TV e Cinema
di Carlotta 8 Febbraio 2013

The Doors Live at The Bowl ’68. Tutto il concerto in versione integrale al cinema. [recensione]

“You had to be there!” Dovevate essere lì!
Inizia così questo film; poi tanto non vi svelo moltissimo, che secondo me se amate i Doors, ma anche solo la musica bella, fatta bene, o magari se siete “addetti ai lavori”, dovreste andare a vederlo questo film, e a sentirlo. Lo schermo è tutto nero, senti già la gente che urla e leggi “You had to be there!”.
A me è venuta la pelle d’oca.. Dev’essere stato davvero un concertone quello dei Doors il 5 luglio all’Hollywood Bowl. Perché “The Doors live at the Bowl ’68” è un concerto, non è né un docufilm, né un film vero e proprio come quello di Oliver Stone con Val Kilmer-Jim Morrison e Meg Ryan-Pamela, sua moglie. È un live, registrato allora e rimasterizzato oggi dallo stesso fonico, Bruce Botnick, che all’epoca lo registrò su un otto piste a bobina, e che grazie alla moderna tecnologia ha potuto ricostruire il video integrale del concerto con immagini nitide e un audio perfetto. Il film poi ha una parte di contenuti extra e documentari che introducono il live: interviste alla band, ai Chambers Brothers, il gruppo spalla di quel concerto, agli amici, a chi ha lavorato per quel concerto e per questo film. Raccontano gli antefatti, la preparazione, l’eccitazione, le aspettative del gruppo, le curiosità, gli aneddoti (c’era Mick Jagger, per esempio, in prima fila con la moglie di Jim e tutti gli Stones a godersi il concerto dopo aver mangiato e bevuto tutti insieme). La curiosità di vederli e sentirli aumenta.
Il concerto è emozionantissimo, senza trucchi, senza megaschermi, senza effettoni di luci o comparse o accessori speciali, anzi, piuttosto buio, intimo, nonostante la gente infinita. Solo loro quattro sul palco e la loro musica, ovviamente, che letteralmente deve aver invaso quelle persone, schiacciate all’inverosimile in quell’arena, ma serene, felici. Jim continua a ripeterlo e domandarlo per tutto il concerto: “Mi sembra che stiate tutti bene, no?”


Ritmi dilatati, lunghissimi momenti strumentali con Jim che viaggia nella sua testa per conto suo, poi balla, poi recita una poesia, poi canta. Un artista, uno sciamano davvero, un poeta, con una voce potentissima e sensualissima.
Io non ho voluto leggere prima la scaletta del concerto sulla cartelletta stampa e quindi non la scriverò nemmeno qui, perché credo che rovini la sorpresa. Basti sapere che il live comprende alcune tra le più belle e toccanti canzoni dei Doors, alcune delle quali all’epoca ancora inedite come “Hello I love You” e “Spanish Caravan”; fanno “Light My Fire”, “Albama Song”, “When The Music’s Over”, “Back Door Man”, “The End”.
Pezzi meravigliosamente belli e davvero magici. Perché i Doors qualche porta te la aprono davvero. Sarà proprio quel misto di jazz, blues e psichedelia, ma anche la musica indiana, il flamenco; e poi ci sono la voce e le parole di Jim Morrison e Jim Morrison stesso. Che nonostante l’acido che si è preso prima dello show (e quasi nessuno ha dubbi sul fatto che l’abbia preso) al Bowl ha regalato una delle sue performance migliori. Impeccabile, trascinante, travolgente.


Ascolto le canzoni, guardo il gruppo, si sente l’alchimia che c’è tra loro. È roba di 45 anni fa. Eppure l’eredità musicale che hanno lasciato i Doors è influente più che mai e le canzoni-poesie di Jim Morrison sono attualissime.
Da vedere e sentire con tutte le porte della percezione spalancate.
Solo il 27 febbraio in 300 sale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >