TV e Cinema
di Carlotta 8 Febbraio 2013

The Doors Live at The Bowl ’68. Tutto il concerto in versione integrale al cinema. [recensione]

“You had to be there!” Dovevate essere lì!
Inizia così questo film; poi tanto non vi svelo moltissimo, che secondo me se amate i Doors, ma anche solo la musica bella, fatta bene, o magari se siete “addetti ai lavori”, dovreste andare a vederlo questo film, e a sentirlo. Lo schermo è tutto nero, senti già la gente che urla e leggi “You had to be there!”.
A me è venuta la pelle d’oca.. Dev’essere stato davvero un concertone quello dei Doors il 5 luglio all’Hollywood Bowl. Perché “The Doors live at the Bowl ’68” è un concerto, non è né un docufilm, né un film vero e proprio come quello di Oliver Stone con Val Kilmer-Jim Morrison e Meg Ryan-Pamela, sua moglie. È un live, registrato allora e rimasterizzato oggi dallo stesso fonico, Bruce Botnick, che all’epoca lo registrò su un otto piste a bobina, e che grazie alla moderna tecnologia ha potuto ricostruire il video integrale del concerto con immagini nitide e un audio perfetto. Il film poi ha una parte di contenuti extra e documentari che introducono il live: interviste alla band, ai Chambers Brothers, il gruppo spalla di quel concerto, agli amici, a chi ha lavorato per quel concerto e per questo film. Raccontano gli antefatti, la preparazione, l’eccitazione, le aspettative del gruppo, le curiosità, gli aneddoti (c’era Mick Jagger, per esempio, in prima fila con la moglie di Jim e tutti gli Stones a godersi il concerto dopo aver mangiato e bevuto tutti insieme). La curiosità di vederli e sentirli aumenta.
Il concerto è emozionantissimo, senza trucchi, senza megaschermi, senza effettoni di luci o comparse o accessori speciali, anzi, piuttosto buio, intimo, nonostante la gente infinita. Solo loro quattro sul palco e la loro musica, ovviamente, che letteralmente deve aver invaso quelle persone, schiacciate all’inverosimile in quell’arena, ma serene, felici. Jim continua a ripeterlo e domandarlo per tutto il concerto: “Mi sembra che stiate tutti bene, no?”


Ritmi dilatati, lunghissimi momenti strumentali con Jim che viaggia nella sua testa per conto suo, poi balla, poi recita una poesia, poi canta. Un artista, uno sciamano davvero, un poeta, con una voce potentissima e sensualissima.
Io non ho voluto leggere prima la scaletta del concerto sulla cartelletta stampa e quindi non la scriverò nemmeno qui, perché credo che rovini la sorpresa. Basti sapere che il live comprende alcune tra le più belle e toccanti canzoni dei Doors, alcune delle quali all’epoca ancora inedite come “Hello I love You” e “Spanish Caravan”; fanno “Light My Fire”, “Albama Song”, “When The Music’s Over”, “Back Door Man”, “The End”.
Pezzi meravigliosamente belli e davvero magici. Perché i Doors qualche porta te la aprono davvero. Sarà proprio quel misto di jazz, blues e psichedelia, ma anche la musica indiana, il flamenco; e poi ci sono la voce e le parole di Jim Morrison e Jim Morrison stesso. Che nonostante l’acido che si è preso prima dello show (e quasi nessuno ha dubbi sul fatto che l’abbia preso) al Bowl ha regalato una delle sue performance migliori. Impeccabile, trascinante, travolgente.


Ascolto le canzoni, guardo il gruppo, si sente l’alchimia che c’è tra loro. È roba di 45 anni fa. Eppure l’eredità musicale che hanno lasciato i Doors è influente più che mai e le canzoni-poesie di Jim Morrison sono attualissime.
Da vedere e sentire con tutte le porte della percezione spalancate.
Solo il 27 febbraio in 300 sale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >