videogame un divertimento non solo per i fanatici della tecnologia
Web
di Elisabetta Limone 2 Dicembre 2021

Videogame, un divertimento non solo per i fanatici della tecnologia

Quando sono apparsi per la prima volta, i videogiochi erano molto diversi da come sono ora. Oltre ai programmi di gioco estremamente “basic”, erano gli stessi computer e dispositivi a fare un’enorme differenza. Per intenderci, i primi giochi venivano utilizzati su computer enormi: non ci stupisce quindi che a utilizzarli fosse unicamente qualche appassionato di tecnologia. Parliamo infatti degli anni ’50-’60: in pratica gli albori del mondo della tecnologia così come la intendiamo oggi. Uno dei primi videogiochi venne infatti creato da un professore dell’Università di Cambridge per una dissertazione tecnica: il divertimento era probabilmente un aspetto secondario!

Sono passati diversi anni e il mondo dei videogiochi è stato letteralmente stravolto nella tecnologia che lo supporta. A rigor di logica questo avrebbe dovuto comportare un coinvolgimento solo da parte di persone appassionate di PC e informatica, ma così non è stato. Oggi abbiamo modalità di gioco veramente futuristiche, in grado di riprodurre una realtà virtuale, ma allo stesso tempo si è ampliata in maniera vertiginosa il numero di persone che gioca ai videogame, e ci riferiamo anche alla fascia d’età, molto più ampia rispetto a quella tipicamente giovane degli anni ’80-’90.

Complice di questa trasformazione nell’utilizzo dei videogame c’è anche l’applicazione di dinamiche molto simili in altri settori comunicanti, che in qualche modo integrano il mondo del gioco. Basta andare su siti che offrono un’ampia scelta di giochi online per avere accesso a infinite tipologie di giochi selezionati in base alla qualità dei software e dei bonus offerti. La differenza principale che rimane tra i due mondi è essenzialmente legata alle possibilità di vincita.

videogame un divertimento non solo per i fanatici della tecnologia

L’espansione dei videogiochi in Italia (e non solo)

Pandemia o meno, i videogiochi piacciono sempre di più e non sembra che questo cambiamento sia destinato a diminuire con la ripresa della normale socialità. Da cosa dipende questa democratizzazione dei videogiochi, destinati inizialmente ai cervelloni dei PC? Beh, sicuramente è la tecnologia stessa che ha fatto la differenza ed è diventata più immersiva, per usare un termine che risente proprio della definizione inglese. La grafica, ad esempio, e il sound rendono questo tipo di divertimento molto più coinvolgente per tutti, perché più dinamico e adatto anche ai non addetti ai lavori.

Ma c’è un altro aspetto molto importante e che tocca un punto di contatto con i social network: la possibilità di giocare con altre persone. Se fino a qualche anno fa il videogioco era l’emblema del divertimento in solitudine, in cui dall’altra parte c’era solo lo schermo, oggi le partite si giocano insieme ad altri giocatori, sia online che in presenza a seconda della configurazione del gioco. E – udite udite! – non manca nemmeno chi ha deciso di organizzare il primo appuntamento con una persona appassionata di videogiochi proprio a una partita: per rompere il ghiaccio più facilmente, trovare argomenti di conversazione e allo stesso tempo divertirsi. Senza spendere un capitale!

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

70,00 €

KIT DELL'AMORE "MI AMI Festival 2020"

KIT DELL'AMORE “MI AMI Festival 2020” Contiene: due t-shirt due shopper quattro kit semi: due kit passiflora, peperoncino, melanzana e due kit mimosa, pisello, salvia quattro lattine bevanda del desiderio Il kit che avresti amato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.  
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
17,00 €

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020”

KIT OUTFIT “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Maglietta "La bellezza fa 40"

100% cotone Maglietta bianca Gildan Heavy Cotton Illustrazione di Alessandro Baronciani per la mostra "La bellezza fa 40" Serigrafata a mano da Corpoc.
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di VitoManoloRoma

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari VitoManoloRoma Attualmente vive a Milano e lavora come freelance in qualità di grafico, illustratore, animatore e fumettista. Si forma presso il Liceo Artistico statale di Busto Arsizio, poi la compagnia di teatro sperimentale Radicetimbrica e termina gli studi al Politecnico di Milano dove si avvicina al Graphic Design. Durante i primi anni di professione come progettista e illustratore in alcuni studi di grafica milanesi, continua a disegnare e partecipa a mostre collettive di illustratori, fra le quali «Spaziosenzatitolo» (Roma), «Doppiosenso» (Beirut) e «Manifesta» (Milano). Con il collettivo di satira a fumetti L’antitempo fonda l’omonima rivista con la quale vince il Premio Satira 2013 come miglior realtà editoriale italiana. Appassionato di musica africana, afroamericana e jamaicana, colleziona vinili che seleziona con i collettivi Bigshot! e Soulfinger nei locali neri e non di Milano. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
25,00 €

Maglietta de "Il Film del Concerto" di Andrea Laszlo De Simone

Maglietta in edizione limitata per il concerto di Andrea Laszlo De Simone.  
15,00 €

Maglietta Better Days calligrafica

100% cotone Modello unisex Serigrafia con scritta "Better Days" creata da calligrafo Bizantino Perché c'è sempre bisogno di giorni migliori
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Ester Grossi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Ester Grossi Nata ad Avezzano (AQ) nel 1981. Diplomata in Moda, Design e Arredamento presso l’Istituto d’Arte Vincenzo Bellisario, nel 2008 ha conseguito la laurea specialistica in Cinema, Televisione e Produzione Multimediale presso il DAMS di Bologna. Si dedica da anni alla pittura e ha all’attivo diverse mostre in Italia e all’estero; è vincitrice del Premio Italian Factory 2010 e finalista del Premio Cairo 2012. Nel 2011 è stata invitata alla 54° Biennale di Venezia (Padiglione Abruzzo). Come illustratrice ha realizzato manifesti per festival di cinema e musica (Imaginaria Film Festival, MIAMI, Teatro Lirico Sperimentale di Spoleto) e cover per album di band musicali (A Classic Education, LIFE&LIMB). Collabora frequentemente con musicisti per la realizzazione di mostre e installazioni pittoriche-sonore. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >