TV e Cinema
di Sandro Giorello 6 Dicembre 2016

Rocco Schiavone: Marco Giallini è super, la serie così così

Questa sera va in onda l’ultima puntata della serie ispirata ai romanzi polizieschi di Antonio Manzini. Tiriamo le somme

marco-giallini-rocco-schiavone ufficiostampa.rai.it/ - Marco Giallini

 

Questa sera va in onda l’ultima puntata della prima stagione di Rocco Schiavone, ispirata all’omonimo personaggio dei romanzi polizieschi di Antonio Manzini (per chi non l’ha vista, si può recuperare interamente su Raiplay). Interpretato dal bravissimo Marco Giallini, Rocco Schiavone è stato portato in tv con la regia di Michele Soavi, che quelli della mia generazione ringraziano ancora perché ci donato, da adolescenti, Dellamorte Dellamore con una giovane e prosperosa Anna Falchi.

Rocco Schiavone è un vice-questore di Roma che viene trasferito ad Aosta dopo aver picchiato uno stupratore di ragazzine, figlio di un pezzo grosso che si è vendicato e l’ha spedito in provincia. È uno che non si fa scrupoli a trasgredire la legge, sia per il bene della comunità che per i suoi tornaconti personali. Aggressivo e costantemente nervoso, nel suo lavoro ha definito una scala di rotture di coglioni che va da uno a 10, e pare che lui si trovi sempre all’ultimo livello. Fuma canne lunghe una spanna, non riesce ad avere una relazione sana con l’altro sesso e, giusto per non farsi mancare niente, ha un passato tutt’altro che semplice e riconciliato.

 

 

Tutti questi dettagli ci vengono ripetuti regolarmente, ogni puntata, fino alla noia, per ribadire quanto Schiavone sia burbero e problematico. Il talento di Marco Giallini sta nel riuscire a smarcarsi da un personaggio fin troppo definito e telefonato evitando che diventi in tutto e per tutto una macchietta. È molto bravo nel farlo: gli dona piccole espressioni particolari e calibra bene l’aggressività e le volgarità. Riesce a raccontarti una persona dura e rigida, che sta costantemente a chiusa a riccio, ma lasciando trapelare debolezza e intimità.

 

rocco-schiavone-raidue gossipetv.com - Rocco Schiavone

 

A fianco di Schiavone ci sono, poi, dei personaggi spalla disegnati molto bene. A partire dal cinico medico dell’obitorio fino agli amici romani – dei coatti che più coatti non si può – che spesso lo vengono a trovare ad Aosta, sono figure che sfiorano la caricatura, ma si incastrano bene con il ruolo di Schiavone, sottolineando ulteriormente i lati più nascosti del suo personaggio.

 

dsc_0883-1000x579 panorama.it - Marco Giallini e Isabella Ragonese

 

Rocco Schiavone è una serie la cui qualità è ben sopra la media italiana, gli attori sono bravi, in primis Francesco Acquaroli e Isabella Ragonese. In più Michele D’Attanasio – già direttore della fotografia di Lo chiamavano Jeeg Robot, Gomorra La Serie e molti altri – ci regala dei paesaggi innevati davvero suggestivi e belli.

 

rocco-schiavone-770x513 giornalettismo.com/ - Rocco Schiavone

 

A prescindere dai siparietti comici in commissariato tra Giallini e il suo sottoposto Christian Ginepro che proprio non fanno ridere, alcuni rimandi abbastanza goffi alla cronaca italiana (lo stalliere mafioso della sesta puntata vi ricorda qualcuno?) o cose ancora più surreali, come la possibilità che un terrorista riesca ad evitare l’ergastolo e decida di trasferirsi ad Aosta per aprire un’azienda vinicola, la serie ha due grandi pecche. Innanzitutto è lenta, e non sto parlando di quel tipo di lentezza che ti aiuta a creare sfumature o colorare meglio i personaggi, ma della sensazione che si debba far passare il tempo altrimenti la puntata finirebbe troppo in fretta perché le cose da raccontare sono davvero poche e faticano a giustificare una durata di 90 minuti.

 

lcs_7853-1000x600 panorama.it - Le canne di Rocco Schiavone

 

La sceneggiatura, poi, cade spesso in scelte scontate e prevedibili: gli omicidi vengono risolti in maniera fin troppo causale e le coincidenze che portano Schiavone a scoprire gli assassini rasentano l’assurdo. Non è certo una novità per questo tipo di prodotti televisivi – in Italia, come all’estero – ma, sommato a un protagonista già carico di cliché, la sensazione di sapere fin troppo bene come l’episodio andrà a finire già dai primi minuti diventa ingombrante.

Nonostante le tante buone qualità della serie, difficilmente Rocco Schiavone ci prenderà mai in contropiede o lascerà presagire sviluppi più stimolanti di quelli che abbiamo già visto finora. Di fronte a queste incertezze, difficile dire se sarà il caso di seguire anche la seconda stagione.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >