cazzullo starbucks umiliazione
Web
di Gabriele Ferraresi 1 Marzo 2017

Ma davvero Starbucks è un’umiliazione per gli italiani?

“Signora mia, questi caffè che vengono in Italia a rubarci le tazzine, dove andremo a finire…” un crogiuolo di colpi di retorica da maestro e banalità da bar. Quindi la stessa cosa

cazzullo starbucks umiliazione

 

Kipling diceva che “Tra la lucidità e la follia c’è solo una sottile linea rossa“. Anche tra il conservatorismo soft, con quelle venature da piccolo borghesi fuori dal tempo del Corriere della Sera e lo sbraco totale, il titillamento degli istinti leghisti più bassi c’è una sottile linea: è la linea Cazzullo.

Questa Linea Maginot della banalità da bar è stata valicata proprio oggi, in un pezzo di Aldo Cazzullo straordinario, a proposito dell’apertura di Starbucks a Milano. Un intervento che vale la pena di riproporre nei suoi passi salienti, analizzandolo per bene, riga dopo riga.

  • Cari lettori, da giorni sono inondato di messaggi contro le palme di piazza Duomo, quasi tutti negativi. È passata in secondo piano quella che a me pare la vera questione: lo sbarco di Starbucks, che delle palme è sponsor

La mia personale traduzione è questa: “Cari lettori, abbiamo deciso, ho deciso, che le palme in Duomo ci stanno antipatiche: principalmente perché il tema fa traffico online e vendiamo qualche copia in più, come sempre succede quando si soffia sul fuoco del reazionariato più retrivo, ma non è questo l’importante. Non guardate il dito, vi indico io ora la Luna“.

Per i non milanesi o per chi ha cose più importanti da seguire – quindi qualunque cosa, anche quei grumi di capelli e polvere che avete sotto il divano – la multinazionale del caffè Starbucks apre a Milano in centro, pianta qualche palma in un giardinetto, esplode il delirio. Qualche disturbato dà fuoco a una delle palme, sfilano striscioni “No all’africanizzazione di piazza Duomo”, eccetera.

Ma non distraiamoci.

Prosegue Cazzullo

  • In linea di massima sono favorevole alle nuove iniziative, a maggior ragione se creano posti di lavoro. Ma l’apertura in Italia di Starbucks come italiano la considero un’umiliazione.

Attenzione al colpetto retorico iniziale: quel “In linea di massima” è per darci l’abbrìvio, è una mossa da maestro. Tra le righe emerge quindi questa cornice ideologica: “Chi io? Non penserete mica a me come un reazionario: qui siamo al Corriere, mica a Libero” una cornice sconfessata poche battute dopo, con “ma l’apertura in Italia di Starbucks come italiano la considero un’umiliazione”. Eh?

Proviamo a scriverlo in capslock, magari si capisce meglio.

L’APERTURA IN ITALIA DI STARBUCKS COME ITALIANO LA CONSIDERO UN’UMILIAZIONE

Uno dei principali editorialisti e firme del Corriere della Sera ritiene l’apertura di una caffetteria, certo, una grande caffetteria, un locale diverso da come siamo abituati a intendere il bar in Italia – spoiler: a Milano e Firenze esistono da anni locali di quel tipo, alla Starbucks, si chiamano Arnold Coffee – come qualcosa di penoso, che dovrebbe generare vergogna, contrizione, negli italiani, negli italiani veri, quelli pizza, mandolino, mamma, caffè. Ma come mai?

  • Perché Starbucks è il più clamoroso esempio al mondo di Italian Sounding: di prodotti che suonano italiani, ma non lo sono. In tutto il pianeta, a cominciare dalla casa madre americana, il menu è scritto in italiano

And so on, and so on, and so on: per complessivi 927 caratteri spazi inclusi c’è un ammirevole esercizio di cerchiobottismo, con equilibrismi straordinari, degni del funambolo Philippe Petit: del resto non è facile tenere insieme il misoneismo, con una impossibile chiusura – più che una convinta apertura – al mercato, lo slancio renziano/progressista verso il nuovo e la nostalgia del bel tempo che fu quando un caffè costava 1.500 Lire.

Cazzullo è fenomenale nel titillare gli istinti dell’Uomo della Strada, il lettore ideale che di Cazzullo non possiede il capitale culturale e non fa finta che sia un’umiliazione, lo pensa davvero che una caffetteria americana in centro a Milano sia un’offesa al tricolore, all’Italia di “Ah, che bellu ‘ccafe!“, a tutto quello che c’è di buono e sacro.

La passeggiata sul filo va avanti fino alla chiusa, dove arriviamo all’apoteosi.

È uno studiatissimo, perfetto, irripetibile exeunt da bar.

Eccolo

  • Sono però curioso di vedere quanti dei 350 posti di lavoro annunciati a Milano andranno a giovani italiani, e quanti a giovani immigrati.

È un grattino sulla pancia al gattino leghista che è lì, sonnecchia in tanti italiani. Perché sì, signora mia, se anche lavorassero, questi immigrati sarebbe proprio un peccato: prima gli italiani! Anzi prima i loro figli, i giovani italiani di cui scrive Cazzullo, che però pare – a quel che si intuisce tra le righe – non abbiano voglia di fare un cazzo nella vita.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Alessandro Ripane

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Ripane Alessandro Ripane è nato a Genova nel 1989. Ha vissuto e lavorato in Svezia. A causa della mancanza di animali selvaggi nella città di Genova, Alessandro si è comprato molti libri sull’argomento. A causa della mancanza di supereroi nella città di Genova, Alessandro si è comprato un sacco di fumetti a tema. È diventato quindi un esperto in entrambe le categorie, anche se ora disegna un po’ di tutto, tranne gli alieni, perché non è sicuro di come siano vestiti. Ora è impegnato a combattere la caduta dei capelli, a comporre una sofisticata musica del futuro, a imparare come disegnare gli alieni e a guardare tutti i film sui mostri e gli zombi che non ha ancora visto. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
5,00 €

Borsa "La bellezza fa 40"

La borsa ufficiale della mostra "La bellezza fa 40" disegnata da Alessandro Baronciani serigrafata a mano da Corpoc. Bag bianca cotone con illustrazione nera.  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >