TV e Cinema
di Chiara Minetti 3 Aprile 2012

Titanic: alla ricerca del tempo perduto [recensione]

Quando uscì Titanic avevo undici anni e andavo alle medie. Ai tempi abitavo in provincia e andai a vederlo nell’unico cinema del paese. Mi ero data appuntamento con un’amica, ma lei fece tardi e fummo costrette a sederci in prima fila. Quando apparse Leonardo di Caprio, tutte le ragazzine iniziarono a urlare. Io no, pur avendo il diario completamente imbrattato di figurine con il suo bel faccino, non ero disposta a perdere la mia dignità. Per tutte e tre le ore si ripeterono scene di isterismo, non solo legate a Jack, ma anche ai momenti topici della sua storia d’amore con Rose: la scena romantica sulla prua della nave, la scena in cui lei decide di abbandonare la scialuppa per rimanere con lui, la scena in cui l’odioso Cal Hockley scivola su un nonsoché durante l’inseguimento alla coppia. Nonostante non fossi riuscita ad ascoltare nemmeno la metà di tutti i dialoghi, quando uscii dalla sala l’impressione era quella di aver visto il film più bello della storia. Lo andai a vedere altre due volte, giusto per assicurarmi di avere capito tutto.

Sono passati 15 anni, vivo in una nuova città, ho qualche esperienza in più, e decido di tornare al cinema a vedere quel film-evento che tanto aveva reso dipendente la mia generazione. Man mano che il film procede, mi accorgo di sapere a memoria alcune frasi e di commuovermi ancora sugli snodi drammatici principali. È un’esperienza sempre attuale: emozionarsi per una scena nonostante tu l’abbia vista decine di volte. Mi accade con Mulholland Drive quando il mostro nero sbuca dal muro e con Ritorno al Futuro quando Doc si arrampica sull’orologio di Hill Valley.

Guardare Titanic è un grande salto nel passato. Nessuno urla più alla vista di Di Caprio, ma a tutti torna in mente di averlo fatto. I dialoghi del film ora suonano retorici, stantii e buonisti, tanto che Twilight sembra un film impegnato. Paradossalmente, nonostante l’uso ipermoderno del 3D (a mio parere comunque inutile e piatto), Titanic è un film che riesce a generare grandi emozioni, perché si aggrappa ai nostri ricordi e fa leva sulle nostre nostalgie passate.

Vedetelo se avete voglia di rivivere ciò che siete stati negli anni ’90.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >