Web
di Giulio Pons 10 Gennaio 2021

Google Photos a pagamento da giugno 2021?

Google Photo non è più gratis?! Un momento! Google cambia le regole per il suo servizio di storage di foto nel cloud e ahimè non è più come prima.

Da Giugno 2021 Google cambierà le regole di utilizzo del servizio Google Photos. Ormai la società americana si trova a gestire miliardi di nuove immagini ogni giorno e anche per Google iniziano ad essere troppe, così dopo averci dato per anni tutto gratis, ora vuole essere pagata.

Questa faccenda di abituarci al gratis per anni e poi farci pagare ci coglie ancora alla sprovvista. Siamo stupidi, insomma la faccenda che “se il servizio è gratis, il prodotto sei tu” dovremmo averla capita no? Certo, è che ci piace essere il prodotto.

Comunque, dato che ho trasferito negli anni tutto il mio archivio di migliaia di immagini su Google Photos e dato che leggendo online diversi articoli sul da farsi non ne sono uscito con le idee chiare, sono andato a leggere il post sul blog di Google, che è la migliore fonte a proposito.

Non si paga per le foto già caricate su Google Photos

Ho piacevolmente scoperto che se hai caricato migliaia di foto su Google Photos non sei proprio spacciato: chi ha caricato le proprie foto ad alta qualità (con l’opzione spazio gratuito illimitato) non dovrà mettersi a fare pulizia tra le foto, perché non inizierà a pagare per le foto già caricate. Tutto le foto caricate in questo modo fino al momento dello switch di giugno resteranno lì dove sono, senza pagare. E questo è un bel respiro di sollievo.

Il problema è però il futuro, perché questi telefonini generano giga e giga di dati che una volta te li sognavi e ora, dopo anni di gratuità in cui ti sei abituato ad essere felicemente tu il prodotto, beh ora devi invece pensare a come gestirli e ritornare cliente.

Si pagherà Google Photo per le nuove foto dopo il giugno 2021

Tutte le nuove foto, infatti, andranno a finire (compresse ad alta qualità o col file originale) nel conteggio dello spazio che Google fornisce con i suoi servizi. Quindi fino a 15 GB sarà gratis (compresi i file di Google Drive e la posta), oltre questa soglia si dovrà iniziare a pagare.

Chi carica le immagini a qualità originale, senza compressione, andrà avanti a fare come già sta facendo, cioè fino a 15GB è gratis e poi paga. Se si possiede un telefonino Google Pixel, invece, si avrà invece l’upload illimitato ma ad alta qualità (non più a qualità originale come è stato fino adesso).

Appurato che:

  1. le vecchie foto caricare in alta qualità non saranno toccate e non dovremo pagare per tenerle lì;
  2. per le nuove foto si dovrà pagare perché 15GB non ci basteranno mai;

resta da capire quanto occupano le mie foto gratis su Google Photos? Cioè, più correttamente, quanti GB di foto produco all’anno? Perché questo dato è fondamentale per capire che servizio scegliere per il futuro.

Per rispondere a questa domanda c’è un link di Google:

Se però avete un account aziendale, invece, la cosa è più complicata e dovete passare per un servizio che si chiama Google Takeout che serve a scaricare i propri file caricati nei servizi Google. Con Google Takeout si può quindi procedere ad un download di tutte le foto caricate su Google Photos, così ne avrete anche un backup.

Quanto costa lo storage su Google Photos?

Google Photo (gratis fino a 15GB) costa 2 euro al mese fino a 100GB, 10 euro al mese fino ad 1 tera, 20 euro per 2 tera. Se il prezzo ci sembra troppo alto non resterà che ritornare ai backup su hard disk, ma vuoi mettere la comodità attuale del cloud?

 

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Serigrafia Unicorno

Il bellissimo unicorno tutto righe di Andrea Minini  è una serigrafia ad 1 colore, di dimensioni 50x70 cm
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE BIANCA

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W bianca, con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Giò Pistone

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Giò Pistone Gio Pistone è nata a Roma. La scelta dei soggetti, spesso figure di fantasia tendenti al mostruoso, caratterizzati da colori molto forti, nasce prestissimo a seguito di incubi notturni. Disegnarli il mattino seguente fu un’idea della madre per affrontare la paura. Presto gli incubi si sono trasformati in vere e proprie visioni da cui ancora oggi attinge. Si è appassionata alla scenografia di teatro dove ha continuato ad approfondire i suoi sogni e il suo innato amore per il grande. In seguito ha lavorato e viaggiato con La Sindrome Del Topo, un gruppo di creatori di strutture di gioco e sogno, con cui si occupava di disegnare, costruire e progettare giostre e labirinti. Ha cominciato a lavorare in strada nel ‘98 attaccando in giro per Roma i suoi disegni fotocopiati. Ha collaborato con varie realtà italiane e internazionali. Ha partecipato a mostre in tutta Europa in particolare presso il Museo MADRE di Napoli, l’Auditorium di Roma, il Museo Macro di Roma e partecipato ad eventi di Street Art quali «Scala Mercalli», «Pop up», «Subsidenze», «Visione Periferica», «Alterazioni», «M.U.Ro». Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >