Web
di Elisabetta Limone 1 Giugno 2020

5 consigli per ottimizzare al meglio il tuo profilo LinkedIn

Alcuni spunti per avere un profilo Linkedin più efficacie

Sei iscritto a LinkedIn da molto tempo ma non hai ancora capito come ottimizzare il tuo profilo?

Non preoccuparti, non sei il solo. Se avrai la pazienza di leggere questo articolo scoprirai infatti che la logica di LinkedIn è diversa rispetto a quella degli altri social network. Di conseguenza c’è bisogno di strategie diverse per vedere dei risultati concreti.

Per ottimizzare il tuo profilo LinkedIn il tuo obiettivo primario dovrà essere quello di proporti nel modo giusto alla tua rete di contatti. 

Se ti interessa approfondire questo argomento puoi visitare il blog di Mirko Cuneo, imprenditore e leader digitale, www.mirkocuneo.it, dove troverai un’interessante guida e diversi consigli per migliorare il tuo profilo LinkedIn.

Come funziona LinkedIn?

Lanciato nel 2003, LinkedIn ha conosciuto a partire dal 2009 una rapidissima ascesa confermandosi come leader nel settore dei servizi online per le relazioni personali a scopo lavorativo. Oggi il social network vanta una diffusione capillare in tutto il mondo ed è quotidianamente utilizzato da aziende e liberi professionisti allo scopo di promuovere la propria attività o per cercare nuove collaborazioni.

Come sicuramente saprai, LinkedIn ti dà la possibilità di metterti in contatto con professionisti di tutto il mondo, i quali, a loro volta, possono presentarti altre figure. Espandendo la tua rete potrai avere maggiore successo nel trovare il lavoro dei tuoi sogni o di assumere collaboratori preparati.

Ecco come ottimizzare il tuo profilo LinkedIn in 5 mosse

Per vedere dei risultati concreti è necessario ottimizzare il proprio profilo LinkedIn. In questo articolo troverai 5 consigli che ti permetteranno di iniziare. Sei pronto?

1) Scegli la giusta immagine del profilo

L’immagine del tuo profilo LinkedIn è la prima cosa che gli altri vedono di te, per questo è necessario che sia perfetta.

Perciò ricorda: non siamo su Instagram!

Questo significa che bisognerà optare per una foto che ti raffiguri in modo professionale. Evita perciò foto vecchie, sgranate o tagliate male. Un bel primo piano sarà ottimo.

Se usi tutti i tuoi social a scopo personale puoi anche pensare di scegliere una sola immagine da coordinare in tutti i canali.

2) Scrivi una presentazione che ti rappresenti

Ci sono molti modi per compilare questa sezione. Molto dipende da cosa stai cercando e da quanta esperienza hai maturato nel settore in cui vuoi inserirti.

Se, per esempio, stai cercando lavoro questo può essere un ottimo strumento per far capire sin da subito chi sei, quali sono le tue abilità, ma anche le tue passioni.

Molti utenti ormai evitano il gergo tecnico e optano per uno stile narrativo, un’ottima idea per ottimizzare il proprio profilo LinkedIn. Raccontando chi sei avrai la possibilità di trasmettere empatia verso chi legge, pur mostrandoti in tutta la tua professionalità.

3) Descrivi le tue abilità nel dettaglio

Su LinkedIn non hai limiti di caratteri, perciò entra nello specifico!

Il profilo è il tuo spazio personale, qui potrai davvero far vedere chi sei. Per questo è davvero molto importante aggiungere e descrivere anche la più piccola esperienza che hai avuto negli anni. 

Hai avuto modo di utilizzare un software durante un tirocinio universitario? Scrivilo. Hai acquisito delle competenze da solo o seguito qualche corso online? Aggiungilo. Sono importanti tutte le abilità che hai acquisito nel tuo percorso personale. 

Per farlo utilizza la tua presentazione ma anche l’apposita sezione dedicata alle competenze. In questo modo i tuoi contatti potranno confermare le abilità che possiedi direttamente sul tuo profilo.

4) Personalizza la tua headline 

La tua headline, o titolo, è una sezione che appare sotto la tua immagine di profilo. Puoi personalizzare questa sezione così che gli altri abbiano subito un’idea di chi sei.

La headline è costituita da un massimo di 120 caratteri. Utilizza questo spazio per descrivere cosa fai e chi sei, magari sfruttando delle parole chiave. In questo modo gli utenti potranno rintracciarti molto più facilmente.

Un esempio? Social Media Manager | Digital Marketer

Prima di compilare questa sezione ti consigliamo di fare una ricerca sulle parole chiave più cercate dagli utenti. In questo modo l’ottimizzazione del tuo profilo LinkedIn sarà migliore.

5) Personalizza il tuo URL

Anche in questo caso la personalizzazione gioca a tuo favore, soprattutto a livello SEO. Ottimizzare l’URL del tuo profilo LinkedIn contribuirà alla creazione del tuo brand (nel caso in cui tu ne abbia uno) e semplificherà la condivisione del tuo profilo con altri utenti.

Solitamente gli URL non sono personalizzati automaticamente. Puoi controllare cliccandoci sopra: se dopo il tuo nome appaiono dei numeri l’URL non è ottimizzato. Per farlo, ti basterà andare nella sezione impostazioni e modificare l’URL a tuo piacimento. 

Se sei un libero professionista ti consigliamo di lasciare nome e cognome, eventualmente accompagnato da una parola chiave. Per esempio “mario-rossi-copywriter”.

Se invece stiamo modificando l’URL di un profilo aziendale andrai a utilizzare il nome del brand.

Conclusioni

Come hai visto, ottimizzare il tuo profilo LinkedIn non è complicato. Cerca di investire un po’ del tuo tempo per migliorare la tua visibilità su questa utilissima piattaforma: vedrai che i risultati non mancheranno ad arrivare!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
15,00 €

La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia

Scarica gratuitamente l'ebook de La Bella Nostalgia in tutti i formati QUI   "La Bella Nostalgia - Archeologia pop degli anni '80 e '90 in Italia" di Simone Stefanini parla di mode, film, telefilm, musica, porno, orrori e gioie di due decenni contrapposti di cui oggi abbiamo rivalutato ogni lascito. Una riflessione tragicomica sulla retromania in Italia, una macchina del tempo a metà tra la DeLorean di Ritorno al Futuro e la Bianchina di Fantozzi. 200 pagine - edizione limitata di 50 copie firmata e numerata dall'autore. Edizioni Brava Gente - Betterdays    
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >