Siamo fatti così compie 30 anni: ecco perché è ancora il miglior cartone animato educativo

Siamo fatti così – Esplorando il corpo umano in fondo era l’equivalente di Alberto Angela per i bambini degli anni ’80

Torna su Cartoonito (numero 46 del digitale terrestre), uno dei cartoni animati più bizzarri e insieme più innovativi della storia della tv, il francese Siamo fatti così – Esplorando il corpo umano.

A 30 anni dalla sua prima messa in onda, dal 9 gennaio potremo assistere, tutte le sere alle 21.10, alla serie di divulgazione scientifica creata da Albert Barillé, il cui titolo originale era Il était une fois,… la Vie (C’era una volta… la Vita) e che nell’edizione italiana andata in onda due anni dopo, nel 1989, ha avuto due titoli per confondere le idee ai giovani appassionati di scienza.

Siamo fatti così era il titolo della versione andata in onda su Italia 1, con tanto di sigla cantata dall’onnipresente Cristina D’Avena, mentre Esplorando il corpo umano era quello della versione da edicola della DeAgostini, quella con VHS del cartone, fascicoli allegati e il modellino del corpo umano che bramavamo di finire anche solo per il potenziale splatter.

La pubblicità dell’edizione da edicola De Agostini shop.deagostini - La pubblicità dell’edizione da edicola De Agostini

 

Se fate uno sforzo di memoria, ricorderete certo che negli anni in cui la tv ci ha fatto da baby sitter, in mezzo a un’infinità di robottoni giapponesi e di cartoni animati tristi e deprimenti, soffocati da colonne sonore talmente grevi da far sembrare la pesca di Sampei il nuovo Olocausto, spuntava un’anomalia che non aveva niente a che vedere con quello strano insieme di personaggi e di storie borderline.

Un cartone animato la cui grafica ricordava un po’ quella dei filmati educativi che ci facevano vedere i supplenti a scuola per sfangare la giornata, ma travestito da storia creata per far appassionare i più piccoli alle funzioni del corpo umano. 26 puntate di scienza, biologia e anatomia mascherate da guerre o storie d’amore e d’amicizia che però avvengono tutte nel sangue, nel midollo osseo, nel sistema linfatico, nel fegato e così via, sdoganando per sempre l’espressione “essere bello dentro”.

 

 

Per noi bambini curiosi più dei gatti, questa serie era una rivelazione, un’epifania e finalmente ci impediva di smembrare i Big Jim o le Barbie alla ricerca degli organi interni, con il solito risultato di rimanere delusi da quei gusci vuoti. Senz’altro tanti bambini di allora sono poi diventati medici grazie questo cartone animato, che ci spiegava complicatissimi concetti anatomici con una facilità degna del miglior Alberto Angela.

L’idea di base è molto semplice: tutti i protagonisti umani hanno un corrispettivo microscopico che abita dentro il corpo umano e grazie a quell’espediente, per mezzo di astronavine miniaturizzate vanno in giro all’interno del corpo. Di sicuro più interessante di un’ingessata lezione di scienze che nessuno alle medie avrebbe seguito con lo stesso trasporto.

Ok, diciamolo, la partenza di alcuni episodi fa stare male, perché i protagonisti sono spesso dei bambini malati, che chiedono lumi in famiglia sull’entità della loro tragedia e costringono genitori e nonni a spiegare loro il tipo di guerra che si combatte all’interno del loro corpo marcio.

C’è un bambino più sfigato di altri che si chiama Pierrot, e sono già fiumi di lacrime. Lui ha dentro di sé un equivalente linfocita, il capitano Pierrot che insieme alla fidanzata Pti si fa dei gran giri dentro le mucose, le vene e e lo scheletro per portare a compimento la missione.

 

Biologia e sci-fi in un’unica soluzione  Biologia e sci-fi in un’unica soluzione

 

Gli altri personaggi non si chiamano Naoto, Hiroshi o Kenshiro, come eravamo abituati al tempo, non fanno bella mostra di muscoli o di alabarde spaziali. Tra i tanti, spicca un gruppo di globuli rossi da cui spuntano Emo e Globina, insieme all’anziano Globus che come Virgilio per Dante, fa lo spiegone dei principale aspetti della biologia umana.

In questo caso, nemmeno i nemici sono mostri che vengono da Vega o che padroneggiano la Sacra Scuola di Nanto, ma malattie, anomalie cellulari, lesioni gravi, virus, infezioni virali. I loro nomi, per una sorta di strano gemellaggio italo francese sono Nabot e Tignoso. Questi pezzi di guano se la devono vedere con Metro, il capo degli anticorpi oppure con il Colonnello Pierre, che addestra i giovani globuli bianchi alla difesa.

 

I cattivi fumano perché sanno che fa male  I cattivi fumano perché sanno che fa male

 

Il coefficiente di figaggine è tutt’ora altissimo e la sua visione è assolutamente consigliata ai genitori che vogliano passare una mezz’ora coi figli senza guardare quelle porcate in dozzinale computer grafica di cui i canali tematici per bambini in tv sono pieni.

Con una semplice seduta di divano si possono imparare un sacco di cose anche da grandi e Siamo fatti così, ad oggi, è un’esperienza unica che non ha eguali nella divulgazione scientifica sotto forma di fiction.

Ah, c’è anche una puntata che spiega in maniera chiara i vaccini, meglio dei centinaia di link bufala che trovate giornalmente sui social.

 

https://www.youtube.com/watch?v=May3wK-gT6s

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >