La prima pagina di Libero di oggi
Web
di Gabriele Ferraresi 31 Maggio 2016

La prima pagina di Libero di oggi è orrenda e sbagliata

No, le ragazze non si “arrostiscono”: il quotidiano diretto da Vittorio Feltri sull’omicidio di Sara Di Pietrantonio

prima pagina libero arrostiscono  La prima pagina di Libero di oggi

 

Mi stupisco del mio stupore quando mi casca l’occhio su qualche prima pagina di Libero: dovrei essere abituato da una decina d’anni ormai a certe bassezze per vendere una copia in più, ricordarmi che i titoli servono per venderli i giornali, che “Chi vusa püsé la vaca l’è sua!” ovvero che chi urla di più ha ragione, che “parlare alla pancia” dei lettori per certi quotidiani è normale, nel senso che rivolgersi alle parti meno nobili del loro intestino, è normale. Invece, invece no.

Invece è fantastico rinnovare lo sbigottimento a ogni acrobazia lessicale che trovo su Libero. E così, mi stupisco di nuovo. Il quotidiano fondato da Vittorio Feltri nel 2000 – e di nuovo da lui diretto dal maggio di quest’anno – riesce sempre a disorientarmi con nuove e straordinarie soglie di meschinità, come oggi.

Leggo sulla prima pagina di Libero, infatti “Mentre i politici discutono di elezioni – Venezia occupata dagli abusivi – Milano allagata dalla pioggia – Roma sommersa dai rifiuti” e poi il tocco finale in un sommario “E per gradire nella capitale arrostiscono una ragazza di 22 anni“.

Il titolo di oggi, con quel “tanto per gradire” con quel “arrostiscono” riferito a una ragazza di 22 anni assassinata a Roma, è davvero un po’ troppo. È la carne animale che si arrostisce a fuoco vivo alla griglia, allo spiedo, ricorda la Treccani: inserendo il termine, coerentemente, nella sfera semantica del cibo. Si parla di caldarroste, di pesce, di pane, anche di una piacevole abitudine, quella, di “arrostirsi” al sole, e “star lungamente esposto al sole cocentechiosa l’enciclopedia.

Ma qual è la storia che la redazione di Libero sintetizza in maniera tanto colorita? Vincenzo Paduano, guardia giurata di 27 anni, ha dato fuoco alla ex fidanzata Sara Di Pietrantonio, 22 anni. Il cadavere di lei è stato ritrovato all’alba di domenica a Roma, in via della Magliana. Una storia atroce di gelosia, di possesso malato, in cui c’è un assassino e c’è una vittima.

La riassume benissimo il Corriere della SeraPaduano entra nei dettagli. «Quando è scappata ho deciso di rincorrerla. Eravamo vicinissimi. Poi non so bene che cosa è successo. Mi sono acceso una sigaretta e lei ha preso fuoco». È l’ennesima bugia. Sarà l’autopsia a dire se l’abbia immobilizzata e strangolata, o semplicemente tenuta ferma mentre avvicinava la fiamma ai suoi vestiti inzuppati di alcol (…) «A quel punto che potevo fare?». È l’orrore. Va via mentre lei è ancora viva e si dibatte tra le fiamme. Torna verso la sua auto, fa velocemente retromarcia e sparisce. Sara muore tra atroci sofferenze, neanche mezz’ora dopo lui è al lavoro nella guardiola del palazzo“. Ecco.

Forse quella di oggi, quella di “E per gradire nella capitale arrostiscono una ragazza di 22 anni” è una vetta verso il basso a livello di “Bastardi Islamici”, dopo gli attentati di Parigi?

 

o-LIBERO-QUOTIDIANO-facebook

 

O della vignetta di Benny con Berlusconi-tappo-di-champagne che vola verso il centro delle terga di mortadella di Romano Prodi? Macché, magari. È molto, molto peggio.

 

prima pagina libero

 

Perché è peggio? Vediamo. Perché se fossi islamico, che so, sarei vivo, una letterina di protesta potrei scriverla, se fossi Romano Prodi potrei valutare come meglio credo se e come rispondere a una vignetta, e di sicuro lascerei perdere. Se invece fossi una ragazza morta semicarbonizzata, purtroppo non potrei proprio rispondere. Magari i miei genitori ci finirebbero sopra a quella prima pagina, loro, i miei amici, e chissà, chissà come ci resteranno. Ma questa non deve essere stata una grande fonte di preoccupazione per la redazione di Libero.

Uno dice: è morta tua figlia e stai a preoccuparti dei titoli dei giornali? Risposta: forse no, ma forse non sono io a dovermi preoccupare, dovrebbe essere chi li scrive quei titoli, ad avere un minimo barlume di pietà. Invece no.

Uno dice: che ci puoi fare? È Libero, è la libertà di stampa, di poterci esprimere tutti come meglio crediamo, ed è giusto. Lamentarsi di Libero è un po’ come lamentarsi dell’acqua umida, del sole che sorge, dell’inverno che è freddo. Però ogni tanto, ogni tanto, salta fuori qualcosa che riesce a stupirmi, proprio per il punto di bassezza che riesce a raggiungere. E quella prima pagina, Libero, fa proprio schifo. È solo la mia opinione, per carità, ma fa schifo.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di StencilNoire

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari StencilNoire StencilNoire, classe ’75, vive e opera in un paesino del sud Italia, Massafra, dove le problematiche socio-culturali danno spunto quotidiano alle sue opere. Veterano dell’uso del colore, sin da bambino ha fatto dell’arte la sua più grande passione, sperimentando tutte le tecniche artistiche, dai colori a olio, al carboncino, all’aerografo, approdando, nel ’95, nella cultura dello stencil e dello sticker. Ha partecipato a numerosi eventi, sia a livello personale, che col gruppo «South Italy Street Art», del quale è co-fondatore. Fra gli ultimi eventi si annoverano le partecipazioni allo Jonio Jazz Festival, svoltosi a Faggiano (TA), al Calafrika music Festival svoltosi a Pianopoli (CZ), e a Residence Artistic in Country Secret Zone, un esperimento artistico di Street Art chiamato «Torrent 14» organizzato da Biodpi in collaborazione con Ortika, svoltosi a Sant’Agata de’Goti. Vincitore della giuria artisti del 1° Concorso Internazionale d’Arte su Vinile, organizzato dall’associazione Artwo in collaborazione con Ortika Street Art Lovers, dedicato a Domenico Modugno, in occasione dei 20 anni della sua scomparsa. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione completa del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.  
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Moneyless

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Moneyless Nato a Milano nel 1980 Teo Pirisi aka Moneyless. Per anni ha ricercato e investigato i diversi aspetti delle forme e degli spazi geometrici come artista visivo. Dopo essersi diplomato all’Accademia d’Arte di Carrara (corso multimedia), Teo ha frequentato un corso di Design della Comunicazione all’Isia di Firenze. Contemporaneamente sviluppa una carriera artistica che lo porta ad esibire i suoi lavori in spazi pubblici e luoghi abbandonati.Teo è anche graphic designer e illustratore freelance; negli ultimi anni ha partecipato a diverse esibizioni collettive e personali in Italia e nel mondo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

KIT DEL SINGLE "MI AMI Festival 2020"

KIT DEL SINGLE “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia due lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

KIT SEMI "MI AMI Festival 2020": MIMOSA, PISELLO, SALVIA

Kit semi misti “MI AMI Festival 2020”, grafica disegnata da Alkanoids. Il desiderio che avresti voluto piantare. Il kit ufficiale contiene: Mimosa Pudica Denominata anche la Sensitiva, la Mimosa Pudica è così casta che basta sfiorarla per innescare una timida reazione nei suoi rami. Al minimo tocco, infatti, le foglie si ripiegano su se stesse, mentre il picciolo si abbassa, creando un danzante movimento con i suoi leggeri fiori rotondi. Oltre a fuggire da incontri hot con oggetti e persone, questo comportamento la caratterizza nelle ore notturne, evitando così incontri ravvicinati. Pisello Viola Désirée Il Pisello Viola è un varietà molto antica, dall’aspetto affascinante per il suo insolito colore, al suo interno, invece, conserva la sua tipica tinta verde. Come ogni varietà è un simbolo -oltre fallico- lunare, nei sogni infatti è sinonimo di fecondità. Molto apprezzato per il suo sapore delicato è l’ideale per zuppe e principesse dal gusto raffinato e desiderose di riposare su un raro ortaggio. Salvia Rossa Famosa per essere utilizzata da Cleopatra come afrodisiaco, la Salvia è una pianta carica di proprietà. Oltre ad accendere la libido negli amanti, è portatrice di sogni profetici, piacere fisico e fertilità. La forma e l’aspetto rugoso del fogliame le donano la nomina di lingua vegetale, per gli animi più romantici la Salvia Splendens, o Rossa, ricorda la sagoma di un cuore. Contiene desiderio, come è giusto che sia fatene l’uso che preferite. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Marino Neri

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Marino Neri Marino Neri è fumettista e illustratore. I suoi libri a fumetti sono Il Re dei Fiumi (Kappa Edizioni, 2008) e La Coda del Lupo (Canicola, 2011), tradotti e pubblicati anche in differenti lingue e paesi. I suoi disegni sono apparsi su riviste nazionali e internazionali e ha partecipato a diverse esposizioni collettive e personali in tutta Europa. Nel 2012 il Napoli Comicon e il Centro Fumetto Andrea Pazienza gli assegnano il Premio Nuove Strade come miglior talento emergente. È attualmente al lavoro sul suo nuovo libro a fumetti Cosmo. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >