TV e Cinema
di Chiara Minetti 3 Aprile 2012

Titanic: alla ricerca del tempo perduto [recensione]

Quando uscì Titanic avevo undici anni e andavo alle medie. Ai tempi abitavo in provincia e andai a vederlo nell’unico cinema del paese. Mi ero data appuntamento con un’amica, ma lei fece tardi e fummo costrette a sederci in prima fila. Quando apparse Leonardo di Caprio, tutte le ragazzine iniziarono a urlare. Io no, pur avendo il diario completamente imbrattato di figurine con il suo bel faccino, non ero disposta a perdere la mia dignità. Per tutte e tre le ore si ripeterono scene di isterismo, non solo legate a Jack, ma anche ai momenti topici della sua storia d’amore con Rose: la scena romantica sulla prua della nave, la scena in cui lei decide di abbandonare la scialuppa per rimanere con lui, la scena in cui l’odioso Cal Hockley scivola su un nonsoché durante l’inseguimento alla coppia. Nonostante non fossi riuscita ad ascoltare nemmeno la metà di tutti i dialoghi, quando uscii dalla sala l’impressione era quella di aver visto il film più bello della storia. Lo andai a vedere altre due volte, giusto per assicurarmi di avere capito tutto.

Sono passati 15 anni, vivo in una nuova città, ho qualche esperienza in più, e decido di tornare al cinema a vedere quel film-evento che tanto aveva reso dipendente la mia generazione. Man mano che il film procede, mi accorgo di sapere a memoria alcune frasi e di commuovermi ancora sugli snodi drammatici principali. È un’esperienza sempre attuale: emozionarsi per una scena nonostante tu l’abbia vista decine di volte. Mi accade con Mulholland Drive quando il mostro nero sbuca dal muro e con Ritorno al Futuro quando Doc si arrampica sull’orologio di Hill Valley.

Guardare Titanic è un grande salto nel passato. Nessuno urla più alla vista di Di Caprio, ma a tutti torna in mente di averlo fatto. I dialoghi del film ora suonano retorici, stantii e buonisti, tanto che Twilight sembra un film impegnato. Paradossalmente, nonostante l’uso ipermoderno del 3D (a mio parere comunque inutile e piatto), Titanic è un film che riesce a generare grandi emozioni, perché si aggrappa ai nostri ricordi e fa leva sulle nostre nostalgie passate.

Vedetelo se avete voglia di rivivere ciò che siete stati negli anni ’90.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL DESIDERIO “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper quattro lattine Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >