Villa Fogazzaro Roi, un piccolo mondo antico sulla sponda italiana del Lago di Lugano

Un viaggio nella borghesia di un altro tempo. Quando era davvero borghesia

A meno che abbiate una cattedra di Letteratura Italiana, siate ancora al liceo o vi piacciano gli Offlaga Disco Pax – “Ma abbiamo anche molti ricordi di “Quel piccolo mondo antico”, di Fogazzaro!” – è difficile che il nome dello scrittore Antonio Fogazzaro (1842-1911) vi passi non dico spesso, ma facciamo anche solo una volta l’anno per la testa. È un peccato, perché al di là della sua opera più nota – Piccolo Mondo Antico – Fogazzaro ha lasciato ai posteri anche una splendida villa, che si può visitare: Villa Fogazzaro-Roi, sulla sponda italiana del Lago di Lugano, nel Comune di Oria Valsolda.

Fu la dimora estiva – e non solo – dello scrittore, che, leggo sul sito del FAI, la elesse a “luogo dell’anima“, e la inserì anche all’interno delle sue opere. Opere a volte ambientate in oscuri, drammatici paesaggi lacustri, paesaggi a volte un po’ infidi, come nel caso di Malombra, dove la narrazione anche se non esplicitamente si snoda intorno al Lago di Segrino. Fogazzaro aveva questa cosa per i laghi, per dire gli piaceva un sacco anche quello di Molveno, in Trentino, di cui diceva: “Preziosa perla in più prezioso scrigno”.

Ma torniamo a Villa Fogazzaro Roi: circa a metà del XIX secolo la costruzione, proprietà della parrocchia, passò di mano e fu acquisita dalla famiglia della madre di Fogazzaro. Rimase dei Fogazzaro fino al 1911 – anno in cui Fogazzaro muore – poi passò a dei parenti, in particolare al marchese Roi, che infine la donò al FAI.

Visitarla oggi è un viaggio in quello che era l’alta borghesia ormai ben più di un secolo fa, tra la camera da letto e lo studio dell’autore – stanze entrambe restaurate negli anni ’60 del secolo scorso e riportate alle condizioni originali – mentre gli altri spazi dell’abitazione sono una casa-museo con un percorso espositivo di fotografie, cimeli, piccole cose quotidiane utili e inutili tipiche di una famiglia, agiata, cattolica e tradizionalista del tempo.

È necessario sottolineare la profonda sincerità con cui il Fogazzaro concepì, assimilò e fece valere le sue idee; ricordare che alcuni ambienti dell’Italia borghese e provinciale hanno trovato in lui un pittore finora insuperato; che penetrò a fondo nelle anime complesse dei suoi personaggi; e che insomma il Fogazzaro è, dopo il Verga, il maggiore romanziere italiano dell’ultimo Ottocento” dice la Treccani, e anche Villa Fogazzaro Roi non è male.

Adesso che arriva la primavera potrebbe essere una buona idea per una gita nel weekend, alla ricerca dell’Italia Nascosta che vi abbiamo raccontato negli ultimi mesi: tutte le info per visitarla le trovate sul sito del FAI.

Cerca ristoranti a Valsoda

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >