dichiarazione sovranità individuale bufala
Web
di Gabriele Ferraresi 12 Ottobre 2016

La dichiarazione di sovranità individuale è una sciocchezza senza senso

Smettere di riconoscere lo Stato e le sue leggi per sottrarci alla sua giurisdizione? Ma figuriamoci: ovviamente è una bufala

regno_gaia  Niente link, ma questo screenshot dà un’idea

 

Eh sì. Perché Gianfranco Funari diceva: “Se uno è stronzo, non je posso dì stupidino – si crea delle illusioni – je devi dì stronzo!“, e allo stesso modo a proposito della dichiarazione di sovranità individuale vale la pena di usare le parole adatte: è una sciocchezza, una bufala senza senso. Senza alcun senso, smettetela ora di crederci.

Forse ne avrete sentito parlare, forse no, se ne legge in giro a da alcuni anni ormai, ogni tanto si vede ancora su Facebook qualcuno che abbocca: ma che cos’è? La dichiarazione di sovranità individuale sarebbe, per l’appunto, una dichiarazione che ci sfila tutti quei lacci e lacciuoli tipici dell’essere cittadini di uno Stato. Massì, basta tasse, basta multe, basta Equitalia! Ognuno sovrano per sé. E via così.

Grazie alla dichiarazione di sovranità individuale infatti potremmo vivere al di fuori del diritto, piantandola una buona volta di riconoscere lo Stato e le sue leggi, e sottraendoci alla sua giurisdizione.

Ma certamente… ovviamente è pieno di siti complottari che spiegano come fare a presentare questa fantasiosa dichiarazione dal nessun effetto pratico, siti che non vi linkerò, li trovate abbastanza facilmente su Google, volendo.

Ma su cosa si basa l’idea che sia possibile “essere sovrani” da soli? Su una serie di dichiarazioni da consegnare, a seconda dei casi e dalla modalità in cui la bufala gira, in Comune, all’anagrafe, da spedire direttamente al Presidente della Repubblica, in cui si afferma di non essere più cittadini italiani, ma, per esempio, cittadini di Gaia – ovvero del pianeta Terra – e si intimano addirittura condizioni al ricevente: come richieste di risarcimento di cifre deliranti in caso non vengano ottemperate le richieste del sedicente sovrano individuale.

Perché farlo, perché in tanti ancora ci cascano? Ma è ovvio: senza girarci intorno con la fantasia tipica dell’universo gentista, il motivo principale è non pagare più tasse e, in caso se ne abbiano, veder svaporare come meduse spiaggiate i propri debiti. In tempo di crisi è ovviamente una bufala che funziona, del resto, a chi non piacerebbe vedere cancellati grazie a un paio di fogli migliaia di euro di debiti?

Spero vi suoni tutto assurdo, come infatti è: il problema è che c’è qualcuno che ci crede davvero.

Nel 2014 in Sardegna c’era stato chi aveva targato – con tanto di tagliando di assicurazione – la propria auto immatricolandola nel “Regno Sovrano di Gaia”, gesto non particolarmente apprezzato dalla Polizia Locale di Sassari che ha sequestrato il mezzo. Leggete la storia completa su La Nuova Sardegna, è veramente straordinaria.

Un amico di Dailybest, Diego Cajelli, aveva scritto tempo fa un post lungo e approfondito e anche un po’ triste, in cui spiegava perché e come mai la bufala della teoria della sovranità individuale non stia in piedi: è ottimo se volete approfondire le radici di questa follia.

Scrive Cajelli che “La teoria-fuffa della Sovranità Individuale nasce all’estero, in ambienti radicali cospirazionisti vicini all’ultradestra antisemita. Arriva da noi circa nel 2013, e da allora, mano a mano che la teoria veniva smontata pezzo dopo pezzo, ha assunto aspetti diversi, evolvendo e adattandosi ai tempi. Oggi ci sono almeno tre gruppi di “pensiero”, in lotta tra loro, che portano avanti gli stessi concetti in modi paralleli. Su tutto l’impianto para-fanta-legale sovranista pesano enormi errori di fondo, errori che anche uno studente bocciato in diritto potrebbe evidenziare in tempo zero (…) Ci sono richiami al NWO, alle Scie Chimiche, al Grande Complotto delle Banche, all’antivaccinismo e gli Illuminati. Tutte queste teorie trovano un terreno fertilissimo in questi tempi di Relativismo Assoluto“.

Bene. Non è mai troppo tardi per smettere di credere a queste insensatezze: cominciate ora.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Luca Zamoc

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Luca Zamoc Luca Zamoc è nato a Modena nel 1986. Sin da piccolo ha trovato ispirazione nei fumetti anni ‘80, nella Bibbia e nell’anatomia umana. Ha frequentato l’Accademia delle Belle Arti di Milano, dove ha conseguito un titolo in Graphic Design & Art Direction. Il suo lavoro abbraccia diversi media, dal digitale ai muri, passando all’inchiostro, carta e fumetto. Negli ultimi anni ha lavorato e vissuto in diverse città quali Milano, Berlino, Londra, Los Angeles, New York e Istanbul. Oggi vive e lavora a Barcellona. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

BEVANDA DEL DESIDERIO "MI AMI Festival 2020"

Lattina ufficiale “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l'uso che preferite. La bevanda che avresti voluto bere.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Locandina de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Locandina numerata e autografata del Film del Concerto di Andrea Laszlo De Simone con l'Immensità Orchestra, in triennale di Milano. L'illustrazione originale della locandina è a cura di Irene Carbone, illustratrice e fumettista torinese con studi alla Scuola Internazionale di Comics, dal 2015 nel duo creativo Irene&Irene e da tempo coinvolta nel progetto Andrea Laszlo De Simone per la realizzazione delle copertine dei dischi "Immensità" ed "Ecce Homo", i video d'animazione "11:43" e "Sparite Tutti", oltre ad aver ideato la creatività della cover digitale di "VIVO". Per “Il Film Del Concerto” ha realizzato a mano un'opera che riconduce al migliore immaginario cinematografico di Federico Fellini. L'opera sarà stampata in pochissime copie in edizione limitata, autografate dagli artisti.  
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": PASSIFLORA, PEPERONCINO, MELANZANA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Passiflora Cerulea La passiflora è avvolgente, come un partner impetuoso, i suoi rami rampicanti circondano qualsiasi supporto possano incontrare. Governata da Venere, è usata negli incantesimi d’amore per dominare la passione. Il suo profumo intenso, infatti si accentua la sera conquistando così ogni tuo senso. Nella simbologia floreale ha virtù protettive, posizionata dinnanzi un ingresso evita intrusione. Peperoncino Peter Pepper Noto per la sua forma fallica, il Peperoncino Peter Pepper vi sorprenderà con il suo carattere deciso, il sapore aromatico e un grado di piccantezza adatto anche ai palati più delicati. L’attitudine erotica esplode in una rapida fioritura bianca per dare poi presto spazio ai suoi frutti. Adatto alla coltivazione in balcone, nella tradizione popolare è infatti una pianta da possedere per realizzare rituali di seduzione. Melanzana Bellezza Lunga Dimenticati della classica emoji perchè quello che stai per piantare è una “bellezza lunga”. La Melanzana contenente nel tuo kit avrà un aspetto fiero della sua struttura: eretta, alta almeno 30 cm, con frutti polposi e pronti per essere gustati in estate. Come ogni spasimante che si rispetti, prima di donarsi al tuo palato ti porterà in dono dei fiori. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Monica Bellucci Serigrafia di Checko's art

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Checko's art Nato nel 1977 a Lecce. Uno degli esponenti della Street Art italiana. Il suo percorso artistico ha inizio a Milano nel 1995 come writer. Attualmente abita al 167B «STREET», uno spazio fisico dedicato all’arte che, partendo dalla periferia (la 167B di Lecce, noto quartiere popolare), si propone come centro espositivo in continua mutazione. I suoi lavori si basano prettamente su murales, realizzati negli spazi pubblici, non solo con intento di riqualificare le zone grigie, ma per comunicare con le nuove generazioni. Ha partecipato a numerose mostre d’arte e contest collettivi in Italia e all’estero. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >