TV e Cinema
di Mattia Nesto 4 Giugno 2020

Nadia – Il mistero della pietra azzurra, da 30 anni è sinonimo di estate

L’anime tratto dal soggetto originale di Hayao Miyazaki compie trent’anni. È sempre bellissimo e magico

Gli anni Novanta, in fondo, erano un periodo abbastanza semplice. Arrivava giugno e assieme alla fine delle scuole, i pantaloncini corti che iniziavano a diventare una seconda pelle e i ghiaccioli che diventano una specie di metronomo che scandiva i pomeriggi, su Italia 1 veniva immancabilmente trasmessa Nadia – Il mistero della pietra azzurra o, per i puristi, Nadia dei mari delle meraviglie (che fa molto Hugo Pratt, riferimento in fondo non così lontano). L’anime, ispirato a un soggetto originale di Hayao Miyazaki, è ancora oggi, a trent’anni dalla sua prima apparizione in televisione, qualcosa di stupendo e magnifico, una serie di animazione ammantata di un’aurea quasi magica, vuoi per l’estetica adorabile dei personaggi, vuoi per quel misto di Jules Verne e racconto del capricorno che tanto ci piaceva e ci piace ancora oggi. Ma andiamo con ordine.

Quando abbiamo fatto riferimento a Jules Verne non è stato un riferimento fatto a caso. Già perché il soggetto originale di Miyazaki era ispirato ad almeno quattro opere proprio del grande narratore belga, ovvero Due anni di vacanze, Cinque settimane in pallone, L’isola misteriosa e, quasi naturalmente, Ventimila leghe sotto i mari. D’altro canto l’atmosfera da Belle Époque in salsa anime e da stempunk al sapore di cocco e mango c’è un po’ dappertutto. La serie, non a caso, si apre nel 1889, proprio l’anno della Grande Esposizione Internazionale di Parigi (quella durante la quale, per capirci, è stata presenta la Tour Eiffel che, di fatto, era l’ingresso dell’Expo).

Durante questa fiera facciamo la conoscenza dei due principali protagonista dell’anime, ovvero Nadia, un’acrobata adolescente che porta indosso una misteriosa pietra azzurra e Jean, un ragazzotto ingenuo e romantico, innamorato perso della tecnologia e geniale inventore. Insomma, solo dall’incipit della trama, se non proprio dal primo episodio tutti erano/eravamo d’accordo sul reputarlo una grande storia. Senza considerare poi, come avete avuto modo di vedere, il disegno e le animazioni che, guarda caso, sono opera dello studio Gainax. Già, esatto, proprio quello “dietro” a Neon Genesis Evangelion. Ora capite perché questo cartone è una specie di grande riassunto colorato dell’animazione giapponese anni Novanta? E, pure, della nostra infanzia/adolescenza?

Quindi abbiamo un grande soggetto, dei grandi disegni, delle grandi animazioni e un grande studio di produzione. Sono tutti ingredienti degni e che fanno sì che questo cartone sia così amato, eppure non spiegano ancora a sufficienza perché, a distanza di trent’anni, ancora adesso quando pensiamo all’estate pensiamo, in una certa qual misura, anche a Nadia e a Jean.

Il vero motivo è presto detto: Nadia – Il mistero della pietra azzurra profuma, letteralmente, di lidi tropicali, spiagge assolate e mari caldi del Sud. In fondo da una storia di viaggio, alla ricerca di un grande mistero per l’appunto, tutta ambientata per gli oceani, con una ragazza come Nadia in compagnia di Jean, Marie, il capitano Nemo e l’equipaggio del Nautilus, ci si poteva aspettare questa vibrazioni così tanto estive.

Un cartone che è una vera dichiarazione d’amore all’avventura, alle cose belle della vita e, perché no, a quel pizzico di ignoto che, anche nelle esistenze più monotone, fa capolino dietro l’angolo (ah, non vi abbiamo detto che, quasi in maniera scontata, si parla pure di Atlantide e civiltà perdute qui). Ecco allora perché, quando all’inizio vi abbiamo introdotto i temi principali di Nadia – Il Mistero della pietra azzurra abbiamo citato Hugo Pratt.

Perché se è vero come è vero che il “nostro” Hugo Pratt è stato, e continua a essere, Hayao Miyazaki allora, in senso lato, il “nostro” Corto Maltese è stata Nadia, senza dubbio. E in fondo, quell’azzurro di quel mare lì non l’abbiamo più visto da nessun’altra parte, proprio come i verdi infiniti e immortali dei film dello studio Studio Ghibli.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >