TV e Cinema
di Mattia Nesto 4 Giugno 2020

Nadia – Il mistero della pietra azzurra, da 30 anni è sinonimo di estate

L’anime tratto dal soggetto originale di Hayao Miyazaki compie trent’anni. È sempre bellissimo e magico

Gli anni Novanta, in fondo, erano un periodo abbastanza semplice. Arrivava giugno e assieme alla fine delle scuole, i pantaloncini corti che iniziavano a diventare una seconda pelle e i ghiaccioli che diventano una specie di metronomo che scandiva i pomeriggi, su Italia 1 veniva immancabilmente trasmessa Nadia – Il mistero della pietra azzurra o, per i puristi, Nadia dei mari delle meraviglie (che fa molto Hugo Pratt, riferimento in fondo non così lontano). L’anime, ispirato a un soggetto originale di Hayao Miyazaki, è ancora oggi, a trent’anni dalla sua prima apparizione in televisione, qualcosa di stupendo e magnifico, una serie di animazione ammantata di un’aurea quasi magica, vuoi per l’estetica adorabile dei personaggi, vuoi per quel misto di Jules Verne e racconto del capricorno che tanto ci piaceva e ci piace ancora oggi. Ma andiamo con ordine.

Quando abbiamo fatto riferimento a Jules Verne non è stato un riferimento fatto a caso. Già perché il soggetto originale di Miyazaki era ispirato ad almeno quattro opere proprio del grande narratore belga, ovvero Due anni di vacanze, Cinque settimane in pallone, L’isola misteriosa e, quasi naturalmente, Ventimila leghe sotto i mari. D’altro canto l’atmosfera da Belle Époque in salsa anime e da stempunk al sapore di cocco e mango c’è un po’ dappertutto. La serie, non a caso, si apre nel 1889, proprio l’anno della Grande Esposizione Internazionale di Parigi (quella durante la quale, per capirci, è stata presenta la Tour Eiffel che, di fatto, era l’ingresso dell’Expo).

Durante questa fiera facciamo la conoscenza dei due principali protagonista dell’anime, ovvero Nadia, un’acrobata adolescente che porta indosso una misteriosa pietra azzurra e Jean, un ragazzotto ingenuo e romantico, innamorato perso della tecnologia e geniale inventore. Insomma, solo dall’incipit della trama, se non proprio dal primo episodio tutti erano/eravamo d’accordo sul reputarlo una grande storia. Senza considerare poi, come avete avuto modo di vedere, il disegno e le animazioni che, guarda caso, sono opera dello studio Gainax. Già, esatto, proprio quello “dietro” a Neon Genesis Evangelion. Ora capite perché questo cartone è una specie di grande riassunto colorato dell’animazione giapponese anni Novanta? E, pure, della nostra infanzia/adolescenza?

Quindi abbiamo un grande soggetto, dei grandi disegni, delle grandi animazioni e un grande studio di produzione. Sono tutti ingredienti degni e che fanno sì che questo cartone sia così amato, eppure non spiegano ancora a sufficienza perché, a distanza di trent’anni, ancora adesso quando pensiamo all’estate pensiamo, in una certa qual misura, anche a Nadia e a Jean.

Il vero motivo è presto detto: Nadia – Il mistero della pietra azzurra profuma, letteralmente, di lidi tropicali, spiagge assolate e mari caldi del Sud. In fondo da una storia di viaggio, alla ricerca di un grande mistero per l’appunto, tutta ambientata per gli oceani, con una ragazza come Nadia in compagnia di Jean, Marie, il capitano Nemo e l’equipaggio del Nautilus, ci si poteva aspettare questa vibrazioni così tanto estive.

Un cartone che è una vera dichiarazione d’amore all’avventura, alle cose belle della vita e, perché no, a quel pizzico di ignoto che, anche nelle esistenze più monotone, fa capolino dietro l’angolo (ah, non vi abbiamo detto che, quasi in maniera scontata, si parla pure di Atlantide e civiltà perdute qui). Ecco allora perché, quando all’inizio vi abbiamo introdotto i temi principali di Nadia – Il Mistero della pietra azzurra abbiamo citato Hugo Pratt.

Perché se è vero come è vero che il “nostro” Hugo Pratt è stato, e continua a essere, Hayao Miyazaki allora, in senso lato, il “nostro” Corto Maltese è stata Nadia, senza dubbio. E in fondo, quell’azzurro di quel mare lì non l’abbiamo più visto da nessun’altra parte, proprio come i verdi infiniti e immortali dei film dello studio Studio Ghibli.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 VERDE

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W verde, con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta unicorno Better Days

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con l'unicorno di ANDREA MININI realizzata per il Better Days Festival 2016.  
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >