TV e Cinema
di Lorenzo Mannella 23 Dicembre 2015

“E poi alla fine muore”: perché lo spoiler è diventato un reato così grave

Tutta la psicologia che c’è dietro all’abitudine di rovinare i film

Spoiler Star Wars metro Londra Twitter - L’avviso apparso nella metro di Londra il 18 dicembre

 

Il primo sequel di Star Wars ha sbancato i botteghini e aperto un tema di discussione molto sentito: gli spoiler. Durante Il risveglio della Forza succedono parecchie cose, compresi un paio di colpi di scena paragonabili a quelli della prima trilogia. Morale della favola, rovinare il film a chi non l’ha ancora visto è maledettamente facile. Deve essere per questo che nella metro di Londra è apparso un avviso che ammonisce i viaggiatori senza biglietto: “se vi becchiamo a viaggiare senza un biglietto valido, vi raccontiamo il finale di Star Wars (e vi multiamo)”.

Possibile che l’uscita di un film così atteso come Star Wars abbia portato gli spoiler a un livello di minaccia superiore? In Francia un account Twitter ha spoilerato il finale del film, tirandosi addosso una valanga di critiche, forse eccessive, visto che al mondo ci sono cose più importanti di un film di fantascienza. Ok, abbassate quel blaster e parliamone da persone civili. Nel 2011 è uscito uno studio della University of California di San Diego che sosteneva una tesi interessante: gli spoiler aiutano le persone a godersi di più le storie.

 

Darth Vader paparino  Saluta paparino, Luke

 

I ricercatori hanno sottoposto 12 storie di autori famosi a tre gruppi di lettura di una trentina di persone: uno non ha ricevuto spoiler, un altro li ha ricevuti prima della lettura e l’ultimo ancora se li è ritrovati senza preavviso in mezzo alla storia. Gli spoiler a sorpresa non sono stati graditi molto – è come se uno entrasse nel cinema a metà film e vi raccontasse il finale – mentre gli spoiler annunciati prima della lettura hanno riscosso un successo inaspettato. Secondo le conclusioni dello studio, sapere come va a finire una storia prima di leggerla ci aiuta a godercela di più per il semplice motivo che le trame seguono spesso gli stessi binari. Insomma, non è la storia ad appassionarci, ma quel tipo di storia che ci catturara.

Ed è qui che arriva il vero spoiler: le ipotesi di San Diego non reggono. A dicembre 2015 è uscito uno studio dell’università di Amsterdam che smentisce quello statunitense e conferma quello che abbiamo sempre pensato: gli spoiler rovinano il divertimento. I ricercatori olandesi hanno chiesto a 412 studenti di dire la loro sul tema, ottenendo questi risultati: le storie spoilerate sono considerate meno divertenti, meno ricche di suspense e meno coinvolgenti.

 

L'estensione blocca spoiler  Un’estensione del browser Chrome che blocca gli spoiler su Star Wars

 

Tuttavia, sembra che le reazioni agli spoiler dipendano soprattutto dal nostro profilo psicologico: da una parte ci sono le persone con un approccio cognitivo (a cui piace affrontare le domande profonde suscitate da una storia), dall’altra quelle con un approccio emozionale (che preferiscono la componente più irrazionale). Secondo Judith Rosenbaum, coautrice dello studio, “le persone che sentono un bisogno ridotto di cognizione preferiscono le storie spoilerate. Diversamente, le persone che sentono un bisogno consistente di emozioni preferiscono le storie senza spoiler, perché desiderano vivere il brivido della sorpresa”.

Dipende tutto dai punti di vista. Puoi guardare Il risveglio della Forza e balzare sulla poltrona del cinema quando [spoiler] fa un buco in pancia a [spoiler], oppure pensare che tutto sommato te lo aspettavi perché è una “metafora” dello scontro generazionale. C’è però anche l’altro lato della medaglia: a volte non resistiamo alla tentazione di spoilerare film, fumetti, libri e videogiochi. Perché roviniamo la sorpresa agli altri? Perché odiamo tanto gli spoiler se poi siamo i primi a farli?

Se queste domande vi tormentano, fatevi un giro sulla sezione del sito web di Netflix dedicata interamente agli spoiler e sottoponetevi al test per capire che tipo di spoileratore siete. Oppure, fatevi deliberatamente del male sparandovi le scene chiave di film e serie TV a caso (c’è una sezione del sito apposta), in modo da rovinarvi in pochi secondi qualsiasi cosa non abbiate ancora visto. È solo l’inizio del lungo sentiero verso il lato oscuro.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione  completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >