TV e Cinema
di Marco Villa 1 Settembre 2013

#venezia70 – Die Andere Heimat di Edgar Reitz, il quarto capitolo della saga di Heimat

die-andere-heimat-film-bild08

Avete presente la narrazione seriale bella? Parlo di cose come The Wire o Breaking Bad, Mad Man o Downton Abbey. Ecco, queste cose, ancora più belle, le aveva fatte trent’anni fa un signore chiamato Edgar Reitz, che nel 1984 realizzò Heimat – Eine deutsche Chronik, 15 ore abbondanti divise in 11 puntate, sulla storia della Germania dal 1919 al 1982, vista attraverso la lente di un piccolo paesino della provincia tedesca. Ai tempi, televisione e cinema era divisi da un abisso di qualità e il lavoro di Reitz sbarcò alla Mostra di Venezia, dove la sua opera diventò uno degli eventi di quell’anno. Nel 1992 toccò a Die zweite Heimat – Chronik einer Jugend, 25 ore e 13 episodi sugli anni sessanta di un gruppo di artisti di Monaco e nel 2004 a Heimat 3 – Chronik einer Zeitenwende, 12 ore e sei episodi sulla Germani post-riunificazione. I primi due capitoli della saga sono dei capolavori assoluti, il terzo è piuttosto brutto. Così, giusto per mettere in chiaro le cose.

Die Andere Heimat riavvolge la linea temporale e porta il racconto alla prima metà del diciannovesimo secolo. Uno spostamento di tempo, ma non di luogo: l’ambientazione della storia è sempre il paesino di Schabbach e il cuore della narrazione è la vita della famiglia Simon. Se i primi tre capitoli della saga erano fortemente legati tra loro e presentavano gli stessi personaggi (e gli stessi attori, in un fantastico processo di invecchiamento che colpiva i primi e i secondi), Die Andere Heimat è una storia a sé, fruibile anche da chi non è mai entrato nel racconto di Edgar Reitz. Oltre a Marita Breuer (interprete di Maria nel primo Heimat e qui nel ruolo di una sua antenata), punto di contatto è la tematica principale della saga, ovvero il rapporto con la Heimat, che in tedesco significa patria, ma che si riferisce non solo a un luogo geografico, ma soprattutto a un luogo degli affetti, delle radici.

Protagonista di questo film di quattro ore è Jakob Simon, ragazzo meno che ventenne. Famiglia di fabbri da generazioni, i Simon vorrebbero che anche Jakob seguisse la tradizione, ma il ragazzo sogna luoghi lontani, affascinato dalle lingue straniere e dal Sudamerica. La sua lotta tra volontà di fuga e resistenza delle radici è esasperata dalle immagini di carovane di famiglie che abbandonano la Germania per il Brasile, in una grande emigrazione che ha i contorni dell’illusione.

Con Die Andere Heimat Reitz mette in scena il nucleo che da trent’anni anima la sua cinematografia. La storia di Jakob e della sua famiglia ha mille punti di contatto con le storie dei suoi discendenti, comprese diverse citazioni visive, come a rappresentare che, al di là del contesto, le grandi questioni esistenziali non cambiano forma.

Die Andere Heimat è un grandissimo film, imprescindibile per chi si è già addentrato nella (ormai) tetralogia di Heimat, irrinunciabile primo passo per chi ancora non ne ha avuto occasione, tempo o coraggio. Chicca: Werner Herzog interpreta in un cameo Alexander Von Humboldt.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >