Web
di Simone Stefanini 11 Febbraio 2016

Sanremo da ridere, tutti i siti da seguire per divertirti mentre guardi il Festival

Se vi annoiate davanti la tv, ci sono blog, pagine e gruppi d’ascolto privati coi quali potreste morire dal ridere

ghjsuuayyeeetggbshnmaao via - Carlo Conti e Gabriel Garko, compagni di merende

 

C’è stato un tempo in cui il Festival di Sanremo veniva guardato in famiglia e chiedeva l’attenzione totale di tutte le generazioni, dai nonni ai nipoti, ognuno coi suoi perché. In un secondo momento sono accadute due cose simultanee: i nipoti si sono emancipati e il Festival è scaduto di qualità. Questo ha portato a edizioni molto sottotono, tipo quella presentata da Simona Ventura (2004) o quella di Panariello (2006), per poi riprendersi con i vari Fazio, Morandi e Carlo Conti che coi suoi numeri vince sempre tutto.

 

12744533_589975291171947_8993608131697545071_n via

 

Il suo è un Sanremo democristiano, cerchiobottista, che se parla di unioni civili ci tiene a dire che alcuni cantanti hanno aderito alla campagna ma (tirando un sospiro di sollievo) altri no. Che vuol strappare un sorriso evidenziando le sue lacune nella lingua inglese e che, anche quando presenta i momenti più emozionanti, sembra senz’anima, programmato per vincere senza fatica. Specchio di un paese reale che ama la tradizione e che lo segue ogni sera con più di 10 milioni di persone davanti la tv.

Sì perché tutti amano Sanremo, anche chi ama parlarne male. Tra di loro infatti si cela una percentuale crescente di persone che non si perdono una sola puntata seguendo, secondo le parole di Battiato, “il piacere di stare insieme solo per criticare”.

Il look, le stecche, la camminata, gli errori, la noia, la canzone brutta, l’ospite soporifero, la gag che non fa ridere. Tutti in attesa dello sbaglio che animi le serate, che in questi giorni sono state abbastanza soporifere a dire il vero. Non è passata Cecile con N.E.G.R.A., Morgan è a rischio eliminazione, gli Zero Assoluto funzionano meglio dello Xanax e via dicendo. 

 

12733566_10209082637530072_2881985070780724129_n via

 

E allora per farsi due risate, per avere un punto di vista diverso della situazione o semplicemente per sfogarsi, dove dobbiamo andare?

Innanzitutto su Twitter, seguendo l’hashtag #Sanremo2016 si trova un po’ di tutto, dagli articoli dei quotidiani e dei siti più influenti alle opinioni di chi vuol dire la propria fuori dal coro.

 

Schermata 2016-02-11 alle 15.28.47 via

 

Tra i tweet più caustici, quelli di Spinoza, uno tra i blog di satira più apprezzati d’Italia. A volte tira un po’ troppo la corda, fortunatamente però c’è chi sta al gioco, come è successo ieri col tweet di risposta di Ezio Bosso.

 

boszo via

 

Volete leggere commenti solo attraverso le gif? Seguite Trashitaliano.it e sparatele nell’etere, saranno tutti orgogliosi di voi.

 

tumblr_o2ayj6Rwu01s7ub96o1_400 via

 

Nel caso vogliate sentire il commento degli eminenti giornalisti Assante e Castaldo di Repubblica, hanno un blog in cui sparano a zero su tutto, inflessibili. Non è vero, i loro commenti sono fin troppo pacati, forse per allinearsi alla direzione del Festival. Che ridere.

Schermata 2016-02-11 alle 15.38.14

Se siete amanti assoluti del trash e seguite il Festival solo per quello, la pagina Facebook E.U.T. (Europa Unita nel Trash) è il luogo giusto in cui postare e leggere articoli in tempo reale, di solito su outfit o canzoni particolarmente orribili del Festival e per fare commenti sagaci.

 

euttr via

 

Se invece siete gggiovani (con 8 g) e volete sentire solo il parere di quelli come voi, potreste dare un’occhiata alle pagelle under 25 di TvZoom

 

Schermata 2016-02-11 alle 15.50.58 via

Una pagina umoristica sul Festival è Fiumi di Sanremo, in cui gli admin postano commenti, meme e foto in tempo reale

 

Se si arrabbia Baby George ti disprezza, invade anche le Liguria.#fiumidisanremo

Posted by Fiumi di Sanremo on Wednesday, February 10, 2016

 

Anche Sanremo è Sanremo è una pagina aperta al pubblico in cui esprimere sagacia e dissenso.

Schermata 2016-02-11 alle 15.56.22 via

 

Infine ci sono i gruppi d’ascolto privati. Quelli in cui ogni nefandezza è lecita. Offese personali, commenti politicamente scorretti, fotomontaggi barely legal e post in tempo reale a velocità supersonica.

Possono partecipare tutti, previa richiesta d’ammissione e una volta dentro, l’Inferno. Uno su tutti, Trashpotting, grandi disastri televisivi.

Schermata 2016-02-11 alle 16.02.28 via

COSA NE PENSI? (Sii gentile)

DAL NOSTRO SHOP

25,00 €

KIT GARDENER "MI AMI Festival 2020"

Kit GARDENER “MI AMI Festival 2020” Contiene: una t-shirt una shopper due kit semi: un kit passiflora, peperoncino, melanzana e un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

SHOPPER "MI AMI Festival 2020"

Shopper ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Bag bianca cotone con illustrazione multicolor. La shopper che avresti voluto acquistare. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
15,00 €

Giulia Bersani - lucciole

  Giulia Bersani, fotografa. Classe 1992, vive a Milano. Fotografie scattate al MI AMI festival 2016 Formato: 21x15 cm Numero Pagine: 48 (+4 copertina) Edizione limitata 100 copie numerate, titolate e firmate dall'autore "Mi piace osservare come musica e buio tirino fuori il lato più istintivo delle persone. Si perde un pò di autocontrollo e ci si lascia guidare dalle proprie emozioni. Io mi sono lasciata libera di inseguire quello che istintivamente mi attraeva, così ho trovato baci, voglia di vivere e colori." (Giulia Bersani)  
35,00 €

Senza Titolo Serigrafia di Thomas Raimondi

Serigrafia a due colori, dimensioni 20×30 cm Edizione limitata di 40 esemplari Thomas Raimondi Nato a Legnano (MI) il 17 Maggio 1981. Laureato al Politecnico di Milano in Design della Comunicazione. Graphic e visual designer freelance attivo nella scena underground con numerose pubblicazioni (Luciver Edition, Faesthetic, Belio, Le Dernier Cri, Laurence King.) e mostre in Italia e all’estero. Le ultime personali «Burn Your House Down» nel 2013 presso la galleria Kalpany Artspace di Milano (Circuito Rojo) e la residenza d’artista per Alterazioni Festival 2014, Arcidosso (GR) con l’istallazione site-specific «Inside/Outside». Lavora e ha lavorato per diverse realtà nazionali ed internazionali come VICE, Rolling Stone Magazine, Rockit, Mondadori, Men’s Health, Salomon, Motorpsycho, T-Post e molte altre. Nel 2008 ha ricoperto il ruolo di docente d’illustrazione presso l’accademia NABA di Milano continuando, a oggi, a collaborare con regolarità. Tratto dal catalogo della mostra La bellezza fa 40
5,00 €

Borsa "MI AMI Festival 2017"

La borsa ufficiale del “MI AMI Festival 2017” disegnata da Viola Niccolai serigrafata a mano da Legno. Bag bianca cotone con illustrazione rosa.
10,00 €

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020”

KIT GARDENING “MI AMI Festival 2020” Contiene: una shopper un kit passiflora, peperoncino, melanzana un kit mimosa, pisello, salvia Il kit che avresti desiderato.  Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
5,00 €

MANIFESTO "MI AMI Festival 2020"

MANIFESTO ufficiale “MI AMI Festival 2020” grafica disegnata da Alkanoids. Gli ordini verranno evasi dopo il 20 luglio.
10,00 €

-GIGA +FIGA

100% cotone Maglietta nera Serigrafia con slogan minimalista per nerd con stile. Gli ordini saranno evasi dopo il MI AMI.
TENIAMOCI IN CONTATTO
>
Iscriviti alla newsletter, niente spam, solo cose buone
>
CORRELATI >