv del calibro di Hawaii Five-0, 24 o CSI: NY.

Per chi non sapesse minimamente di cosa stiamo parlando, MacGyver è una serie televisiva andata in onda negli Stati Uniti dal 1985 al 1992. Il protagonista è MacGyver (interpretato da  Richard Dean Anderson) un agente segreto che aiuta il governo americano a risolvere i casi più difficili, tipo far cadere le dittature, bloccare armi batteriologiche o recuperare tesori nascosti. MacGyver ha una peculiarità: è bravissimo in chimica, gli dai della stagnola e dell’acido muriatico e lui ti costruisce una bomba.

La prima puntata del reboot è andata in onda venerdì 23 settembre. Nei panni dell’agente segreto non troviamo più Anderson ma Lucas Till (già in X-Men) e, insieme a lui, altri volti piuttosto noti come George Eads (CSI), Tristin Mays (The Vampire Diaries), Sandrine Holt (House of Cards, Mr. Robot); in questo primo episodio c’è pure Vinnie Jones (ovvero il cattivone di Lock & Stock, Snatch, ecc).

tristin_mays_primary CBS - Tristin Mays, ovvero quella che ne sa di computer

 

Cosa c’è di nuovo? Oltre al cambio dell’attore protagonista, c’è che MacGyver non risolve più le missioni da solo ma ha un suo team: c’è la testa calda che non sa controllare la rabbia (George Eads), la gnocca esperta di computer (Tristin Mays) e il capo che gli affida le missioni (Sandrine Holt). Poi, ogni volta che MacGyver crea una delle sue fantastiche invenzioni, compaiono sullo schermo i nomi degli oggetti creati (così se vuoi riprovarci a casa sai come fare).

mac2016-promo-shot www.hidefninja.com - MacGyver, 2016

 

In più ora MacGyver ha tutta una serie di super gadget tecnologici, che, in realtà, cozzano con l’idea stessa della serie. Perché se la qualità principale di MacGyver sta nell’essere così creativamente ingegnoso da saper costruire una pistola servendosi di un elastico e di una graffetta, ora il gioco viene meno se ha anche a disposizione occhiali che guardano attraverso i muri o laser portatili, ecc.

a_mind_for_adventure_by_phantombladev18  MacGyver, 1985

 

Cosa è rimasto uguale agli anni 80? Il suo coltellino svizzero con cui fa di tutto, da costruire paracaduti fino a distruggere gli aerei. C’è sempre quella fastidiosa voce fuoricampo con cui MacGyver commenta cosa gli sta accadendo. Gli effetti speciali sono gli stessi di venticinque anni fa, così pure la luce piatta e smarmellata che manco in Beautiful. La trama come sempre è facilissima (c’è un dittatore con una bomba chimica e MacGyver deve recuperarla) e la capacità di attenzione richiesta è sotto il minimo sindacale: potete guardarla tranquillamente facendo le pulizie o lavando i piatti e non vi perderete nemmeno un passaggio della storia.

Giudizio finale? Una grandissima puttanata. Non è smaccatamente trash ma nemmeno così curata da aspirare a diventare una serie tv di livello, in poche parole: un progetto inutile. Probabilmente sarà uno dei pochi casi di recupero dei grandi classici degli anni ’80 che non diventerà un successo commerciale. Non è detto nemmeno che vada oltre la terza puntata.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >