Jeeg Robot e gli altri 10 robottoni che ci hanno ossessionato negli anni ’80

La storia e la sigla dei cartoni animati di robottoni che ci hanno cresciuto

TV
di Simone Stefanini facebook 31 marzo 2016 14:47
Jeeg Robot e gli altri 10 robottoni che ci hanno ossessionato negli anni ’80

fghjewbn via

 

Il meritato successo del film Lo chiamavano Jeeg Robot non ha rilanciato soltanto il cinema di genere in Italia, ma anche il ricordo dei robottoni giapponesi, impressi a fuoco nella nostra mente. Quegli enormi agglomerati di latta antropomorfi, di solito pilotati da un giovane con occhi grandi, basette 70’s e tutine scampanate,  combattono con i cazzottoni o con l’energia atomica tutti i mostri che sovente attaccavano il nostro pianeta 40 anni fa.

Diciamoci la verità: la visione di quei cartoni ci ha allevato più dei nostri stessi genitori, ci ha convinto di essere imbattibili, indistruttibili e di avere una missione. Oggi, di primo acchito, la cosa che ci ricordiamo più spesso è la sigla. Anche più delle fattezze del robot, forse perché la sentivamo 20 volte al giorno, forse perché le sigle dei cartoni animati giapponesi dei 70/80 erano scritte e suonate dai migliori compositori e musicisti sulla piazza.

Sotto vi mostriamo i 10 che ci piacevano di più, con la loro sigla italiana, così anche voi potrete diventare giustizieri con la maschera di lana e i superpoteri, nel vostro paese. Stiamo scherzando, don’t try this at home, lo facciamo per la nostalgia.

 

1) Jeeg Robot d’acciaio

etH4R_ via

 

Come gran parte dei robottoni, Jeeg è stato inventato dal grande Go Nagai. Il cartone è arrivato in Italia nel 1979. La trama in due parole: Hiroshi ha 25 anni ed è pilota di Formula 1, ma a tempo perso, facendo una capriola in aria, si trasforma nella testa di Jeeg e Miwa poi gli lancia i componenti. Combatte contro l’impero Yamatai della Regina Himica, che crea mostri a non finire. La sigla, cantata da Roberto Fogu, è semplicemente straordinaria.

 

 

2) Grande Mazinga (e Mazinga Z)

tumblr_n3hgtw0sXb1rjxyrgo4_400 via

 

Di Go Nagai anche questo. Un robot pilotato da Tetsuya, che uccide i mostri del Generale Nero con i raggi gamma. Spesso si fa aiutare da Venus, un robot femmina che spara le tette/missile. I nemici di Mazinga Z sono ancora più fighi, c’è il Dottor Inferno e il mitico Barone Ashura, metà uomo metà donna.

 

 

3) UFO Robot Goldrake

tumblr_mjgap9P0U91s082wko1_400 via

 

Disegnato da Go Nagai (e chi sennò?) è il primo robottone ad arrivare nelle tv italiane. È guidato da Actarus e combatte i mostri di Vega. I pezzi della sigla sono diventati talmente famosi da conquistare il disco d’oro in Italia. Uno dei pezzi è stato coverizzato con successo nel 2004 da Alessio Caraturo, in versione unplugged.

 

 

4) Getter Robot

tumblr_mg9xmwXsTo1qa5504o1_500 via

 

Go Nagai, ancora. In Italia sono arrivati col nome di Space Robot. Sono astronavi che si combinano per formare tre robot diversi, che somigliano ai loro piloti: uno normale, uno smilzo e un ciccione. Tutti molto pericolosi. Il mio preferito era quello con la trivella al posto della mano.

 

 

5) Gundam

transform gundam (1) via

 

Il Gundam è molto più complesso dei robot di Go Nagai, più realistico. È stato disegnato da Yoshiyuki Tomino dello Studio Sunrise ed è arrivato in Italia nel 1979. Poi ne hanno fatte altre centinaia di serie. Il nostro è pilotato da Peter Rei. La sigla è cantata da Mario Balducci e fa letteralmente piangere.

 

 

6) Daitarn 3

daitarn26 via

 

Uno dei più fighi. Disegnato anche lui da Yoshiyuki Tomino, è arrivato in Italia nel 1980. Pilotato da Haran Banjo e coadiuvato dalle belle Beauty e Reika, Daitarn uccide i Meganoidi (cattivi che si trasformano in mostri) di Don Zauker con l’energia solare. La sigla iniziale cantata da I Micronauti è uno dei punti più alti della composizione per robottoni.

 

 

7) Voltron

zz0c40ce26-550x439 via

 

Incredibilmente questa serie non è giapponese ma americana, ispirata però dalla nipponica Golion. 5 leoni che diventano un robot fighissimo, esistente anche in versione giocattolo, che avrei voluto possedere a tutti i costi. In ogni caso la versione del cartone animato più bella è proprio quella giapponese, disegnata da Saburo Yatsude.

 

 

 

8) Vultus 5

vultusv20 via

 

Disegnato da Saburo Yatsude e apparso in Italia nel 1983, questo robot è composto da 5 astronavi che combattono l’Imperatore Zambazie e il Principe Sirius, i cattivi che stanno sul pianeta Boazan, in cui vivono gli umani con le corna e chi non ce l’ha diventa schiavo. Ma Vultus V riesce a portare la parità tra le classi.

 

 

9) Trider G7

triderg7 via

 

Disegnato da Hajime Yatate, è apparso in Italia nel 1981. È la storia del ragazzino Watta Takeo che si occupa di consegne spaziali con robot Trider G7, ma spesso si trova a dover combattere con robot che vogliono impadronirsi della Terra. In questo, c’è anche una linea comica e scolastica. La sigla è cantata dai mitici Superobots.

 

 

10) Daltanious

Daltanious_robot via

 

Daltanious, quanto mi piaceva. Di Yoshiyuki Tomino (che oltre ai sopra elencati ha inventato anche Il Tulipano nero, Astro Boy e Mimì e la nazionale di pallavolo). La terra è attaccata dagli alieni Akron e serve un leone per batterli. Ci pensa il robottone, composto da 5 robot componibili, che sotto il simbolo della croce, in stile Moschettieri, diventano un unico robot col leone sul petto. Ho cercato per anni il modellino senza trovarlo.

 

 

BONUS – Gordian

hqdefault-2 via

 

Gordian è il bonus perché è addirittura tre robot, uno dentro l’altro. Il mio sogno di giocattolo da bambino. Li pilota, anzi li indossa tutti Daigo e combatte contro i Madocter e Dokuma. La sigla, cantata ancora una volta dai Superobots, è semplicemente bellissima.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)