TV e Cinema
di Mattia Nesto 10 Marzo 2020

Volevo nascondermi è un film splendido

Antonio Ligabue era una disperata e materica energia primordiale ed Elio Germano è bravissimo

Quando alla mostra del Cinema di Berlino Elio Germano vince l’Orso d’Argento per la migliore interpretazione, l’attore romano dedica questo premio a tutti gli storti, a tutti gli sbagliati. Storto e sbagliato è stato e si è sentito Antonio Libague, uno dei più importanti pittori e scultori del Novecento italiano: proprio alla vita e all’opera di Ligabue è al centro di Volevo Nascondermi, il film di Giorgio Diritti con Elio Germano.

Volevo Nascondermi, ve lo diciamo subito, è un film tanto bello quanto povero, tanto doloroso quanto crudo, tanto poetico quando anti-agiografico. Infatti Giorgio Diritti, avvalendosi di una fotografia che descrive in maniera perfetta la Svizzera di inizio Novecento e poi le campagne della bassa emiliana, in particolare della zona di Reggio Emilia, dagli anni venti fino all’Italia del Boom Economico, realizza un film che coglie Antonio Ligabue per rapidi schizzi che, similmente alla sua pittura, tutta nervi, tutta istinto, tutta materia su tela. Non quindi una narrazione biografico tout court, ma una sorta di parata di episodi più o meno importanti nella vita e nella carriera del pittore nato in Svizzera ma cresciuto in Emilia che delineano un personaggio tormentato.

Elio Germano, con un’operazione di mimesi incredibilmente ben riuscita (non soltanto a partite dal trucco particolarmente felice), riesce a calarsi perfettamente nei panni del pittore emiliano che, è bene ricordarlo, per lunghi anni è stato considerato quello che allora si definiva un minus habens: infatti tra i venti e i quarant’anni non si contano i ricoveri in ospedali psichiatrici, meglio forse chiamarli però manicomi come si diceva allora. Germano quindi ci dona un essere umano, ancora prima che un artista e un pittore che, praticamente fin dalla nascita, soffre e si dispera per questa sofferenza. Infatti fin dalla più tenera età il giovane Ligabue (conosciuto anche come Laccabue) viene deriso e considerato strano dai compagni di scuola e dalla sua stessa famiglia adottiva.

 

Gli occhi color caldarrosta di Elio Germano diventano sempre più gli occhi di Ligabue. Un uomo non scontroso di natura ma che, proprio per le continue vessazioni, ha un solo e unico desiderio: nascondersi, scomparire, fuggire dal mondo, anzi perdersi entro esso. Infatti, e la sua pittura sarà spia di questo, come una specie di chimera metà uomo e metà animale, Ligabue usa al massimo i suoi sensi, in primis la vista, gli occhi indagatori e poi il tatto e quindi il gusto per conoscere e entrare nel mondo. Ecco allora che la sua curiosità si sposta ben presto sulla descrizione di ciò che ha intorno, attraverso il disegno, in particolare modo degli animali.

I quadri e le sculture di Ligabue sono la materia incandescente del caos primordiale che si raffredda e diventa opera d’arte comprensibile per tutti. Infatti, come lo stesso Ligabue ricorda ad un certo punto, nelle sue continue peregrinazioni tra i manicomi e le fattorie della bassa emiliana, ha patito tanto freddo, ha mangiato così poco e ha conosciuto così nel profondo le miserie della condizione umana che non potrebbe fare arte in altra maniera. E quindi, quando qualcuno mette in dubbio un suo quadro, non capisce una sua scultura o, peggio, lo prende in giro per come ha raffigurato una tigre, Libague impazzisce dalla rabbia. Quel demonio che alberga nella sua testa, come era solita dire la madre adottiva, si impadronisce di lui che viene colto da un’ira funesta.

Elio Germano, supportato da un buon cast di attori locali, parla perfettamente il dialetto romagnolo e ci consegna un Ligabue diverso da quello di Flavio Bucci di cui vi abbiamo parlato qui. Se Bucci si era soffermato sull’epica della follia, Germano ne incarna la sua insondabile umanità. Un uomo pervaso dall’arte e dilaniato dalla vita. Esattamente come le fauci della sua iconica tigre, Antonio Ligabue era una disperata e materica energia primordiale.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
70,00 €

SERIGRAFIA "SE MI AMI VALE TUTTO" - ed. limitata firmata - MI AMI 2014

Serigrafia ufficiale della 10° edizione del MI AMI 2014 dimensioni: 50x50 cm stampata a 2 colori (nero + argento) edizione limitata di 50 esemplari ognuna numerata e firmata dall'artista disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc venduta non incorniciata (spedita arrotolata in un tubo) disponibili anche la versione UOMO+UOMO e DONNA+DONNA Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >