Web
di Elisabetta Limone 2 Novembre 2020

Questo sarà ricordato come il secolo dei social network

Nati, in realtà, tutti nell’ultimo decennio e oggi protagonisti indiscussi della quotidianità. E del mondo. Facebook, Instagram, Whatsapp, Snapchat, Twitter, hanno letteralmente cambiato la percezione del reale, i modi di interagire, le relazioni, le abitudini. Ed hanno conquistato anche e soprattutto porzioni importanti di business online: dalla comunicazione alla creazione di lavori che dieci anni fa, senza social, erano impensabili e difatti non esistevano. Tutto è social, tutto è influenzato dalle dinamiche delle reti senza confini. “Una rivoluzione culturale e interconnessa – commentano gli esperti di GamingInsidercapace di mutare il ruolo dell’essere umano nel mondo”.

Intanto, le ultime, parlano dell’esplosione dei social connessi al mondo del gioco. Gli MMO, a questo punto, hanno preso il posto che prima spettava ad altri dispositivi. Si tratta dei Massive Multiplayer Online, ovverosia i giochi in community che si giocano via web. Tra questi spiccano senza dubbio Fortnite (350 milioni di utenti connessi allo stesso tempo), Warzone (della celebre saga di Call of Duty), un titolo online da oltre cinquanta milioni di utenti in meno di un mese a cavallo di marzo ed aprile. Perché giochi e social vanno così d’accordo? E dove possono ancora arrivare?

Prospettive future

Di questi passi, entro un altro decennio, tutte le persone potranno essere socializzate nei mondi virtuali creati dai videogiochi su piattaforme come Instagram, Twitter e il nuovo, quanto quotato, TikTok. Divertirsi giocando in comunità con amici e conoscenti, una cosa oggi a portata di mano e destinata a diventare ancora più semplice e comune. Gli eventi all’interno dei virtual worlds sono destinati a crescere in popolarità. Non è un caso che più di 12,3 milioni di persone abbiano preso parte ad un concerto su Fortnite con Travis Scott. Intanto l’industria tutta cresce. In un anno, lo scorso, ben 2,5 miliardi di persone si sono ritrovate nella categoria dei gamer, con un mercato che ha toccato 159,3 miliardi di euro. Negli USA il settore cresce più di tutti: nel 2019 +9,3%.  Tutti i target hanno visto una crescita significativa. Intanto emerge con tutta chiarezza che socializzare nei videogiochi, ormai, è un presupposto.

I social nei videogiochi

L’aspetto fondamentale dei giochi online, oggi, è quello della socializzazione. Se prima il giocatore era il lupo solitario e senza una vita, oggi ha assunto un vero e proprio ruolo sociale oltre che lavorativo” – sottolineano ancora da Gaminginsider. Parole confermate dal fatto che i giocatori oggi interagiscono, condividono un codice di condotta comune, allestiscono team per sfide o eventuali battaglie e spesso rompono lo schermo creando occasioni di dialogo e conversazioni più approfonditi. Va da sé che i principali social network abbiano deciso di integrare le proprie funzioni in maniera più approfondita. In questo senso va il progetto Facebook Gaming. Videogiochi sempre più virali, per motivi tecnici e culturali ovviamente. Oggi come oggi le maggiori innovazioni hardware e software permettono di pensare in grande, le nuove tecnologie fanno il resto e soprattutto migliorano anno dopo anno. Entrano in gioco poi aspetti culturali: i Millennials, soprattutto, risultano essere maggiormente in confidenza con le virtual room e più in generale con il concetto di “rete”. Ancora: la ormai ovunque diffusa rete internet consente connessioni rapidi e veloci ad un numero sempre più crescente di utenti. Infine, quantomeno nell’ultimo anno, il Covid-19 e le varie quarantene hanno dato spinte ulteriori, finanche insperate al settore. E le stime, per il futuro, parlano di vero e proprio boom. Per una moda che no, stavolta non passerà. Ed anzi andrà sempre più evolvendosi.

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di CT

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari CT L’opera di CT affonda le sue radici nella cultura del Writing. Dalle prime sperimentazioni, influenzate dagli stili più classici dei graffiti, è passato in modo progressivo ad una ricerca minuziosa capace di cogliere ed evidenziare i cambiamenti del paesaggio urbano. Le fascinazioni ricevute dai graffiti sono tuttavia presenti nelle fasi di questo processo: il soggetto-oggetto della sua analisi, le tecniche utilizzate ed in parte i luoghi scelti per i suoi interventi. L’interesse per il lettering si è quindi trasformato in espediente per lo studio della forma fino ad approdare, oggi, ad una ricerca più ampia relativa allo spazio e alle dinamiche contemporanee. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Martina Merlini

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Martina Merlini Martina Merlini, artista visiva bolognese, classe 1986, vive e lavora a Milano. Il percorso artistico di Martina Merlini si snoda multiformemente nel solco dell’esplorazione, coinvolgendo una pluralità di tecniche, materiali e supporti che convergono nella ricerca di un equilibrio formale delicatamente costruito sull’armonia di elementi astratti e geometrici. Attiva dal 2009, ha esposto in numerose gallerie europee e americane. Dal 2010 al 2013, insieme a Tellas, intraprende il progetto installativo Asylum, che viene presentato a Palermo, Bologna, Milano e Foligno. Nell’estate del 2012 viene invitata a partecipare a Living Walls, primo festival di Street Art al femminile, ad Atlanta. Nel dicembre 2013 inaugura la sua seconda personale, «Wax» all’interno degli spazi di Elastico, Bologna, dove indaga l’utilizzo della cera come medium principale del suo lavoro, ricerca approfondita nella sua prima personale americana, «Starch, Wax, Paper & Wood», presso White Walls & Shooting Gallery, San Francisco. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40  
35,00 €

Inés Sastre Serigrafia di Alessandro Baronciani

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Alessandro Baronciani Alessandro Baronciani vive a Pesaro e lavora a Milano come Art Director, grafico e illustratore. Ha lavorato per diverse agenzie pubblicitarie come direttore di campagne a cartoni animati. Le sue illustrazioni sono state stampate per molti brand come Martini, Coca Cola, Bacardi, Nestlè, Audi, Poste Italiane e Vodafone. Lavora per libri per bambini pubblicati da Mondadori, Feltrinelli e Rizzoli, quest’ultima ha anche pubblicato il suo primo libro, Mi ricci!, completamente pensato, scritto e illustrato da lui. Alessandro disegna fumetti. Ha pubblicato 3 libri di fumetti intitolati Una storia a fumetti, Quando tutto diventò blu e Le ragazze dello studio Munari. Per molti anni ha disegnato e pubblicato i suoi fumetti da solo, come un esperimento fai-da-te mai provato prima in Italia: i suoi fumetti venivano spediti in abbonamento e gli abbonati diventano parte delle storie che disegnava. Suona inoltre la chitarra e canta nella punk band di culto Altro. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
10,00 €

Maglietta Amarti mi affatica

100% cotone Maglietta bianca Serigrafia con scritta "Amarti m'affatica".
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
7,00 €

T-SHIRT "MI AMI Festival 2020"

T-shirt ufficiale  “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids, sul retro lineup artisti. 100% cotone con illustrazione multicolor, disponibile nella variante colore bianca o viola. La t-shirt che avresti voluto indossare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

MAGLIETTA MI AMI 2019 CUORE GRIGIO CHIARO

Maglietta t-shirt American Apparel N2001W new silver (Grigio Chiaro), con illustrazione "Cuore" del MI AMI FESTIVAL 2019 di Andrea De Luca davanti e lineup artisti dietro.
28,00 €

KIT "MI AMI Festival 2020"

KIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper un kit semi misti a scelta una lattina bevanda del desiderio Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >