Jeeg Robot e gli altri 10 robottoni che ci hanno ossessionato negli anni ’80

La storia e la sigla dei cartoni animati di robottoni che ci hanno cresciuto

fghjewbn via

 

Il meritato successo del film Lo chiamavano Jeeg Robot non ha rilanciato soltanto il cinema di genere in Italia, ma anche il ricordo dei robottoni giapponesi, impressi a fuoco nella nostra mente. Quegli enormi agglomerati di latta antropomorfi, di solito pilotati da un giovane con occhi grandi, basette 70’s e tutine scampanate,  combattono con i cazzottoni o con l’energia atomica tutti i mostri che sovente attaccavano il nostro pianeta 40 anni fa.

Diciamoci la verità: la visione di quei cartoni ci ha allevato più dei nostri stessi genitori, ci ha convinto di essere imbattibili, indistruttibili e di avere una missione. Oggi, di primo acchito, la cosa che ci ricordiamo più spesso è la sigla. Anche più delle fattezze del robot, forse perché la sentivamo 20 volte al giorno, forse perché le sigle dei cartoni animati giapponesi dei 70/80 erano scritte e suonate dai migliori compositori e musicisti sulla piazza.

Sotto vi mostriamo i 10 che ci piacevano di più, con la loro sigla italiana, così anche voi potrete diventare giustizieri con la maschera di lana e i superpoteri, nel vostro paese. Stiamo scherzando, don’t try this at home, lo facciamo per la nostalgia.

 

1) Jeeg Robot d’acciaio

etH4R_ via

 

Come gran parte dei robottoni, Jeeg è stato inventato dal grande Go Nagai. Il cartone è arrivato in Italia nel 1979. La trama in due parole: Hiroshi ha 25 anni ed è pilota di Formula 1, ma a tempo perso, facendo una capriola in aria, si trasforma nella testa di Jeeg e Miwa poi gli lancia i componenti. Combatte contro l’impero Yamatai della Regina Himica, che crea mostri a non finire. La sigla, cantata da Roberto Fogu, è semplicemente straordinaria.

 

 

2) Grande Mazinga (e Mazinga Z)

tumblr_n3hgtw0sXb1rjxyrgo4_400 via

 

Di Go Nagai anche questo. Un robot pilotato da Tetsuya, che uccide i mostri del Generale Nero con i raggi gamma. Spesso si fa aiutare da Venus, un robot femmina che spara le tette/missile. I nemici di Mazinga Z sono ancora più fighi, c’è il Dottor Inferno e il mitico Barone Ashura, metà uomo metà donna.

 

 

3) UFO Robot Goldrake

tumblr_mjgap9P0U91s082wko1_400 via

 

Disegnato da Go Nagai (e chi sennò?) è il primo robottone ad arrivare nelle tv italiane. È guidato da Actarus e combatte i mostri di Vega. I pezzi della sigla sono diventati talmente famosi da conquistare il disco d’oro in Italia. Uno dei pezzi è stato coverizzato con successo nel 2004 da Alessio Caraturo, in versione unplugged.

 

 

4) Getter Robot

tumblr_mg9xmwXsTo1qa5504o1_500 via

 

Go Nagai, ancora. In Italia sono arrivati col nome di Space Robot. Sono astronavi che si combinano per formare tre robot diversi, che somigliano ai loro piloti: uno normale, uno smilzo e un ciccione. Tutti molto pericolosi. Il mio preferito era quello con la trivella al posto della mano.

 

 

5) Gundam

transform gundam (1) via

 

Il Gundam è molto più complesso dei robot di Go Nagai, più realistico. È stato disegnato da Yoshiyuki Tomino dello Studio Sunrise ed è arrivato in Italia nel 1979. Poi ne hanno fatte altre centinaia di serie. Il nostro è pilotato da Peter Rei. La sigla è cantata da Mario Balducci e fa letteralmente piangere.

 

 

6) Daitarn 3

daitarn26 via

 

Uno dei più fighi. Disegnato anche lui da Yoshiyuki Tomino, è arrivato in Italia nel 1980. Pilotato da Haran Banjo e coadiuvato dalle belle Beauty e Reika, Daitarn uccide i Meganoidi (cattivi che si trasformano in mostri) di Don Zauker con l’energia solare. La sigla iniziale cantata da I Micronauti è uno dei punti più alti della composizione per robottoni.

 

 

7) Voltron

zz0c40ce26-550x439 via

 

Incredibilmente questa serie non è giapponese ma americana, ispirata però dalla nipponica Golion. 5 leoni che diventano un robot fighissimo, esistente anche in versione giocattolo, che avrei voluto possedere a tutti i costi. In ogni caso la versione del cartone animato più bella è proprio quella giapponese, disegnata da Saburo Yatsude.

 

 

 

8) Vultus 5

vultusv20 via

 

Disegnato da Saburo Yatsude e apparso in Italia nel 1983, questo robot è composto da 5 astronavi che combattono l’Imperatore Zambazie e il Principe Sirius, i cattivi che stanno sul pianeta Boazan, in cui vivono gli umani con le corna e chi non ce l’ha diventa schiavo. Ma Vultus V riesce a portare la parità tra le classi.

 

 

9) Trider G7

triderg7 via

 

Disegnato da Hajime Yatate, è apparso in Italia nel 1981. È la storia del ragazzino Watta Takeo che si occupa di consegne spaziali con robot Trider G7, ma spesso si trova a dover combattere con robot che vogliono impadronirsi della Terra. In questo, c’è anche una linea comica e scolastica. La sigla è cantata dai mitici Superobots.

 

 

10) Daltanious

Daltanious_robot via

 

Daltanious, quanto mi piaceva. Di Yoshiyuki Tomino (che oltre ai sopra elencati ha inventato anche Il Tulipano nero, Astro Boy e Mimì e la nazionale di pallavolo). La terra è attaccata dagli alieni Akron e serve un leone per batterli. Ci pensa il robottone, composto da 5 robot componibili, che sotto il simbolo della croce, in stile Moschettieri, diventano un unico robot col leone sul petto. Ho cercato per anni il modellino senza trovarlo.

 

 

BONUS – Gordian

hqdefault-2 via

 

Gordian è il bonus perché è addirittura tre robot, uno dentro l’altro. Il mio sogno di giocattolo da bambino. Li pilota, anzi li indossa tutti Daigo e combatte contro i Madocter e Dokuma. La sigla, cantata ancora una volta dai Superobots, è semplicemente bellissima.

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >