TV e Cinema
di Lorenzo Mannella 23 Dicembre 2015

“E poi alla fine muore”: perché lo spoiler è diventato un reato così grave

Tutta la psicologia che c’è dietro all’abitudine di rovinare i film

Spoiler Star Wars metro Londra Twitter - L’avviso apparso nella metro di Londra il 18 dicembre

 

Il primo sequel di Star Wars ha sbancato i botteghini e aperto un tema di discussione molto sentito: gli spoiler. Durante Il risveglio della Forza succedono parecchie cose, compresi un paio di colpi di scena paragonabili a quelli della prima trilogia. Morale della favola, rovinare il film a chi non l’ha ancora visto è maledettamente facile. Deve essere per questo che nella metro di Londra è apparso un avviso che ammonisce i viaggiatori senza biglietto: “se vi becchiamo a viaggiare senza un biglietto valido, vi raccontiamo il finale di Star Wars (e vi multiamo)”.

Possibile che l’uscita di un film così atteso come Star Wars abbia portato gli spoiler a un livello di minaccia superiore? In Francia un account Twitter ha spoilerato il finale del film, tirandosi addosso una valanga di critiche, forse eccessive, visto che al mondo ci sono cose più importanti di un film di fantascienza. Ok, abbassate quel blaster e parliamone da persone civili. Nel 2011 è uscito uno studio della University of California di San Diego che sosteneva una tesi interessante: gli spoiler aiutano le persone a godersi di più le storie.

 

Darth Vader paparino  Saluta paparino, Luke

 

I ricercatori hanno sottoposto 12 storie di autori famosi a tre gruppi di lettura di una trentina di persone: uno non ha ricevuto spoiler, un altro li ha ricevuti prima della lettura e l’ultimo ancora se li è ritrovati senza preavviso in mezzo alla storia. Gli spoiler a sorpresa non sono stati graditi molto – è come se uno entrasse nel cinema a metà film e vi raccontasse il finale – mentre gli spoiler annunciati prima della lettura hanno riscosso un successo inaspettato. Secondo le conclusioni dello studio, sapere come va a finire una storia prima di leggerla ci aiuta a godercela di più per il semplice motivo che le trame seguono spesso gli stessi binari. Insomma, non è la storia ad appassionarci, ma quel tipo di storia che ci catturara.

Ed è qui che arriva il vero spoiler: le ipotesi di San Diego non reggono. A dicembre 2015 è uscito uno studio dell’università di Amsterdam che smentisce quello statunitense e conferma quello che abbiamo sempre pensato: gli spoiler rovinano il divertimento. I ricercatori olandesi hanno chiesto a 412 studenti di dire la loro sul tema, ottenendo questi risultati: le storie spoilerate sono considerate meno divertenti, meno ricche di suspense e meno coinvolgenti.

 

L'estensione blocca spoiler  Un’estensione del browser Chrome che blocca gli spoiler su Star Wars

 

Tuttavia, sembra che le reazioni agli spoiler dipendano soprattutto dal nostro profilo psicologico: da una parte ci sono le persone con un approccio cognitivo (a cui piace affrontare le domande profonde suscitate da una storia), dall’altra quelle con un approccio emozionale (che preferiscono la componente più irrazionale). Secondo Judith Rosenbaum, coautrice dello studio, “le persone che sentono un bisogno ridotto di cognizione preferiscono le storie spoilerate. Diversamente, le persone che sentono un bisogno consistente di emozioni preferiscono le storie senza spoiler, perché desiderano vivere il brivido della sorpresa”.

Dipende tutto dai punti di vista. Puoi guardare Il risveglio della Forza e balzare sulla poltrona del cinema quando [spoiler] fa un buco in pancia a [spoiler], oppure pensare che tutto sommato te lo aspettavi perché è una “metafora” dello scontro generazionale. C’è però anche l’altro lato della medaglia: a volte non resistiamo alla tentazione di spoilerare film, fumetti, libri e videogiochi. Perché roviniamo la sorpresa agli altri? Perché odiamo tanto gli spoiler se poi siamo i primi a farli?

Se queste domande vi tormentano, fatevi un giro sulla sezione del sito web di Netflix dedicata interamente agli spoiler e sottoponetevi al test per capire che tipo di spoileratore siete. Oppure, fatevi deliberatamente del male sparandovi le scene chiave di film e serie TV a caso (c’è una sezione del sito apposta), in modo da rovinarvi in pochi secondi qualsiasi cosa non abbiate ancora visto. È solo l’inizio del lungo sentiero verso il lato oscuro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Agricane Serigrafia di DEM

Serigrafia a due colori, dimensioni 20x30 cm Edizione limitata di 40 esemplari DEM Come un moderno alchimista, DEM crea personaggi bizzarri, creature surreali abitanti di un livello nascosto nel mondo degli umani. Eclettico e divertente, attraverso muri dipinti, illustrazioni e installazioni ricche di allegorie, lascia che sia lo spettatore a trovare la chiave per il suo enigmatico e arcano mondo. Oltre ad avere vecchie fabbriche ed edifici abbandonati come sfondo abituale ai suoi lavori, DEM è stato anche ospite alla Oro Gallery di Goteborg e ha preso parte a esposizioni importanti come «Street Art, Sweet Art» (PAC, Milano), «Nomadaz» (Scion Gallery, Los Angeles), «Original Cultures» (Stolen Space Gallery, London) and «CCTV» (Aposthrofe Gallery, Hong Kong). Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >