TV e Cinema
di Mattia Nesto 4 Giugno 2020

Nadia – Il mistero della pietra azzurra, da 30 anni è sinonimo di estate

L’anime tratto dal soggetto originale di Hayao Miyazaki compie trent’anni. È sempre bellissimo e magico

Gli anni Novanta, in fondo, erano un periodo abbastanza semplice. Arrivava giugno e assieme alla fine delle scuole, i pantaloncini corti che iniziavano a diventare una seconda pelle e i ghiaccioli che diventano una specie di metronomo che scandiva i pomeriggi, su Italia 1 veniva immancabilmente trasmessa Nadia – Il mistero della pietra azzurra o, per i puristi, Nadia dei mari delle meraviglie (che fa molto Hugo Pratt, riferimento in fondo non così lontano). L’anime, ispirato a un soggetto originale di Hayao Miyazaki, è ancora oggi, a trent’anni dalla sua prima apparizione in televisione, qualcosa di stupendo e magnifico, una serie di animazione ammantata di un’aurea quasi magica, vuoi per l’estetica adorabile dei personaggi, vuoi per quel misto di Jules Verne e racconto del capricorno che tanto ci piaceva e ci piace ancora oggi. Ma andiamo con ordine.

Quando abbiamo fatto riferimento a Jules Verne non è stato un riferimento fatto a caso. Già perché il soggetto originale di Miyazaki era ispirato ad almeno quattro opere proprio del grande narratore belga, ovvero Due anni di vacanze, Cinque settimane in pallone, L’isola misteriosa e, quasi naturalmente, Ventimila leghe sotto i mari. D’altro canto l’atmosfera da Belle Époque in salsa anime e da stempunk al sapore di cocco e mango c’è un po’ dappertutto. La serie, non a caso, si apre nel 1889, proprio l’anno della Grande Esposizione Internazionale di Parigi (quella durante la quale, per capirci, è stata presenta la Tour Eiffel che, di fatto, era l’ingresso dell’Expo).

Durante questa fiera facciamo la conoscenza dei due principali protagonista dell’anime, ovvero Nadia, un’acrobata adolescente che porta indosso una misteriosa pietra azzurra e Jean, un ragazzotto ingenuo e romantico, innamorato perso della tecnologia e geniale inventore. Insomma, solo dall’incipit della trama, se non proprio dal primo episodio tutti erano/eravamo d’accordo sul reputarlo una grande storia. Senza considerare poi, come avete avuto modo di vedere, il disegno e le animazioni che, guarda caso, sono opera dello studio Gainax. Già, esatto, proprio quello “dietro” a Neon Genesis Evangelion. Ora capite perché questo cartone è una specie di grande riassunto colorato dell’animazione giapponese anni Novanta? E, pure, della nostra infanzia/adolescenza?

Quindi abbiamo un grande soggetto, dei grandi disegni, delle grandi animazioni e un grande studio di produzione. Sono tutti ingredienti degni e che fanno sì che questo cartone sia così amato, eppure non spiegano ancora a sufficienza perché, a distanza di trent’anni, ancora adesso quando pensiamo all’estate pensiamo, in una certa qual misura, anche a Nadia e a Jean.

Il vero motivo è presto detto: Nadia – Il mistero della pietra azzurra profuma, letteralmente, di lidi tropicali, spiagge assolate e mari caldi del Sud. In fondo da una storia di viaggio, alla ricerca di un grande mistero per l’appunto, tutta ambientata per gli oceani, con una ragazza come Nadia in compagnia di Jean, Marie, il capitano Nemo e l’equipaggio del Nautilus, ci si poteva aspettare questa vibrazioni così tanto estive.

Un cartone che è una vera dichiarazione d’amore all’avventura, alle cose belle della vita e, perché no, a quel pizzico di ignoto che, anche nelle esistenze più monotone, fa capolino dietro l’angolo (ah, non vi abbiamo detto che, quasi in maniera scontata, si parla pure di Atlantide e civiltà perdute qui). Ecco allora perché, quando all’inizio vi abbiamo introdotto i temi principali di Nadia – Il Mistero della pietra azzurra abbiamo citato Hugo Pratt.

Perché se è vero come è vero che il “nostro” Hugo Pratt è stato, e continua a essere, Hayao Miyazaki allora, in senso lato, il “nostro” Corto Maltese è stata Nadia, senza dubbio. E in fondo, quell’azzurro di quel mare lì non l’abbiamo più visto da nessun’altra parte, proprio come i verdi infiniti e immortali dei film dello studio Studio Ghibli.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2019"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2019”. Bag bianca cotone con illustrazione nera di Andrea De Luca.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Roberta Maddalena

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Roberta Maddalena Artist, creativity trainer Roberta Maddalena nasce a Giussano nel 1981.Vive e lavora a Milano. Laureata in Design per la Comunicazione al Politecnico di Milano, si specializza in parallelo all’università in Incisione Calcografica, e successivamente in cultura tipografica e Type Design. Segue studi musicali, specializzandosi in vocalità extraeuropee ed ergonomia vocale, sviluppando profondo interesse per l’etnomusicologia, in particolare per l’Asia, esperienza che la porterà ad avvicinarsi a calligrafia orientale e danza contemporanea. Da questi percorsi nascono nel 2013 le sue performance a inchiostro, esperienze fondate sulla relazione segno-corpo, e disegni e dipinti in cui forme e colori evocano la realtà universalmente percepibile e conosciuta, ma ne svelano l’aspetto più mistico e intimo. Sempre nel 2013, dopo sei anni di attività come illustratrice, nascono progetti di creativity training rivolti a privati e aziende: workshop in cui i partecipanti sono guidati nello sviluppo della propria creatività fuori dal quotidiano, per sviluppare capacità di osservazione e movimento, applicabili nella vita come nella professione. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >